Consulenza Aziendale e Tributaria
home page studio@colafelice.com
 

 
 
 
Oggi 07:00
Con il provvedimento n. 232 del 18 aprile 2018, inserito nella newsletter del 29 maggio 2018, il Garante...
 
Oggi 07:00
Con la Risoluzione n. 45/E del 19 giugno 2018 l'Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo per...
 
altre notizie »
 
 

Vistoso gap tra prezzo e mutuo: inattendibili i ricavi dichiarati
 
 
  Lunedì 11/09/2017, a cura di FiscoOggi
 
 
 

I giudici tributari sono tenuti a valutare complessivamente gli elementi indiziari per accertare se sono concordanti e se la loro combinazione può assurgere a valida prova presuntiva.

Con l'ordinanza 22378 del 24 agosto 2017, la Corte di cassazione ha affermato che la discordanza tra l'importo del mutuo contratto dagli acquirenti e il prezzo di vendita dichiarato nel relativo atto pubblico, se unita ad altri elementi indiziari coi quali va raccordata, costituisce valida presunzione legittimante la determinazione induttiva dei ricavi in forza di presunzioni semplici ex articolo 39 del Dpr 600/1973.

Il tribunale di legittimità, inoltre, mediante un richiamo a precedente ordinanza (n. 5374/2017) emessa dalla medesima sezione, ha ribadito la necessità che il giudice tributario valuti la concordanza di tutti gli elementi indiziari offerti dall'amministrazione finanziaria per stabilire se la loro combinazione possa fornire una valida prova presuntiva e assurgere a "presunzione grave precisa e concordante" nell'accezione recata dal citato articolo 39.
 
 

  Fonte:
http://www.fiscooggi.it
 
 
 
Studio Colafelice
Via Niccolo' Tommaseo n. 8 - 70022 Altamura (BA) - Tel: 080-3102977 - Fax: 080-9190534 - email: studio@colafelice.com
P.IVA: 02625570722