Risoluzione Agenzia Entrate n.5 del 19.01.2015

 

Consulenza giuridica IRAP Determinazione della base imponibile ed aliquota applicabile ai CONFIDI (Art. 6 del D.Lgs. 15 dicembre 1997, n. 446)


Con la richiesta di consulenza giuridica specificata in oggetto, concernente linterpretazione del D. Lgs. 15 dicembre 1997, n. 446, stato esposto il seguente
QUESITO

ALFA ha chiesto chiarimenti in merito al trattamento - agli effetti dellIRAP - applicabile ai Consorzi di garanzia dei fidi (di seguito Confidi).
In particolare, ALFA ha chiesto conferma circa la possibilit per i Confidi - pur essendo gli stessi compresi tra i soggetti disciplinati dal Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia di cui al decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 (di seguito TUB) - di applicare:
a) relativamente alla determinazione della base imponibile, larticolo 10, comma 1, del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446, che prevede il c.d. "metodo retributivo;
b) laliquota ordinaria del 3,9 per cento prevista per tutti gli enti non commerciali e non gi la maggiore aliquota (4,65 per cento) prevista per le banche e gli altri enti finanziari che determinano la base imponibile secondo le disposizioni dellarticolo 6 del citato D.Lgs. n. 446 del 1997.

 

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA


ALFA ritiene che per i Confidi valga, in ogni caso, la determinazione della base imponibile col metodo retributivo e lapplicazione dellaliquota ordinaria; ci in forza del richiamo allarticolo 10, comma 1, del D.Lgs. n. 446 del 1997, applicabile agli enti privati non commerciali, operato dallarticolo 13, comma 47, del decreto legge 30 settembre 2003, n. 269 (legge-quadro sul riordino delle norme in materia di confidi).
Pi in particolare, in relazione al calcolo della base imponibile, non rileva la circostanza che, a seguito del superamento di una soglia di volumi di attivit determinata dalla legge, alcuni consorzi siano obbligati a trasformarsi in intermediari vigilati tenuti ad iscriversi nellelenco speciale, ai sensi dellarticolo 107 del TUB. Sul punto, lente interpellante richiama le disposizioni contenute nellarticolo 13 del decreto legge n. 269 del 2003, che - "a differenza della corrispondente norma introdotta dallarticolo 4 del decreto legislativo 19 novembre 1998, n. 422 - non fanno pi riferimento ai soli confidi iscritti nellapposita sezione dellelenco previsto dallarticolo 106 del TUB, bens ai Confidi comunque costituiti. Con riferimento allaliquota dimposta, lelevazione dal 3,9 per cento al 4,65 per cento, non avrebbe alcuna conseguenza (come avvenuto anche per il passato) per i Confidi "proprio in virt della loro assimilazione sostanziale agli enti non commerciali, comprovata anche dalla collocazione degli stessi, nellambito dei modelli di dichiarazione, "al di fuori della sezione del quadro IRAP riguardante le banche e gli altri soggetti finanziari.

 

 

PARERE DELLAGENZIA DELLE ENTRATE


Larticolo 13, comma 45, del citato D.L. n. 269 del 2003 prevede che "ai fini delle imposte sui redditi i confidi, comunque costituiti, si considerano enti commerciali.

Il successivo comma 47 del medesimo articolo 13 dispone, inoltre, che "i confidi, comunque costituiti, determinano in ogni caso il valore della produzione netta secondo le modalit contenute nellarticolo 10, comma 1, del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446 e successive modificazioni, secondo il quale "Per gli enti privati non commerciali (), la base imponibile determinata in un importo pari allammontare delle retribuzioni spettanti al personale dipendente, dei redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente (), e dei compensi erogati per la collaborazione coordinata e continuativa (), nonché per attivit di lavoro autonomo non esercitate abitualmente ().

Va osservato che, da un punto di vista "rigorosamente soggettivo, i Confidi, in quanto operanti nel settore finanziario, sarebbero generalmente riconducibili tra i soggetti "() indicati nellarticolo 1 del decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 87, e successive modificazioni, per i quali, ai sensi dellarticolo 6, comma 1, del D.Lgs. n. 446 del 1997, "() salvo quanto previsto nei successivi commi, la base imponibile determinata dalla somma algebrica delle () voci del conto economico ().
La circostanza che il tenore letterale delle disposizioni contenute nel menzionato articolo 13, comma 47, del D.L. n. 269 del 2003 imponga ai Confidi, "comunque costituiti, di determinare "in ogni caso il valore della produzione netta secondo le modalit di cui allarticolo 10, comma 1, del D.Lgs. n. 446 del 1997 (c.d. "metodo retributivo), porta a ritenere che il legislatore abbia voluto riservare ai Confidi - seppur soggettivamente configurabili quali enti finanziari - la capacit di determinare il valore della produzione netta secondo le regole previste per gli enti privati non commerciali.
La descritta scelta legislativa comporta che, in ordine alla individuazione della soggettivit passiva dei Confidi, non pu valere il riferimento a "le banche e gli altri enti e societ finanziari contenuto nellarticolo 6 del D.Lgs. n. 446, la cui applicazione deve comunque intendersi, in via generale, necessariamente vincolata anche al metodo di calcolo della base imponibile in esso indicato.
Per i Confidi, dunque, la sussistenza del solo requisito soggettivo non rappresenta un elemento sufficiente per poter giustificare lapplicazione (tanto in termini di determinazione della base imponibile, quanto in relazione allindividuazione dellaliquota applicabile) del regime IRAP proprio delle banche ed altri soggetti finanziari.
Il peculiare trattamento tributario dei consorzi in parola ai fini del tributo regionale, peraltro, trova origine nel decreto legislativo 19 novembre 1998, n. 422, che, allarticolo 4, comma 1, lettera b), aveva aggiunto i "consorzi di garanzia collettiva fidi di primo e secondo grado tra i soggetti che determinano la base imponibile IRAP secondo le disposizioni dellarticolo 10 del pi volte citato D. Lgs. n. 446 del 1997.
Conformemente alla ricostruzione operata, nei modelli di dichiarazione, i Confidi - sin dallorigine - sono stati inseriti nella sezione del quadro IRAP riservata ai soggetti esercenti attivit industriali e commerciali, al pari delle cooperative edilizie (anchesse soggette alle medesime e peculiari regole di calcolo della base imponibile) e non gi nella Seconda Sezione (riservata alle banche ed agli altri soggetti finanziari), pur nella consapevolezza che si trattasse di soggetti finanziari; in linea con le osservazioni svolte anche lattuale collocazione nel modello IRAP 2014 (rigo IC63 della Sezione V - Societ in regime forfetario).
Le considerazioni sopra evidenziate portano a confermare quanto prospettato dallistante; pertanto, i Confidi, che determinano la base imponibile col "metodo retributivo, non devono applicare la maggiorazione di aliquota prevista per i soggetti di cui allarticolo 6 del D.Lgs. n. 446 del 1997.
Le Direzioni regionali vigileranno affinché i principi enunciati e le istruzioni fornite con la presente risoluzione vengano puntualmente osservati dalle Direzioni provinciali e dagli Uffici dipendenti.



Altri utenti hanno acquistato

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali