Studio Rag. Marco Di Maio Commercialista dove il cliente non è solo un numero di pratica
home page mdm.commercialista@iol.it
 
 
 
 
 

 
 
 
Ieri
Cos'è cambiato "Sotto i cieli d'Europa" nell'ultimo mezzo secolo, dopo la fine della convertibilità...
 
Ieri
Si ricorda che il prossimo 21 ottobre scade il termine per il versamento tramite F24 dell'imposta bollo...
 
altre notizie »
 
 

Crisi d'impresa - Accertamento dell'esistenza di crediti
 
 
  Giovedì 10/10/2019, a cura di TuttoCamere.it
 
 
  Un creditore, nell'ambito di una procedura di insolvenza, può insinuare un credito senza indicare formalmente la data in cui è sorto, quando la legge dello Stato membro nel cui territorio è stata aperta detta procedura non impone l'obbligo di indicare tale data e quest'ultima può essere dedotta dai documenti giustificativi. Una circostanza questa che spetta all'autorità competente, incaricata della verifica dei crediti, valutare.

A dichiararlo la Corte di Giustizia UE nella sentenza alla causa n. C 47/18 del 18 settembre 2019, intervenuta su un'azione di accertamento dell'esistenza di crediti.

L'articolo 41 del regolamento (CE) n. 1346/2000 del Consiglio, del 29 maggio 2000, relativo alle procedure di insolvenza, deve essere interpretato nel senso che esso stabilisce i requisiti massimi che possono essere imposti da una normativa nazionale per quanto riguarda il contenuto dell'insinuazione di un credito e che l'obbligo di comunicare la data di insorgenza del credito è soddisfatto qualora quest'ultima sia desumibile dai documenti prodotti in allegato all'insinuazione di credito, con susseguente verifica della validità dell'insinuazione secondo la legge dello Stato membro nel cui territorio è aperta la procedura principale (lex concursus).

Per scaricare il testo della Causa n. c 47/18 clicca qui.
 
 

  Fonte:
https://www.tuttocamere.it
 
 
 

Studio Di Maio
Via I Maggio - 26010 Casaletto Vaprio (CR) - Tel: 3385342508 - Fax: 0373274493 - email: mdm.commercialista@iol.it

P.IVA: 01177880190