Martedì 21 febbraio 2017

Dottori commercialisti ed esperti contabili - Approvato il nuovo Codice delle sanzioni disciplinari in vigore dal 1° gennaio 2017

a cura di: TuttoCamere.it

Dal 1° gennaio 2017 è entrato in vigore il nuovo Codice delle sanzioni disciplinari, approvato, lo scorso luglio, dal Consiglio Nazionale dei Dottori commercialisti ed esperti contabili (CNDCEC), dopo una consultazione pubblica scaduta il 30 giugno 2016.

La volontà di creare un apposito regolamento in materia di sanzioni disciplinari, nasce dall'esigenza di promuovere sul territorio nazionale un'applicazione uniforme dei provvedimenti sanzionatori in relazione alle stesse fattispecie, favorendo così il rispetto effettivo, in sede di irrogazione della sanzione, dei principi di proporzionalità e gradualità oltre che di eguaglianza e di parità di trattamento.

Il nuovo Codice fornisce, infatti, ai Consigli di disciplina territoriali indicazioni uniformi in ordine alle modalità e alla gradazione delle sanzioni disciplinari in caso di violazione delle singole norme deontologiche.

Il Codice delle sanzioni rappresenta l'ideale completamento del nuovo Codice deontologico in vigore dal 1° marzo 2016, e si applica, in sede di procedimento disciplinare, agli iscritti all'Albo in caso di violazione dei principi, degli obblighi e dei divieti stabiliti dallo stesso Codice Deontologico.

Il nuovo Codice delle sanzioni si divide in due Titoli ed è composto da 29 articoli.

Il Titolo Primo (artt. 1 - 10) è dedicato all'ambito di applicazione del Codice e alla natura e tipologia delle sanzioni; il Titolo Secondo (artt. 11 - 29) individua, invece, le sanzioni disciplinari comminabili in caso di violazione delle disposizioni del Codice deontologico della professione.
Le sanzioni disciplinari contemplate per la categoria professionale sono tre:

  • la censura (art. 5);
  • la sospensione dall'esercizio professionale per un periodo di tempo non superiore a due anni (art. 6);
  • la radiazione dall'Albo (art. 7).

Riguardo la formazione professionale e la maturazione dei relativi crediti, l'aggiornamento professionale viene ora inquadrato in un vero e proprio "obbligo", alla cui violazione corrisponde ora precise e ben chiare sanzioni.
Chi nel triennio, che parte dal 1° gennaio 2017, non osserva l'obbligo della formazione rischia, infatti, le seguenti sanzioni:

  • la sospensione dall'esercizio professionale fino a tre mesi in caso di assenza totale di crediti formativi professionali;
  • la sospensione fino a due mesi con meno di 30 crediti nel triennio;
  • la sospensione fino a un mese se i crediti maturati sono tra i 30 e i 60;
  • con almeno 60 crediti è prevista la censura.

Le sanzioni raddoppiano se il comportamento viene reiterato nel triennio successivo (art. 15).

Per scaricare il testo del Codice delle sanzioni disciplinari clicca qui.


Fonte: http://www.tuttocamere.it
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS