Mercoledì 27 febbraio 2019

Alimenti e bevande: per l'inquadramento fisale bisogna distinguere tra cessione e somministrazione

a cura di: AteneoWeb S.r.l.

Con il Principio di diritto n. 9 del 22 febbraio l'Agenzia delle Entrate chiarisce che, in merito all'applicazione dell'art. 16 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, ai fini del corretto inquadramento fiscale è necessaria una distinzione tra la somministrazione di alimenti e bevande e la cessione degli stessi.

A differenza delle cessioni, infatti, il contratto di somministrazione di alimenti e bevande è inquadrato nell'ambito delle fattispecie assimilate alle prestazioni di servizi dall'articolo 3, comma 2, n. 4) del d.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, ed è caratterizzato dalla commistione di "prestazioni di dare" e "prestazioni di fare".

Inoltre, mentre la "somministrazione di alimenti e bevande" è assoggettata all'aliquota del 10%, la "cessione" dovrà scontare l'aliquota applicabile in dipendenza della singola tipologia di bene alimentare venduto.


Fonte: https://www.agenziaentrate.gov.it
DOCUMENTI IN EVIDENZA:
   

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS