Mercoledì 5 aprile 2017

Avvocati: è illecito deontologico azionare un procedimento esecutivo immobiliare per un credito esiguo

a cura di: Studio Legale Mancusi

Le iniziative giudiziali (ivi compresa, estensivamente, la notificazione di un precetto) da proporre nei confronti della controparte devono corrispondere a effettive ragioni di tutela del proprio cliente, e non devono essere inutilmente vessatorie.

E' quanto ha stabilito il Consiglio Nazionale Forense, con la sentenza del 2 maggio 2016, n. 102, mediante la quale ha rigettato il ricorso e confermato quanto già deciso dal Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Modica.

La vicenda
La pronuncia traeva origine dal FATTO che il Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Modica, riceveva ordinanza trasmessa dal Giudice dell'esecuzione del Tribunale di Modica, con cui il Magistrato evidenziava la possibile sussistenza di profili di illiceità disciplinare a carico dell'Avvocato TIZIO, con riferimento agli artt. 6 e 22 CDF.

Dall'esame della documentazione riveniente dalla Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari del Tribunale di Modica emergeva che, dopo aver richiesto ed ottenuto l'emissione di un decreto ingiuntivo nei confronti della Sig.ra MEVIA per la somma di euro ........., essendo rimasto impagato tale decreto ingiuntivo (non opposto dalla controparte), l'Avv. TIZIO aveva notificato alla Sig.ra MEVIA il relativo atto di precetto e fatto eseguire in danno della debitrice un pignoramento avente ad oggetto i 2/24 di quattro beni immobili, successivamente chiedendone la vendita ed avviando il relativo procedimento esecutivo.

Il Coa di Modica riteneva, quindi, di aprire il procedimento disciplinare a carico dell'avv. TIZIO, contestandogli il seguente capo d'incolpazione: violazione degli artt. 6 e 49 C.D.F., poiché, con condotta professionalmente sleale e scorretta, attraverso l'adozione di onerose e plurime iniziative giudiziali, avrebbe aggravato la situazione debitoria della controparte (Sig.ra MEVIA) nell'ambito di più giudizi promossi nell'interesse di una Società sua Assistita (l'Associazione agricola "XX in liquidazione").

All'esito del giudizio disciplinare di primo grado, il C.O.A. di Modica riteneva sussistente la violazione, da parte dell'incolpato, delle citate norme deontologiche, e gli irrogava la sanzione della censura.

Con ricorso del 2013 l'avv. TIZIO insorgeva avverso la decisione del COA affidando le sue censure a tre motivi di impugnazione.

I motivi di ricorso
Con il primo motivo, il ricorrente ha lamentato l'insussistenza e comunque la mancata integrazione - nel caso di specie - dell'illecito deontologico di cui all'art. 49 C.D.F. sostenendo come la via del pignoramento immobiliare fosse stata la più opportuna e la meno gravosa per la debitrice, poiché ogni diversa iniziativa volta al recupero del misero credito sarebbe naufragata ed avrebbe dunque determinato un aumento ulteriore del credito medesimo.

Con il secondo motivo di impugnazione, il ricorrente ha lamentato l'insussistenza e comunque la mancata integrazione dell'illecito deontologico non avendo egli fatto ricorso a mezzi illeciti o anche solo irregolari per coltivare la propria strategia difensiva.

Con il terzo motivo di impugnazione, il ricorrente ha lamentato l'abnormità e comunque l'eccessivo rigore della sanzione disciplinare della censura.



La decisione
Il Consiglio Nazionale Forense, chiamato a pronunciarsi, mediante la citata sentenza n. 102/2016 ha ritenuto i motivi infondati ed ha rigettato il ricorso.

Osserva l'Organo disciplinare di prime cure come, a seguito di apposita istanza avanzata dalla debitrice nell'ambito della procedura esecutiva avviata dall'Avv. TIZIO il pignoramento immobiliare veniva convertito dal Giudice dell'Esecuzione nella somma pari ad euro ............ (oltre accessori di legge) a fronte di un credito originario di euro ......... , con conseguente enorme aggravio di spese a carico della Sig.ra MEVIA.

Secondo il C.O.A. di Modica, se è vero che nel nostro ordinamento non esiste una soglia minima al di sotto della quale non sia possibile procedere al pignoramento immobiliare, l'ordinamento medesimo prevede strumenti alternativi a quello perseguito dall'Avv. TIZIO, che avrebbero ugualmente consentito di recuperare l'esigua somma dovuta dalla debitrice.

A ciò l'Organo territoriale aggiungeva che l'iniziativa assunta dall'incolpato comportava certamente un inutile e rilevante aggravio di spese a carico della debitrice, senza che ciò corrispondesse ad effettive ragioni di tutela della propria assistita.

Ritiene il C.N.F. che la motivazione è condivisibile.

Infatti, il ricorso all'istituto della conversione del pignoramento da parte della esponente segnala la sua volontà di adempimento, anche in presenza di un così considerevole aggravio di spese a suo danno.

E' noto, ricorda il C.N.F., il proprio orientamento in tema di interpretazione dell'art. 49 CDF laddove ha affermato che "le iniziative giudiziali (ivi compresa, estensivamente, la notificazione di un precetto) da proporre nei confronti della controparte devono corrispondere a effettive ragioni di tutela del proprio cliente, e non devono essere inutilmente vessatorie." (Cons. Naz. Forense 19-07-2013, n. 117).

Infime, la semplice considerazione in fatto che il debito finale della esponente, in origine di euro 40,38, sia lievitato ad oltre 2.600 euro tutti riconducibili a spese e onorari, esclude che l'intento dell'incolpato fosse quello di tutelare gli interessi del proprio cliente e fulmina di illiceità il comportamento denunziato.

Fonte: http://www.avvocatoamilcaremancusi.com
AUTORE:

Avv. Amilcare Mancusi

Avvocato
Studio Legale Mancusi
Dopo gli studi umanistici, ha conseguito la Laurea in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi Federico II di Napoli discutendo una tesi sull'autonomia ed indipendenza della Magistratura. Ha conseguito...
l'abilitazione professionale presso la Corte di Appello di Salerno.
E' iscritto all'Albo degli Avvocati di Nocera Inferiore dal 1992, e ha svolto la sua attività dapprima in collaborazione con altro studio legale nel quale si è formato, e poi nel suo studio ubicato a Sarno (Sa).
Lo studio offre consulenza ed assistenza legale in Diritto di Famiglia (separazioni, divorzi, riconoscimento figli, affidamento, eredità, interdizione) e in Diritto Civile (recupero crediti, condomino, locazioni, obbligazioni, contrattualistica) con particolare riguardo alla Responsabilità Civile.
Si occupa inoltre di controversie in materia di Diritto Amministrativo.
Lo Studio Legale Mancusi opera prevalentemente presso gli Uffici Giudiziari del distretto di Salerno (Tribunali Ordinari, Corti d'Appello, e Tribunali dei Minori) e nel corso degli anni ha instaurato una fattiva e duratura collaborazione professionale con molti Studi Legali ubicati su tutto il territorio nazionale.
Ha attivato un sito professionale e di informazione giuridica: www.avvocatoamilcaremancusi.com – Punto di Diritto
Unitamente all'esercizio della professione, si è impegnato in politica e nella Pubblica Amministrazione rivestendo i ruoli di Consigliere Comunale dal 1995 e per più mandati prima, di Sindaco della sua città dal 2004 al 2014 e di assessore alla Provincia di Salerno dal 2012 al 2014. E' stato Vicepresidente prima e Presidente poi della Agroinvest S.p.a., Società di trasformazione urbana della Patto dell'Agro.
Crede nell'impegno sociale, per la promozione nel territorio della cultura e della solidarietà. E' Vicepresidente della Proloco di Sarno e componente della A.M.C.I. (Associazione Medici Cattolici italiani) di Nocera-Sarno.
Colleziona penne ed orologi a carica manuale ed automatici e nel tempo libero pratica il running.
DOCUMENTI CORRELATI:

Documenti correlati:

Altri approfondimenti

tutti gli approfondimenti

Gli approfondimenti più letti

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS