Domanda per partecipare all'asta pubblica senza incanto indetta per la vendita un bene immobile di una procedura fallimentare

a cura di: Studio Meli S.r.l.

DOC | ID 233478 | pub. 01/02/2017 | 50 Kb
L'art 107 L.F prevede che le vendite e gli altri atti di liquidazione posti in essere in esecuzione del programma di liquidazione sono effettuati dal curatore tramite procedure competitive anche avvalendosi di soggetti specializzati, sulla base di stime effettuate, salvo il caso di beni di modesto valore, da parte di operatori esperti, assicurando, con adeguate forme di pubblicità, la massima informazione e partecipazione degli interessati. Le vendite e gli atti di liquidazione possono prevedere che il versamento del prezzo abbia luogo ratealmente; si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni di cui agli articoli 569, terzo comma, terzo periodo, 574, primo comma, secondo periodo e 587, primo comma, secondo periodo, del codice di procedura civile. In ogni caso, al fine di assicurare la massima informazione e partecipazione degli interessati, il curatore effettua la pubblicità prevista dall'articolo 490, primo comma, del codice di procedura civile, almeno trenta giorni prima dell'inizio della procedura competitiva.

Il curatore può prevedere nel programma di liquidazione che le vendite dei beni mobili, immobili e mobili registrati vengano effettuate dal giudice delegato secondo le disposizioni del codice di procedura civile in quanto compatibili.
Per i beni immobili e gli altri beni iscritti nei pubblici registri, prima del completamento delle operazioni di vendita, è data notizia mediante notificazione da parte del curatore, a ciascuno dei creditori ipotecari o comunque muniti di privilegio.
Il curatore può sospendere la vendita ove pervenga offerta irrevocabile d'acquisto migliorativa per un importo non inferiore al dieci per cento del prezzo offerto.
Degli esiti delle procedure, il curatore informa il giudice delegato ed il comitato dei creditori, depositando in cancelleria la relativa documentazione.
Se alla data di dichiarazione di fallimento sono pendenti procedure esecutive, il curatore può subentrarvi; in tale caso si applicano le disposizione del codice di procedura civile; altrimenti su istanza del curatore il giudice dell'esecuzione dichiara l'improcedibilità dell'esecuzione, salvi i casi di deroga di cui all'articolo 51.
Con regolamento del Ministro della giustizia, da adottare ai sensi dell'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, sono stabiliti requisiti di onorabilità e professionalità dei soggetti specializzati e degli operatori esperti dei quali il curatore può avvalersi ai sensi del primo comma, nonché i mezzi di pubblicità e trasparenza delle operazioni di vendita.

La vendita degli immobili deve sempre essere fatta tramite asta pubblica. È discrezione del giudice delegato, solo in casi particolari, solo quando il bene da vendere non è una quota intera, ma una piccola frazione, disporre modalità particolari per la vendita.
La legge però non prevede trattative private.

Il Giudice Delegato dispone la vendita dei beni immobili “nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano” con le relative servitù attive e passive.

Le modalità per partecipare all'asta si rinvengono nel decreto del giudice delegato che dispone la vendita “con incanto” dei beni immobili di compendio del fallimento.
Nel provvedimento che dispone la vendita, il Giudice Delegato stabilisce: se la vendita si deve fare in uno o più lotti, il prezzo base dell'incanto, il giorno e l'ora, il termine tra il compimento delle forme di pubblicità e l'asta, nonché le eventuali forme di pubblicità straordinaria. Il Giudice Delegato dispone altresì l'ammontare della cauzione e il termine entro il quale deve essere prestata dagli offerenti, la misura minima che si deve apportare alle offerte ed il termine entro il quale il prezzo deve essere depositata.

Secondo l'art. 579 c.p.c. ognuno, eccetto il debitore, è ammesso a fare offerte all'incanto.
La domanda, che viene presentata come modello nel seguito, può essere presentata su foglio semplice, con l'apposizione di una marca da bollo di euro 16,00.

Nella bozza proposta le opzioni, le alternative e in generale ciò che deve essere inserito o eliminato è fra parentesi quadre; le eventuali ulteriori opzioni all'interno delle parentesi quadre sono fra i segni “< >”; le note e i commenti sono in corsivo.

Documenti correlati:

Prezzo: 4,00 € +iva

Il documento è acquistabile a prezzo ridotto in uno o più pacchetti:

Altri documenti nella sezione LETTERE

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS