Risoluzione Agenzia Entrate n.28 del 18.03.2015

 

Istituzione dei codici tributo per il versamento, tramite il modello F24 Accise, delle somme dovute ai sensi dellarticolo 1, commi da 643 a 650, della legge 23 dicembre 2014, n. 190

Il decreto del Ministro delleconomia e delle finanze 18 luglio 2003 consente la riscossione delle entrate tributarie ed extratributarie, incluse quelle a titolo di sanzione, di pertinenza dellAmministrazione autonoma dei monopoli di Stato (ora Agenzia delle dogane e dei monopoli Area Monopoli), con le modalit stabilite dallarticolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241.
Larticolo 1, comma 643, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge di stabilit 2015), prevede che, a decorrere dal 1 gennaio 2015, ai soggetti attivi alla data del 30 ottobre 2014, che comunque offrono scommesse con vincite in denaro in Italia, per conto proprio ovvero di soggetti terzi, anche esteri, senza essere collegati al totalizzatore nazionale dell'Agenzia delle dogane e dei monopoli, consentito regolarizzare la propria posizione alle condizioni previste dal medesimo comma.
In particolare, la lettera e) del citato comma 643, dispone che "la regolarizzazione fiscale si perfeziona con il versamento dell'imposta unica di cui al decreto legislativo 23 dicembre 1998, n. 504, e successive modificazioni, dovuta per i periodi d'imposta anteriori a quello del 2015 e per i quali non sia ancora scaduto il termine di decadenza per l'accertamento, determinata con le modalit previste dall'articolo 24, comma 10, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111. Limposta cos definita, ridotta di un terzo e senza applicazione di sanzioni e interessi, versata in due rate di pari importo che scadono, rispettivamente, il 30 giugno e il 30 novembre 2015.
Per consentire il versamento, mediante il modello F24 Accise, dellimposta in parola, si istituiscono i seguenti codici tributo:
  • "5382 denominato "Regolarizzazione fiscale di cui allart. 1, c. 643, lett. e), della legge 23/12/2014, n. 190;
  • "5383 denominato "Regolarizzazione fiscale di cui allart. 1, c. 643, lett. e), della legge 23/12/2014, n. 190 di competenza della regione Sicilia.
In sede di compilazione del modello "F24 Accise, i suddetti codici tributo sono esposti nella "Sezione Accise/Monopoli e altri versamenti non ammessi in compensazione in corrispondenza delle somme indicate nella colonna "importi a debito versati, indicando:
- nel campo "ente, la lettera "M;
- nel campo "provincia, la sigla della provincia ove ha il domicilio fiscale il soggetto tenuto al versamento;
- nel campo "codice identificativo, il codice concessione (ad esempio 123456 o, nel caso non sia presente, 999999);
- nel campo "rateazione, il numero della rata nel formato "NNRR, dove "NN rappresenta il numero della rata in pagamento e "RR indica il numero complessivo delle rate (0102 per la prima rata e 0202 per la seconda);
- nel campo "mese, il mese per cui si effettua il pagamento, nel formato "MM (06 per il mese di giugno, 11 per il mese di novembre);
- nel campo "anno di riferimento, lanno per cui si effettua il pagamento, nel formato "AAAA; - nel campo "codice ufficio, nessun valore;
- nel campo "codice atto, nessun valore.
Larticolo 1, comma 644, lettera h), della legge 23 dicembre 2014, n. 190 stabilisce le sanzioni amministrative pecuniarie da applicare in caso di violazione degli obblighi e dei divieti previsti dal medesimo comma nei riguardi dei soggetti indicati al comma precedente che non aderiscono al regime di regolarizzazione, oppure che, pur avendo aderito a tale regime, ne sono decaduti. In particolare:
- il punto 1) prevede la sanzione da euro 10.000 a euro 50.000 per la violazione della disposizione di cui alla lettera b), relativa al divieto di raccolta per eventi non inseriti nel palinsesto, anche complementare, reso disponibile nel sito internet istituzionale dellAgenzia delle dogane e dei monopoli;
- il punto 2) prevede la sanzione da euro 50.000 a euro 100.000 per la violazione della disposizione di cui alla lettera c), relativa al divieto di raccolta di scommesse che consentono vincite superiori a euro 10.000;
- il punto 5) prevede la sanzione di euro 5.000 in caso di violazione della disposizione di cui alla lettera e), relativa allobbligo di comunicazione dei dati anagrafici e dellesistenza dellattivit di raccolta di gioco con vincita in denaro da parte del titolare dellesercizio o del punto di raccolta, nonché del proprietario dellimmobile in cui gli stessi hanno sede. La sanzione raddoppiata se tali soggetti non provvedono alla comunicazione nel termine di sette giorni dalla contestazione.
Larticolo 1, comma 648, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 dispone che, per ciascun apparecchio di cui al comma 646, il titolare dell'esercizio pubblico soggetto, tra laltro, alla sanzione amministrativa pecuniaria di euro 20.000. Inoltre, il medesimo titolare soggetto alla sanzione di euro 200 per ogni giorno di ritardo nella distruzione dell'apparecchio confiscato ovvero nella consegna dei componenti secondo quanto disposto dallo stesso comma 648.
Per consentire il versamento, mediante il modello F24 Accise, delle sanzioni amministrative pecuniarie in parola, si istituiscono i seguenti codici tributo:
  • "5384 denominato "Sanzione pecuniaria amministrativa di cui allart. 1, c. 644, lett. h), n. 1), della legge 23/12/2014, n. 190;
  • "5385 denominato "Sanzione pecuniaria amministrativa di cui allart. 1, c. 644, lett. h), n. 2), della legge 23/12/2014, n. 190;
  • "5386 denominato "Sanzione pecuniaria amministrativa di cui allart. 1, c. 644, lett. h), n. 5), della legge 23/12/2014, n. 190;
  • "5387 denominato "Sanzione pecuniaria amministrativa di cui allart. 1, c. 648, della legge 23/12/2014, n. 190.
In sede di compilazione del modello "F24 Accise, i suddetti codici tributo sono esposti nella "Sezione Accise/Monopoli e altri versamenti non ammessi in compensazione in corrispondenza delle somme indicate nella colonna "importi a debito versati, indicando:
- nel campo "ente, la lettera "M;
- nel campo "provincia, nessun valore; - nel campo "codice identificativo, il codice concessione (ad esempio 123456 o, nel caso non sia presente, 999999);
- nel campo "rateazione, il numero della rata nel formato "NNRR, dove "NN rappresenta il numero della rata in pagamento e "RR indica il numero complessivo delle rate (in caso di pagamento in ununica soluzione il campo valorizzato con "0101);
- nel campo "mese, il mese nel quale commessa la violazione, nel formato "MM;
- nel campo "anno di riferimento, lanno nel quale commessa la violazione, nel formato "AAAA;
- nel campo "codice ufficio, nessun valore;
- nel campo "codice atto, nessun valore
Larticolo 1, comma 649, lettera b), della legge 23 dicembre 2014, n. 190 prevede che i concessionari che operano nella gestione e raccolta del gioco praticato mediante apparecchi di cui allarticolo 110, comma 6, del testo unico di cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, "versano altres annualmente la somma di 500 milioni di euro, entro i mesi di aprile e di ottobre di ogni anno, ciascuno in quota proporzionale al numero di apparecchi ad essi riferibili.

Per consentire il versamento, mediante il modello F24 Accise, della somma in parola, si istituisce il seguente codice tributo:
  • "5388 denominato "Versamento di cui allart. 1, c. 649, della legge 23/12/2014, n. 190.
In sede di compilazione del modello "F24 Accise, il suddetto codice tributo esposto nella "Sezione Accise/Monopoli e altri versamenti non ammessi in compensazione in corrispondenza delle somme indicate nella colonna "importi a debito versati, indicando:
- nel campo "ente, la lettera "M;
- nel campo "provincia, la sigla della provincia ove ha il domicilio fiscale il soggetto tenuto al versamento;
- nel campo "codice identificativo, il codice concessione (ad esempio 123456 o, nel caso non sia presente, 999999);
- nel campo "rateazione, il numero della rata nel formato "NNRR, dove "NN rappresenta il numero della rata in pagamento e "RR indica il numero complessivo delle rate (0102 per la prima rata e 0202 per la seconda);
- nel campo "mese, il mese per cui si effettua il pagamento, nel formato "MM (04 per il mese di aprile, 10 per il mese di ottobre);
- nel campo "anno di riferimento, lanno per cui si effettua il pagamento, nel formato "AAAA;
- nel campo "codice ufficio, nessun valore;
- nel campo "codice atto, nessun valore.

Altri utenti hanno acquistato

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS