Consulenza Aziendale e Tributaria
home page studio@colafelice.com
 

 
 
 
Oggi 09:17
A partire da aprile 2014 il Ministero della Giustizia, tramite il portale PST, ha reso disponibile un...
 
Oggi 07:00
In tema di agevolazioni fiscali per l'acquisto della prima casa, in caso di comunione dei beni tra coniugi,...
 
altre notizie »
 
 

Provvedimento Agenzia Entrate del 28.12.2017 (306346/2017)
 
 

Approvazione del modello di dichiarazione dell’imposta di bollo assolta in modo virtuale, delle relative istruzioni e delle specifiche tecniche per la trasmissione telematica, nonché definizione delle modalità di esercizio dell’opzione per il pagamento in modo virtuale dell’imposta di bollo per gli assegni circolari

IL DIRETTORE DELL’AGENZIA

In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento

Dispone

1. Approvazione del modello di dichiarazione dell’imposta di bollo assolta in modo virtuale

È approvato, unitamente alle relative istruzioni alla compilazione, il modello di dichiarazione dell’imposta di bollo assolta in modo virtuale previsto dall’articolo 15, comma 5 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642, come modificato dall’articolo 1, comma 597, della legge 27 dicembre 2013, n. 147.

1.1. Descrizione e contenuto del modello Il modello è composto da:

- l’informativa sul trattamento dei dati personali di cui all’articolo 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196;

- i dati generali, tra cui gli estremi dell’autorizzazione al pagamento dell’imposta di bollo in modo virtuale, la richiesta di esercizio dell’opzione e la relativa revoca per l’assolvimento in modo virtuale dell’imposta di bollo per gli assegni circolari;

- i dati del contribuente nonché quelli relativi ai soggetti non residenti;

- i dati relativi al rappresentante firmatario della dichiarazione, nonché la sezione riservata all’impegno alla presentazione in via telematica da parte dell’intermediario;

- il quadro A - "Atti e documenti soggetti a imposta fissa”, per l’indicazione degli atti e documenti per i quali è ammesso il pagamento in misura fissa;

- il quadro B - "Atti e documenti soggetti a imposta proporzionale” per l’indicazione degli atti e documenti per i quali è ammesso il pagamento in misura proporzionale.

Eventuali aggiornamenti delle istruzioni saranno pubblicati nell’apposita sezione del sito internet dell’Agenzia delle entrate e ne sarà data relativa comunicazione.

1.2. Ambito di applicazione

Il modello di cui al punto 1 deve essere utilizzato per la dichiarazione ai fini dell’imposta di bollo in modo virtuale relativa agli atti e documenti emessi nell’anno precedente, nonché, in caso di rinunzia all’autorizzazione, per il periodo compreso tra il 1° gennaio e il giorno da cui ha effetto la rinunzia.

Il modello deve essere, altresì, utilizzato per esprimere la volontà di rinunciare all’autorizzazione in luogo dell’apposita comunicazione scritta all’ufficio territoriale competente.

Lo stesso modello è utilizzato per effettuare l’opzione per il pagamento con modalità virtuale dell’imposta di bollo per gli assegni circolari, in alternativa alle modalità di dichiarazione e versamento previste dall’articolo 10 della parte I della tariffa allegata al decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642. Con analoga modalità è comunicata la relativa revoca.

Il modello approvato con il presente provvedimento, che sostituisce quello approvato con provvedimento del Direttore dell’Agenzia del 17 dicembre 2015, potrà essere utilizzato a partire dal mese di gennaio 2018.

1.3. Esercizio dell’opzione per il pagamento con modalità virtuale dell’imposta di bollo per gli assegni circolari

L’opzione, effettuata nel modello di dichiarazione dell’imposta di bollo assolta in modo virtuale, esplica efficacia per l’intero anno solare successivo a quello di riferimento della dichiarazione e si rinnova tacitamente per gli anni solari successivi fino all’eventuale comunicazione di revoca.

Tale opzione è validamente esercitata qualora la dichiarazione relativa all’anno precedente è presentata nei termini.

La revoca produce i suoi effetti a decorrere dall’anno successivo a quello di riferimento della dichiarazione nella quale si effettua, sempreché la dichiarazione stessa sia tempestivamente presentata. In caso di dichiarazione tardiva, la revoca ha efficacia a decorrere dall’anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione.

1.4. Reperibilità del modello e autorizzazione alla stampa

Il modello di cui al punto 1 è reso disponibile gratuitamente dell’Agenzia delle entrate in formato elettronico sul sito internet www.agenziaentrate.gov.it,può essere utilizzato e stampato nel rispetto, in fase di stampa, delle caratteristiche tecniche contenute nell’Allegato A al presente provvedimento.

Il modello può essere prelevato anche da altri siti internet, a condizione che lo stesso sia conforme, per struttura e sequenza, a quello approvato con il presente provvedimento e rechi l’indirizzo del sito dal quale è stato prelevato, nonché gli estremi del presente provvedimento.

Il modello può essere riprodotto con stampa monocromatica, realizzata in colore nero, mediante l’utilizzo di stampanti laser o di altri tipi di stampanti che comunque garantiscano la chiarezza e l’intelligibilità del modello nel tempo.

1.5. Modalità di presentazione

Il modello è presentato esclusivamente in modalità telematica:

a) direttamente, dai contribuenti abilitati ai servizi telematici dell’Agenzia delle entrate (Entratel o Fisconline);

b) tramite di uno dei soggetti, incaricati della trasmissione delle dichiarazioni, di cui all’articolo 3, comma 3, del decreto del Presidente della Repubblica 22 luglio 1998, n. 322.

2. Approvazione delle specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei dati

Gli utenti del servizio telematico devono trasmettere per via telematica i dati contenuti nel modello di dichiarazione di cui al punto 1 secondo le specifiche tecniche per la trasmissione telematica contenute nell’Allegato B al presente provvedimento.

Eventuali correzioni alle specifiche tecniche saranno pubblicate nell’apposita sezione del sito internet dell’Agenzia delle entrate e ne sarà data relativa comunicazione.

3. Applicazioni informatiche

Per la compilazione e presentazione in via telematica del modello di cui al punto 1.1., sul sito internet www.agenziaentrate.gov.it. è reso disponibile

gratuitamente l’apposito prodotto software.

Motivazioni

Con il presente provvedimento sono approvati il modello per la "Dichiarazione dell’imposta di bollo assolta in modo virtuale”, le relative istruzioni per la compilazione e le specifiche tecniche per la trasmissione in via telematica.

Tale modello, che sostituisce quello approvato con provvedimento del Direttore dell’Agenzia del 17 dicembre 2015, prevede la possibilità di esercitare l’opzione per il pagamento dell’imposta di bollo in modo virtuale per gli assegni circolari, di cui all’articolo 10, parte I, della tariffa allegata al decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972 n. 642, nonché la facoltà di revoca della stessa.

Sono definite, altresì, le modalità per l’esercizio della suddetta opzione, così come previsto dall’articolo 7-quater, comma 25, del decreto legge 22 ottobre 2016, n.

193, convertito con modificazioni dalla legge 1 dicembre 2016, n. 225.

Da ultimo, al fine di semplificare l’adempimento dichiarativo, nel modello è stato eliminato il quadro per l’indicazione dei versamenti effettuati per l’anno di riferimento della dichiarazione.

Riferimenti normativi

Attribuzioni del Direttore dell’Agenzia delle entrate

Decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, (art. 57; art. 62; art. 66; art. 67, comma 1; art. 68, comma 1; art. 71, comma 3, lettera a); art. 73, comma 4);

Statuto dell’Agenzia delle entrate, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 42 del 20 febbraio 2001 (art. 5, comma 1; art. 6, comma 1);

Regolamento di amministrazione dell’Agenzia delle entrate, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 36 del 13 febbraio 2001 (art. 2, comma 1);

Decreto del Ministro delle Finanze 28 dicembre 2000, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 9 del 12 gennaio 2001.

Disciplina normativa di riferimento

Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642, recante le disposizioni tributarie in materia dell’imposta di bollo;

Decreto del 7 giugno 1973, recante la determinazione delle categorie degli atti e documenti per i quali può essere consentito il pagamento dell’imposta di bollo in modo virtuale;

Decreto del Presidente della Repubblica 22 luglio 1998, n. 322, e successive modificazioni, recante modalità per la presentazione delle dichiarazioni relative alle imposte sui redditi, all’imposta regionale sulle attività produttive e all’imposta sul valore aggiunto;

Decreto dirigenziale 31 luglio 1998, e successive modificazioni, recante modalità tecniche di trasmissione telematica delle dichiarazioni e dei contratti di locazione e di affitto da sottoporre a registrazione, nonché di esecuzione telematica dei pagamenti;

Decreto Legge del 31 maggio 2010 n. 78, convertito, con modificazioni dalla legge 30 luglio 2010 n. 122, recante misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica;

Legge 27 dicembre 2013, n. 147 - art. 1, comma 597, riguardante le disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2014);

Decreto Legge del 22 ottobre 2016 n. 193, art. 7-quater, comma 25, convertito, con modificazioni, dalla legge 1 dicembre 2016 n. 225.

La pubblicazione del presente provvedimento sul sito internet dell’Agenzia delle entrate tiene luogo della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale ai sensi dell’articolo 1, comma 361, della legge 24 dicembre 2007 n. 244.

ALLEGATO A

CARATTERISTICHE TECNICHE PER LA STAMPA DEL MODELLO

Struttura e formato del modello

Il modello deve essere predisposto su fogli singoli, di formato A4, separatamente dalle istruzioni, e avente le seguenti dimensioni: larghezza: cm 21,0; altezza: cm 29,7.

E’ consentita la predisposizione del modello e delle relative istruzioni su moduli meccanografici a striscia continua a pagina singola, di formato A4, esclusi gli spazi occupati dalle bande laterali di trascinamento.

E’ altresì consentita la riproduzione e l’eventuale compilazione meccanografica del modello su fogli singoli, di formato A4, mediante l’utilizzo di stampanti laser o di altri tipi di stampanti che comunque garantiscano la chiarezza e la leggibilità del modello nel tempo.

Il modello deve avere conformità di struttura e sequenza con quello approvato con il presente provvedimento, anche per quanto riguarda la sequenza dei campi e l’intestazione dei dati richiesti.

Sul bordo laterale sinistro del modello di cui al presente provvedimento devono essere indicati i dati identificativi del soggetto che ne cura la stampa o che cura la predisposizione delle immagini grafiche per la stampa e gli estremi del presente provvedimento.

Caratteristiche della carta del modello e delle istruzioni

La carta utilizzata per il modello deve essere di colore bianco con opacità compresa tra l’86 e l’88 per cento e deve avere un peso compreso tra gli 80 e i 90 gr/mq.

Caratteristiche grafiche del modello e delle relative istruzioni

I contenuti grafici del modello devono risultare conformi al fac-simile annesso al presente provvedimento e devono essere ricompresi all’interno di un’area grafica che ha le seguenti dimensioni: altezza 65 sesti di pollice; larghezza 75 decimi di pollice.

Tale area deve essere posta in posizione centrale rispetto ai bordi fisici del foglio (superiore, inferiore, destro e sinistro).

Colori

Per la stampa tipografica del modello deve essere utilizzato il colore nero e il colore blu (PANTONE 2735 U).

Per la stampa delle istruzioni deve essere utilizzato il colore nero e il colore blu (PANTONE 2735 U).


 

« indietro
Studio Colafelice
Via Niccolo' Tommaseo n. 8 - 70022 Altamura (BA) - Tel: 080-3102977 - Fax: 080-9190534 - email: studio@colafelice.com
P.IVA: 02625570722