Mercoledì 26 ottobre 2016

Incentivi per la mobilità in scadenza

a cura di: Studio Dott.ssa Giorgia Signaroldi
Legge 28 giugno 2012 n. 92.

A decorrere dal 1° gennaio 2017 per effetto dell'art 2 della legge n. 92/2012 sarà decretata la fine delle liste di mobilità.
Le agevolazioni connesse alla instaurazione di rapporti di lavoro con tali lavoratori potrebbero essere "sfruttate" in questi mesi che ci separano dalla fine dell'anno.

L'assunzione a tempo indeterminato di un lavoratore in mobilità comporta un abbattimento della quota contributiva a carico del datore di lavoro per diciotto mesi con una contribuzione del 10% sul reddito imponibile ai fini previdenziali. Il "godimento" è correlato al possesso di regolarità contributiva e non trova applicazione se l'assunzione è stata effettuata nei sei mesi successivi a licenziamenti per cause legate all'attività aziendale.

L'assunzione di un lavoratore in mobilità comporta anche un incentivo di natura economica: infatti, se goduta, il datore di lavoro percepisce, attraverso il sistema del conguaglio contributivo, il 50% dell'indennità di mobilità per un massimo di dodici mesi o periodo maggiore correlato all'età ed alla ubicazione geografica di residenza.

Anche l'assunzione con contratto di apprendistato di un lavoratore in mobilità consente di godere dell'incentivo economico di cui sopra. Per gli apprendisti è previsto anche un incentivo di natura normativa che sono esclusi dal computo numerico previsto da leggi o contratti collettivi per l'applicazione di particolari istituti. Inoltre, l'art. 8, comma 2, della legge n. 223/1991 incentiva sotto l'aspetto contributivo e sotto quello normativo l'assunzione a termine di lavoratori in mobilità per un massimo di dodici mesi, come mezzo per facilitare il loro reingresso nel mondo del lavoro. La quota di contribuzione a carico del datore di lavoro sulla retribuzione imponibile è pari al 10%. Se nel corso del rapporto lo stesso è trasformato a tempo indeterminato, il beneficio contributivo spetta per ulteriori dodici mesi. L'incentivo economico al momento della trasformazione a tempo indeterminato è cumulabile con quello previsto dalla legge di stabilità 2016 pari ad un massimo di 3.250 euro all'anno per due anni se la trasformazione avviene nel corso del 2016. La trasformazione del rapporto a tempo indeterminato va comunicata entro cinque giorni al centro per l'impiego, il ritardo comporta l'irrogazione della sanzione amministrativa compresa tra 100 e 500 euro, ma non la perdita del beneficio legato alla riduzione contributiva ed economica.
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report