Venerdì 28 luglio 2017

Perquisizione personale e successivo sequestro: la Cassazione sulla facoltà dell'indagato di farsi assistere da un difensore

a cura di: AteneoWeb S.r.l.

La Corte di Cassazione, Quinta sezione Penale, con la sentenza n. 36724 del 24 luglio 2017 ha chiarito che, nell'ipotesi in cui l'indagato, al momento della perquisizione personale, sia stato avvisato della facoltà di farsi assistere da un difensore di fiducia, non è necessario che riceva un ulteriore analogo avvertimento al momento dell'esecuzione del sequestro conseguente alla predetta perquisizione.

La Suprema Corte ha infatti precisato che "L'indubbio collegamento funzionale esistente tra l'atto di sequestro probatorio con la preventiva perquisizione rende evidente che l'avviso ex art. 114 disse. att. c.p.p. che gli operanti fanno all'indagato all'atto della perquisizione possa valere anche per il successivo eventuale sequestro, non essendo necessario che le operazioni ex art. 354 c.p.p. siano interrotte per dare all'indagato un nuovo avviso in sede di sequestro."


Fonte: http://www.cortedicassazione.it
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS