Consulenza Aziendale e Tributaria
home page studio@colafelice.com
 

 
 
 
Oggi 09:17
A partire da aprile 2014 il Ministero della Giustizia, tramite il portale PST, ha reso disponibile un...
 
Oggi 07:00
In tema di agevolazioni fiscali per l'acquisto della prima casa, in caso di comunione dei beni tra coniugi,...
 
altre notizie »
 
 

Provvedimento Agenzia Entrate del 29.12.2017 (306414/2017)
 
 

Modificazioni al modello di comunicazione per la fruizione del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno, istituito dall’articolo 1, commi da 98 a 108, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, come modificato dall’articolo 7- quater del decreto-legge 29 dicembre 2016, n. 243, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2017, n. 18, approvato con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate del 14 aprile 2017

IL DIRETTORE DELL’AGENZIA

In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento

Dispone

1. Modificazioni al modello di comunicazione per la fruizione del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno, istituito dall’articolo 1, commi da 98 a 108, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, come modificato dall’articolo 7- quater del decreto-legge 29 dicembre 2016, n. 243, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2017, n. 18, approvato con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate del 14 aprile 2017

1.1. Al provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate del 14 aprile 2017, pubblicato in pari data, concernente l’approvazione del modello di comunicazione per la fruizione del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno istituito dall’articolo 1, commi da 98 a 108, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, come modificato dall’articolo 7- quater del decreto-legge 29 dicembre 2016, n. 243, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2017, n. 18, sono apportate le seguenti modifiche:

- nel frontespizio del modello, nel riquadro "DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO”, nella lettera o) sono aggiunte alla fine le seguenti parole: " (la presente dichiarazione è resa in caso di rettifica di una precedente comunicazione trasmessa entro il 10 gennaio 2018), oppure dichiara che nei due anni precedenti la domanda di aiuti a finalità regionale agli investimenti l’impresa non ha effettuato una delocalizzazione verso lo stabilimento in cui deve svolgersi l’investimento iniziale per il quale è richiesto l’aiuto e si impegna a non farlo nei due anni successivi al completamento dell’investimento iniziale oggetto dell’aiuto nella zona interessata, come previsto dall’art. 14, par. 16, del Regolamento (UE) n. 651/14, come modificato dal Regolamento (UE) 2017/1084 (quest’ultima dichiarazione è resa in caso di comunicazione presentata dall’11 gennaio 2018);”;

- alla pagina 3 delle istruzioni, al paragrafo "Dichiarazione sostitutiva di atto notorio”, nel secondo periodo, dopo le parole "Regolamento (UE) n. 651/2014” sono aggiunte le seguenti parole "e al Regolamento (UE) 2017/1084”;

- alla pagina 6 delle istruzioni, al quadro C "Elenco soggetti sottoposti alla verifica antimafia”, nel terzo periodo, dopo le parole "2. Direttore tecnico” sono aggiunte le seguenti parole ", Responsabile tecnico, Preposto alla Gestione tecnica”, dopo le parole "8. Membro del collegio sindacale” sono aggiunte le seguenti parole ", effettivo o supplente”, dopo le parole "12. Responsabile di sede secondaria oppure di stabile organizzazione in Italia di soggetto non residente” sono aggiunte le seguenti parole "13. Procuratore, Procuratore speciale” e dopo il quarto periodo è aggiunto il seguente periodo "Per familiari conviventi si intende chiunque conviva (purché maggiorenne) con i soggetti da controllare ex art. 85 del D.Lgs n. 159 del 2011”.

1.2. Il modello di comunicazione per la fruizione del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno istituito dall’articolo 1, commi da 98 a 108, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, come modificato dall’articolo 7- quater del decreto-legge 29 dicembre 2016, n. 243, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2017, n. 18, con le relative istruzioni, nella versione aggiornata con le modifiche di cui al punto 1.1, reso disponibile sul sito internet dell’Agenzia delle entrate, sostituisce il precedente modello a partire dall’11 gennaio 2018.

Motivazioni

Con il presente provvedimento sono approvate alcune modifiche al modello di comunicazione per la fruizione del credito d’imposta per gli investimenti nel mezzogiorno di cui all’articolo 1, commi da 98 a 108, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, come modificato dall’articolo 7- quaterdel decreto-legge 29 dicembre 2016,

n. 243, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2017, n. 18, e alle relative istruzioni, approvato con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate del 14 aprile 2017.

Le modifiche al modello si rendono necessarie per adeguarlo alla normativa europea entrata in vigore successivamente alla sua approvazione.

In data 20 giugno 2017 è stato, infatti, pubblicato nella GUUE il Regolamento (UE) 2017/1084 della Commissione del 14 giugno 2017 che modifica il Regolamento (UE) 651/2014 (Regolamento generale di esenzione – GBER). Le modifiche apportate, che hanno effetto sui regimi di aiuti a finalità regionale agli investimenti, prevedono:

- la soppressione della disposizione che escludeva dal campo di applicazione degli aiuti a finalità regionale i beneficiari che, nei due anni precedenti la domanda di aiuti agli investimenti, avevano chiuso una stessa attività o un’attività analoga nel SEE o che avevano concretamente in programma di farlo entro 2 anni dal completamento dell’investimento;

- l’introduzione di una nuova disposizione che obbliga il beneficiario che presenta domanda di aiuti a finalità regionale agli investimenti a confermare che non ha effettuato una delocalizzazione verso lo stabilimento in cui deve svolgersi l’investimento iniziale per il quale è richiesto l’aiuto nei due anni precedenti la domanda di aiuto ed a impegnarsi a non farlo nei due anni successivi al completamento dell’investimento iniziale per il quale è richiesto l’aiuto.

A norma dell’articolo 58, paragrafo 5, del Regolamento modificato, ogni regime di aiuti esentato a norma delle disposizioni del Regolamento applicabili al momento dell’entrata in vigore del regime, in caso di modifica del Regolamento, rimane esentato per un periodo transitorio di sei mesi (ossia fino al 10 gennaio 2018).

In attuazione del Regolamento (UE) 2017/1084 della Commissione del 14 giugno 2017 è, quindi, adottato il presente provvedimento con il quale sono approvate le modifiche al modello di comunicazione per la fruizione del credito d’imposta e alle relative istruzioni ed è fissato all’11 gennaio 2018 l’utilizzo della versione aggiornata del modello.

Le modifiche alle istruzioni al quadro C "Elenco soggetti sottoposti alla verifica antimafia” recepiscono le indicazioni fornite dalle Prefetture sull’applicazione del decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, in materia di documentazione antimafia.

Attribuzioni del Direttore dell’Agenzia delle entrate

Decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 (art. 57; art. 62; art. 66; art. 67, comma 1; art. 68, comma 1; art. 71, comma 3, lettera a); art. 73, comma 4);

Statuto dell’Agenzia delle entrate, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 42 del 20 febbraio 2001 (art. 5, comma 1; art. 6, comma 1);

Regolamento di amministrazione dell’Agenzia delle entrate, pubblicato nella Gazzetta Ufficialen. 36 del 13 febbraio 2001 (art. 2, comma 1);

Decreto del Ministro delle Finanze 28 dicembre 2000, pubblicato nella Gazzetta Ufficialen. 9 del 12 gennaio 2001.

Disciplina normativa di riferimento

Legge 28 dicembre 2015, n. 208, "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato” (art. 1, commi da 98 a 108);

Regolamento (UE) del 17 giugno 2014, n. 651 "Regolamento della Commissione che dichiara alcune categorie di aiuti compatibili con il mercato interno in applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato”;

Regolamento (UE) del 14 giugno 2017, n.1084 "Regolamento della Commissione che modifica il Regolamento (UE) n. 651/2014 per quanto riguarda gli aiuti alle infrastrutture portuali e aeroportuali, le soglie di notifica applicabili agli aiuti alla cultura e alla conservazione del patrimonio e agli aiuti alle infrastrutture sportive e alle infrastrutture ricreative multifunzionali, nonché i regimi di aiuti a finalità regionale al funzionamento nelle regioni ultraperiferiche, e modifica il Regolamento (UE) n. 702/2014 per quanto riguarda il calcolo dei costi ammissibili”;

Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate del 14 aprile 2017, recante approvazione del modello di comunicazione per la fruizione del credito d’imposta per gli investimenti nel mezzogiorno di cui all’articolo 1, commi da 98 a 108, della legge 28 dicembre 2015, n. 208.

 

« indietro
Studio Colafelice
Via Niccolo' Tommaseo n. 8 - 70022 Altamura (BA) - Tel: 080-3102977 - Fax: 080-9190534 - email: studio@colafelice.com
P.IVA: 02625570722