Risoluzione Agenzia Entrate n. 92 del 13.03.2008

Consulenza giuridica n..... 2007 - Art. 14, comma 2, del DPR n. 640 del 1972; art. 8, comma 1, del DPR n. 544 del 1999 - Contribuenti minori, entità dei ricavi e del volume d'affari - Società italiana degli autori ed editori (SIAE)
Risoluzione Agenzia Entrate n. 92 del 13.03.2008

QUESITO
La Società italiana degli autori ed editori (SIAE) ha premesso che, in forza dell'articolo 4, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 30 dicembre 1999, n. 544, gli organizzatori di manifestazioni di intrattenimento sono esonerati dall'obbligo di certificazione dei corrispettivi con i titoli di accesso emessi mediante gli appositi apparecchi misuratori fiscali o biglietterie automatizzate, qualora, nell'anno solare precedente, abbiano realizzato ricavi non superiori a 25.822, 84 euro.
La società istante ha osservato, altresì, che sono esonerati dal predetto obbligo di certificazione dei corrispettivi con i titoli di accesso gli organizzatori di spettacoli che, nell'anno solare precedente, hanno realizzato un volume d'affari non superiore a 50.000 euro, ai sensi dell'articolo 8, comma 1, del DPR n. 544 del 1999.
Ciò premesso, la SIAE chiede di sapere se, ai fini dell'applicazione dell'esonero dall'obbligo di certificazione dei corrispettivi con i titoli di accesso, l'ammontare dei ricavi, di cui al citato articolo 4, comma 1, del DPR n. 544 nonché del volume di affari, di cui all'articolo 8, comma 1, del DPR n. 544 del 1999, sia determinato dall'insieme degli incassi relativi all'attività di intrattenimento o spettacolo (titoli di accesso, prestazioni pubblicitarie, sponsorizzazioni, cessioni o concessioni di diritti televisivi, etc.) ovvero soltanto dal totale dei corrispettivi certificati con i titoli di accesso.
La Società italiana degli autori ed editori chiede di conoscere, altresì, ai fini dell'applicazione dell'esonero dall'obbligo di certificazione dei corrispettivi sopra richiamato, se un'impresa che organizzi sia attività di intrattenimento sia attività di spettacolo debba sommare o meno i ricavi ed il volume d'affari di entrambe le attività.

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE
La SIAE ritiene che per l'applicazione dell'esonero dall'obbligo di certificazione dei corrispettivi con i titoli di accesso oggetto del quesito, l'ammontare dei ricavi e del volume di affari debba essere determinato dall'insieme degli incassi relativi all'attività di intrattenimento o di spettacolo.
In merito al secondo quesito, la società istante ritiene che, ai fini dell'applicazione dell'esonero sopra richiamato, nell'ipotesi in cui un'impresa eserciti sia attività di intrattenimento che attività di spettacolo, gli importi relativi ai ricavi e al volume d'affari debbano essere tenuti distinti.

PARERE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE
L'articolo 14, comma 2, del DPR n. 640 del 1972 stabilisce che per i soggetti che esercitano le attività di intrattenimento di minima importanza "(...) la base imponibile è costituita dal 50 per cento dei proventi conseguiti, semprechè i ricavi dell'anno solare precedente siano ammontati ad un importo non superiore a cinquanta milioni di lire (ora 25.822,84 euro)".
Per quanto riguarda gli obblighi di certificazione dei corrispettivi, l'articolo 4, comma 1, del DPR n. 544 del 1999 prevede, fra l'altro, che alle attività di intrattenimento di minima importanza di cui trattasi sono applicabili le disposizioni di cui all'articolo 8, comma 1, dello stesso regolamento.
Il richiamato articolo 8, comma 1, del DPR n. 544 del 1999, come modificato dall'articolo 2, comma 59, della legge 24 dicembre 2003, n. 350, stabilisce, relativamente al settore degli spettacoli, che "i soggetti che effettuano spettacoli viaggianti, nonché quelli che svolgono le altre attività di cui alla tabella C allegata al decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, che nell'anno solare precedente hanno realizzato un volume di affari non superiore a cinquantamila euro, possono documentare i corrispettivi percepiti anche mediante rilascio della ricevuta fiscale (...) o dello scontrino fiscale manuale o prestampato a tagli fissi (...), integrati con le indicazioni di cui all'articolo 74-quater, comma 3, del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633".
La circolare n. 34 del 27 giugno 2003, al paragrafo 1.4, ha sintetizzato la disciplina degli obblighi di certificazione dei corrispettivi dei contribuenti minori, precisando che questi ultimi hanno facoltà di non installare i misuratori fiscali e di documentare i corrispettivi mediante ricevuta fiscale o scontrino fiscale manuale o prestampato a tagli fissi di cui al DM 30 marzo 1992, "integrati con le indicazioni riguardanti la natura dell'attività di intrattenimento, la data e l'ora dell'evento, la tipologia, il prezzo e ogni altro elemento identificativo dell'intrattenimento o dello spettacolo e delle attività accessorie".
La predetta circolare n. 34 ha chiarito, altresì, che tale facoltà è prevista dagli articoli 4 e 8 del DPR. n. 544 del 1999 per i seguenti soggetti:
"a) soggetti che svolgono attività di intrattenimento anche congiuntamente ad altre e che nell'anno solare precedente hanno conseguito ricavi non superiori a 25.822, 84 euro;
b) soggetti che svolgono attività spettacolistiche e che nell'anno solare precedente hanno realizzato un volume di affari non superiore a 25.822,84 euro" (limite elevato a 50.000 euro dall'articolo 2, comma 59, della legge 24 dicembre 2003, n. 350).
Quanto sopra premesso, si osserva che ai fini dell'applicazione delle disposizioni relative all'esonero dall'obbligo di certificazione dei corrispettivi con i titoli di accesso più volte richiamate, occorre valutare, riguardo alle attività di intrattenimento, l'ammontare dei ricavi, mentre per quelle spettacolistiche, l'ammontare del volume d'affari.
Ciò comporta che in caso di organizzazione di manifestazioni di intrattenimento ovvero di spettacolo dovranno essere prese in considerazione la totalità delle entrate che concorrono alla formazione, rispettivamente, dei ricavi ovvero del volume d'affari.
Pertanto, per l'applicazione delle previsioni recate dal menzionato articolo 14, comma 2, del DPR n. 640 del 1972 e dall'articolo 4, comma 1, e 8, comma 1, del DPR n. 544 del 1999, è necessario computare oltre ai corrispettivi relativi ai titoli di accesso, anche quelli comunque relativi all'esercizio dell'attività di intrattenimento ovvero di spettacolo che concorrono alla formazione, rispettivamente dei ricavi ovvero del volume di affari (ad es. prestazioni pubblicitarie, sponsorizzazioni, cessioni o concessioni di diritti di ripresa televisiva e di trasmissione radiofonica, etc.).
Relativamente al secondo quesito, si ritiene che, nell'ipotesi di esercizio sia di attività di intrattenimento che di attività di spettacolo, ai fini dell'applicazione dell'esonero dall'obbligo di certificazione dei corrispettivi con i titoli di accesso, l'ammontare dei ricavi e del volume di affari non debba essere sommato, attesa la diversità sotto il profilo fiscale nonché civilistico delle due nozioni e delle discipline previste per il settore degli intrattenimenti e quello degli spettacoli.
La risposta di cui alla presente nota viene resa dalla scrivente nell'ambito della consulenza giuridica di cui alla circolare n. 99/E del 18 maggio 2000.

Altri utenti hanno acquistato

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS