Risoluzione Agenzia Entrate n.10 del 22.01.2015

 

Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attivit consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS.

Con linterpello specificato in oggetto, concernente linterpretazione dellarticolo 10 del D.Lgs. n. 460 del 1997, stato posto il seguente
QUESITO

La Fondazione ALFA ONLUS (di seguito Fondazione) ha chiesto chiarimenti in merito alla possibilit di mantenere la qualifica di ONLUS, anche nellipotesi in cui, nellambito della propria attivit di consultorio - al fine di assicurare il completamento della terapia e, cos, garantire il proficuo trattamento dellutente - renda anche prestazioni il cui corrispettivo, non rimborsato dalla Regione, resta a carico dello stesso utente.
Al riguardo, la Fondazione rappresenta che larticolo 4 della legge 29 luglio 1975, n. 405 - istituiva dei consultori familiari - prevede che "Lonere delle prescrizioni di prodotti farmaceutici va a carico dellente o del servizio cui compete lassistenza sanitaria. Le altre prestazioni previste dal servizio istituito con la presente legge sono gratuite per tutti i cittadini italiani e per gli stranieri residenti o che soggiornino, anche temporaneamente, su territorio italiano..
La Regione Lombardia, con la legge regionale 6 settembre 1976, n. 44, ha provveduto ad organizzare sul territorio il servizio previsto dalla citata legge n. 405, definendo, anche con specifiche delibere di Giunta, i criteri, le modalit e le procedure autorizzative per il funzionamento dei Consultori.
In particolare, con la delibera della Giunta Regionale n. 4597 del 28 dicembre 2012 - che ha, tra laltro, approvato il nuovo tariffario delle prestazioni e funzioni dei Consultori familiari, nonché definito "le prestazioni ad elevata integrazione socio-sanitaria e le funzioni che i consultori familiari offrono come risposta alle domande di aiuto, assistenza, consulenza, prevenzione ed educazione della salute - la Regione ha previsto un regime di compartecipazione alla spesa dei cittadini, contingentando le prestazioni rimborsate dal sistema sanitario per ogni ambito di intervento.
In sintesi, lattuale disciplina dei consultori della Lombardia prevede che lattivit consultoriale sia gratuita (coerentemente con quanto originariamente previsto dalla norma nazionale), fatta salva la previsione del pagamento di una somma, a titolo di compartecipazione alla spesa, a carico dellutente in relazione a talune "prestazioni aggiuntive.
Conseguentemente, accade che, per le prestazioni rese da taluni professionisti (psicologo, psicoterapeuta, etc.), il numero massimo degli interventi rimborsati dalla Regione possa risultare insufficiente ai fini dellefficacia della terapia in corso, rendendosi, invece, necessari "ulteriori interventi, il cui onere viene sostenuto dal paziente-utente.
La Fondazione, pertanto, ha chiesto di conoscere se la circostanza che per tali prestazioni sia previsto il pagamento a carico dellutente di un corrispettivo (seppur calmierato e non equivalente al valore di mercato), possa inficiare la qualificazione di ONLUS dellente istante, ai sensi delle disposizioni contenute nel decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 460.
SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA

La Fondazione, coerentemente con quanto precisato dalla prassi dellAmministrazione finanziaria (cfr. risoluzione n. 70/E del 20 marzo 2009), ritiene che le prestazioni rese a fronte del pagamento di un corrispettivo non possano essere ricondotte nellambito dellattivit istituzionale.
Tuttavia, secondo la stessa Fondazione, le predette prestazioni possono essere qualificate come "attivit direttamente connesse a quelle istituzionali, parimenti agevolate ai sensi dellarticolo 150, comma 2, del TUIR, poiché, sebbene prive del requisito della "solidariet sociale, sono considerate necessarie sia per il finanziamento sia per il completamento e per la migliore efficacia dellattivit istituzionale.
Pi in particolare, lente interpellante, rappresentando lambito normativo (nazionale e regionale) nel quale si trova ad operare, condizionato dalla difficile situazione generale del welfare, ritiene riconducibile tra le attivit connesse, ovviamente nei limiti di criteri appositamente individuati, le eventuali prestazioni aggiuntive a pagamento rese ad utenti in terapia presso il Consultorio che abbiano gi fruito di un numero massimo di prestazioni erogabili gratuitamente (vale a dire rimborsate dal servizio sanitario).

PARERE DELLAGENZIA DELLE ENTRATE

Con la risoluzione n. 70/E del 2009 la scrivente ha chiarito che un ente che gestisce un consultorio pu essere iscritto nellanagrafe ONLUS, nel settore dellassistenza sociale e socio-sanitaria di cui allarticolo 10, comma 1, lettera a), n. 1, del D. Lgs. n. 460 del 1997, qualora il consultorio realizzi gli scopi previsti dallarticolo 1 della legge n. 405 del 1975, senza oneri economici a carico degli utenti-assistiti.
Nel caso prospettato dalla Fondazione, la Regione Lombardia - nel rispetto dei principi previsti dalla normativa nazionale e dalla delibera della Giunta regionale del 28 dicembre 2012, ed in virt delle diminuite risorse finanziarie a disposizione - ha previsto un contingentamento delle prestazioni rimborsabili dal sistema sanitario per ogni ambito di intervento prevedendo il pagamento da parte dellassistito delle eventuali ulteriori prestazioni che risultino necessarie al completamento della terapia.
Listante precisa che le prestazioni effettuate verso corrispettivo (comunque calmierato e non equivalente al valore di mercato) siano analoghe a quelle rese gratuitamente e rimborsate dalla Regione Lombardia. Si tratta, infatti, di "ulteriori interventi, che sono necessari a garantire lefficacia delle terapie in corso e nel caso in cui il paziente/utente ha gi usufruito del numero massimo di prestazioni rimborsabili dal servizio sanitario.
A tali condizioni, si ritiene che le predette prestazioni possano rientrare tra le attivit "direttamente connesse di cui al richiamato comma 5 dellarticolo 10 del D.Lgs. n. 460 del 1997.
Al riguardo, la lettera c) dellarticolo 10, comma 1, del citato D. Lgs. n. 460 prevede, per le ONLUS, il divieto di svolgere attivit diverse da quelle previste istituzionalmente e nei settori indicati, "ad eccezione delle attivit ad esse direttamente connesse.
Sono tali, ai sensi del successivo comma 5, tra le altre, "() le attivit accessorie per natura a quelle statutarie istituzionali, in quanto integrative delle stesse.
Si ricorda che lesercizio di tali attivit "direttamente connesse " consentito a condizione che () non siano prevalenti rispetto a quelle istituzionali e che i relativi proventi non superino il 66 per cento delle spese complessive dellorganizzazione (vedi articolo 10, comma 5, ultimo periodo, del D. Lgs. n. 460 del 1997).
Al riguardo, come precisato dalla circolare n. 168/E del 26 giugno 1998, la prevalenza va valutata tenendo conto di un insieme di elementi rilevanti al fine di una comparazione tra le attivit istituzionali e quelle direttamente connesse, quali ad es. gli investimenti, limpiego delle risorse materiali ed umane ed il numero delle prestazioni effettuate.
In conclusione, nel rispetto delle condizioni sopra evidenziate, si dellavviso che la Fondazione interpellante - pur incassando dei compensi per le prestazioni aggiuntive rese ai medesimi pazienti a completamento di una terapia gi in corso - non perda la qualifica di ONLUS.
Le Direzioni regionali vigileranno affinché i principi enunciati e le istruzioni fornite con la presente risoluzione vengano puntualmente osservati dalle Direzioni provinciali e dagli Uffici dipendenti.

Altri utenti hanno acquistato

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS