Venerdì 15 settembre 2017

Guida in stato di ebbrezza: il prelievo del sangue al pronto soccorso non richiede il consenso dell'interessato

a cura di: AteneoWeb S.r.l.

La Corte di Cassazione Penale, con la sentenza n. 39881/2017 si è espressa in merito all'utilizzabilità delle analisi del sangue effettuate, presso il Pronto soccorso, su una persona coinvolta in un incidente stradale senza che la stessa sia informata..

La vicenda ha riguardato un automobilista neo patentato che, essendosi messo alla guida in stato di ebbrezza, aveva causato in incidente stradale. L'imputato lamentava violazione di legge e vizio di motivazione in relazione alla questione dell'utilizzabilità delle analisi del sangue effettuate.

Dopo attenta analisi la Suprema Corte ha statuito che un prelievo ematico effettuato al pronto soccorso e nell'ambito dei normali protocolli sanitari, non necessita del consenso dell'interessato in quanto tale prelievo, "in assenza di indizi di reità a carico di un soggetto coinvolto in un incidente stradale e poi ricoverato, non rientra tra gli atti di polizia giudiziaria urgenti ed indifferibili ex art. 356 cod. proc. pen. e non sussiste, di conseguenza, nessun obbligo di avviso all'indagato della facoltà di farsi assistere da un difensore di fiducia".


Fonte: http://www.cortedicassazione.it
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS