Mercoledì 1 febbraio 2017

Se il titolare di attività a rischio di incendio non rinnova il CPI commette reato

a cura di: AteneoWeb S.r.l.

La Corte di Cassazione, Terza Sezione penale, con la sentenza n. 3403 del 24 gennaio 2017, ha statuito che commette reato il titolare di attività a rischio di incendio che non rinnovi il certificato prevenzione incendi (CPI) entro la scadenza stabilita.

La Suprema Corte ha infatti precisato che "avendo il suddetto certificato efficacia temporalmente circoscritta all'arco di un quinquennio", il titolare di attività a rischio di incendio "è onerato di richiederne, alla scadenza, il rinnovo attraverso la procedura disciplinata dal medesimo regolamento volta ad attestare, previe le necessarie eventuali verifiche, l'assenza di variazioni alle condizioni di sicurezza antincendio anche in relazione al mutamento delle esigenze di salvaguardia delle medesime condizioni di sicurezza antincendio, essendo altrimenti la sua condizione di inadempiente integralmente parificata a quella di chi non abbia conseguito all'origine il certificato in esame".


Fonte: http://www.cortedicassazione.it
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web