Circolare INPS n. 56 del 02.05.2014

 

Art. 11 del Decreto Legge 8 agosto 2013 n. 91, convertito con modificazioni dalla Legge 7 ottobre 2013 n. 112, recante "Disposizioni urgenti per la tutela, la valorizzazione e il rilancio dei beni e delle attivit culturali e del turismo. Riduzione della misura delle sanzioni civili a favore delle Fondazioni lirico-sinfoniche in stato di crisi

 

 

Sommario:

La riduzione delle sanzioni civili a favore delle Fondazioni lirico-sinfoniche ex art. 116, comma 15, della Legge n. 388/2000 lett. b) concessa quando lo stato di crisi, di cui alla previsione del comma 1 dellart.11 del D.L. n. 91/2013, riconosciuto nellatto di approvazione dei piani di risanamento delle fondazioni che costituisce lesito di un articolato procedimento in cui sono parti autorit di natura pubblicistica.

1. Quadro normativo.

Il Decreto Legge 8 agosto 2013 n. 91, convertito con modificazioni dalla Legge 7 ottobre 2013 n. 112, recante "Disposizioni urgenti per la tutela, la valorizzazione e il rilancio dei beni e delle attivit culturali e del turismo, ha introdotto disposizioni di carattere urgente finalizzate alla tutela, la valorizzazione ed il rilancio dei beni e delle attivit culturali nonché al rilancio delle attivit musicali e dello spettacolo dal vivo.

Con particolare riguardo a tale ultimo ambito, il citato provvedimento ha inteso porre rimedio allo stato di grave crisi del settore musicale e alla condizione di grave difficolt economico-finanziaria in cui versano alcuni enti lirici, il cui risanamento ritenuto dal Legislatore fattore strategico al rilancio del sistema nazionale musicale di eccellenza.

Sulla base di tale ratio, lart. 11 del decreto in esame ha previsto che le fondazioni lirico-sinfoniche ex D.Lgs. n. 367/1996 e Legge n. 310/2003, che versino in uno stato di crisi finanziaria tale da giustificarne lamministrazione straordinaria ex art. 21 del D.Lgs. n. 367/1996 ovvero <<che non possano far fronte ai debiti certi ed esigibili da parte di terzi>>, presentino un <<piano di risanamento che intervenga su tutte le voci di bilancio strutturalmente non compatibili con la inderogabile necessit di assicurare gli equilibri strutturali del bilancio stesso, sia sotto il profilo patrimoniale che economico-finanziario, entro i tre successivi esercizi finanziari>>.

Come noto, tra gli strumenti previsti dalla normativa di carattere generale per favorire il risanamento delle aziende in crisi, lart. 116, comma 15, della Legge n. 388/2000 lett. b) prevede la possibilit di ottenere la riduzione delle sanzioni civili applicate per lipotesi di omissione contributiva, di cui al comma 8 dellart. 116 citato (1), fino alla misura degli interessi legali << in tutti i casi di crisi, riconversione o ristrutturazione aziendale che presentino particolare rilevanza sociale ed economica in relazione alla situazione occupazionale locale ed alla situazione produttiva del settore comprovati dalla Direzione provinciale del lavoro - Servizio ispezione del lavoro territorialmente competente.>>.

Al riguardo, lIstituto ha disciplinato la fattispecie al punto 2) lettera c) della circolare n. 88 del 9 maggio 2002.

Alla luce della valutazione specifica della situazione di crisi del settore musicale e delle fondazioni lirico-sinfoniche effettuata dal Legislatore, diversamente, in relazione alle istanze presentate dalle fondazioni allIstituto ex art. 116, comma 15, lett. b), della Legge n. 388/2000, volte ad ottenere la riduzione delle sanzioni civili per le ipotesi di omissione contributiva ex art. 116, comma 8, lo stato di crisi trova riconoscimento nella previsione del comma 1 dellart.11 del citato D.L. n. 91/2013 (<<Al fine di far fronte allo stato di grave crisi del settore >>), nonché nellatto di approvazione dei piani di risanamento delle fondazioni che costituisce lesito di un articolato iter procedimentale che vede la partecipazione di autorit di natura pubblicistica, quali il Commissario di Governo per le fondazioni lirico-sinfoniche, il Ministero dei beni e delle attivit culturali e del turismo e il Ministero delleconomia e delle finanze.

I citati piani di risanamento, infatti, <<sono approvati, su proposta motivata del commissario straordinario di cui al comma 3, sentito il collegio dei revisori dei conti, entro trenta giorni dalla loro presentazione, con decreto del Ministro dei beni e delle attivit culturali e del turismo, di concerto con il Ministro delleconomia e delle finanze>> (Art. 11, comma 2 del D.L. n. 91/2013).

Sulla base del predetto orientamento interpretativo, condiviso dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali con nota del 14 marzo 2014, il riconoscimento dello stato di crisi delle fondazioni lirico-sinfoniche, necessario ai fini della riduzione delle sanzioni civili ex art. 116, comma 15, lett. b) della Legge n. 388/2000, deriva direttamente dalladozione del sopra citato decreto ministeriale, che individuer i soggetti interessati ed il lasso temporale in cui detto stato di crisi si determinato, non sussistendo, pertanto, la necessit dellulteriore intervento valutativo da parte delle Direzioni territoriali del Lavoro.

2. Istruzioni operative.

Alla luce di quanto esposto in premessa, le fondazioni lirico-sinfoniche che abbiano presentato il piano di risanamento e per le quali si sia completato liter procedimentale previsto dallart. 11 del D.L. n. 91/2013 con la definitiva approvazione dello stesso con decreto del Ministro dei beni e delle attivit culturali e del turismo, di concerto con il Ministro delleconomia e delle finanze (art. 11, comma 2 citato), presenteranno listanza di riduzione delle sanzioni civili ex art. 116, comma 15 della Legge n. 388/2000, senza dover preventivamente acquisire la dichiarazione dello stato di crisi dalla competente Direzione territoriale del Lavoro.

Nellambito del predetto decreto , altres, definito il lasso temporale entro il quale lo stato di crisi si determinato, al fine di individuare il periodo di riferimento del debito contributivo oggetto della concessione della riduzione delle sanzioni civili.

Si rammenta che in ogni caso, il periodo di riferimento del debito contributivo, ai fini della concessione della riduzione, deve essere connesso e/o eventualmente contiguo al periodo massimo di concessione previsto, per i casi di crisi, in un anno (2).

Note:


(1) La riduzione delle sanzioni civili, come precisato dalla direttiva ministeriale 19.4.2001 pubblicata sulla G.U. n. 134 del 12.6.2001, recepita con deliberazione n. 1 dell'8.1.2002 del Consiglio di Amministrazione dell'Istituto, limitata alle ipotesi previste dal comma 8 lettera a), mentre relativamente alle fattispecie contemplate nella lettera b) dello stesso comma, la riduzione pu essere concessa solo nei casi in cui levasione contributiva commessa venga spontaneamente denunciata prima di contestazioni o richieste da parte degli enti impositori e, comunque, entro dodici mesi dal termine stabilito per il pagamento dei contributi; la tardiva denuncia deve essere seguita dal pagamento in unica soluzione o dalla domanda di rateazione entro i successivi trenta giorni.

(2) Cfr la direttiva ministeriale 19.4.2001 punto 3.3.b), richiamata al punto 2) lett. c) della circolare Inps n. 88/2002.


1. Al fine di fare fronte allo stato di grave crisi del settore e di pervenire al risanamento delle gestioni e al rilancio delle attivit delle fondazioni lirico-sinfoniche, gli enti di cui al decreto legislativo 29 giugno 1996, n. 367, e successive modificazioni, e di cui alla legge 11 novembre 2003, n. 310 e successive modificazioni, di seguito denominati "fondazioni", che versino nelle condizioni di cui all'articolo 21 del decreto legislativo 29 giugno 1996, n. 367, ovvero non possano far fronte ai debiti certi ed esigibili da parte dei terzi, ovvero che siano stati in regime di amministrazione straordinaria nel corso degli ultimi due esercizi, ma non abbiano ancora terminato la ricapitalizzazione, presentano, entro novanta giorni dall'entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, al commissario straordinario di cui al comma 3, un piano di risanamento che intervenga su tutte le voci di bilancio strutturalmente non compatibili con la inderogabile necessit di assicurare gli equilibri strutturali del bilancio stesso, sia sotto il profilo patrimoniale che economico-finanziario, entro i tre successivi esercizi finanziari. I contenuti inderogabili del piano sono:

a) la rinegoziazione e ristrutturazione del debito della fondazione che preveda uno stralcio del valore nominale complessivo del debito esistente al 31 dicembre 2012, comprensivo degli interessi maturati e degli eventuali interessi di mora, previa verifica che nei rapporti con gli istituti bancari gli stessi non abbiano applicato nel corso degli anni interessi anatocistici sugli affidamenti concessi alla fondazione stessa, nella misura sufficiente ad assicurare, unitamente alle altre misure di cui al presente comma, la sostenibilit del piano di risanamento, nonché gli equilibri strutturali del bilancio, sia sotto il profilo patrimoniale che economico-finanziario della fondazione;

b) l'indicazione della contribuzione a carico degli enti diversi dallo Stato partecipanti alla fondazione;

c) la riduzione della dotazione organica del personale tecnico e amministrativo fino al cinquanta per cento di quella in essere al 31 dicembre 2012 e una razionalizzazione del personale artistico;

d) il divieto di ricorrere a nuovo indebitamento, per il periodo 2014-2016, salvo il disposto del ricorso ai finanziamenti di cui al comma 6; nel caso del ricorso a tali finanziamenti nel piano devono essere indicate misure di copertura adeguate ad assicurare il rimborso del finanziamento;

e) l'entit del finanziamento dello Stato, a valere sul fondo di cui al comma 6, per contribuire all'ammortamento del debito, a seguito della definizione degli atti di rinegoziazione e ristrutturazione di cui alla precedente lettera a), e nella misura strettamente necessaria a rendere sostenibile il piano di risanamento;

f) l'individuazione di soluzioni, compatibili con gli strumenti previsti dalle leggi di riferimento del settore, idonee a riportare la fondazione, entro i tre esercizi finanziari successivi, nelle condizioni di attivo patrimoniale e almeno di equilibrio del conto economico;

g) la cessazione dell'efficacia dei contratti integrativi aziendali in vigore, l'applicazione esclusiva degli istituti giuridici e dei livelli minimi delle voci del trattamento economico fondamentale e accessorio previsti dal vigente contratto collettivo nazionale di lavoro e la previsione che i contratti collettivi dovranno in ogni caso risultare compatibili con i vincoli finanziari stabiliti dal piano;

g-bis) l'obbligo per la fondazione, nella persona del legale rappresentante, di verificare che nel corso degli anni non siano stati corrisposti interessi anatocistici agli istituti bancari che hanno concesso affidamenti.

2. I piani di risanamento, corredati di tutti gli atti necessari a dare dimostrazione della loro attendibilit, della fattibilit e appropriatezza delle scelte effettuate, nonché dell'accordo raggiunto con le associazioni sindacali maggiormente rappresentative in ordine alle previsioni di cui al comma 1, lettere c) e g), sono approvati, su proposta motivata del commissario straordinario di cui al comma 3, sentito il collegio dei revisori dei conti, entro trenta giorni dalla loro presentazione, con decreto del Ministro dei beni e delle attivit culturali e del turismo, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze. Con il medesimo decreto definito il finanziamento erogabile ai sensi del comma 6. Le eventuali integrazioni e modificazioni dei piani conseguenti all'applicazione del comma 3, lettera c), sono approvate, su proposta motivata del commissario straordinario di cui al comma 3, con decreto del Ministro dei beni e delle attivit culturali e del turismo, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze.

3. Con decreto del Ministro dei beni e delle attivit culturali e del turismo, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, da adottare entro venti giorni dall'entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, nominato un commissario straordinario del Governo che abbia comprovata esperienza di risanamento nel settore artistico-culturale. Il commissario svolge, con i poteri previsti dal presente articolo, le seguenti funzioni:

a) riceve i piani di risanamento con allegato quanto previsto dall'articolo 9, commi 2 e 3, presentati dalle fondazioni ai sensi del comma 1 del presente articolo, ne valuta, d'intesa con le fondazioni, le eventuali modifiche e integrazioni, anche definendo criteri e modalit per la rinegoziazione e la ristrutturazione del debito di cui al comma 1, lettera a), e li propone, previa verifica della loro adeguatezza e sostenibilit, all'approvazione del Ministro dei beni e delle attivit culturali e del turismo e del Ministro dell'economia e delle finanze. Eventuali modifiche incidenti sulle previsioni di cui alle lettere c) e g) del comma 1 sono rinegoziate dalla fondazione con le associazioni sindacali maggiormente rappresentative; (42)

b) sovrintende all'attuazione dei piani di risanamento ed effettua un monitoraggio semestrale dello stato di attuazione degli stessi, redigendo apposita relazione da trasmettere al Ministero dei beni e delle attivit culturali e del turismo, al Ministero dell'economia e delle finanze e alla competente sezione della Corte dei conti;

c) pu richiedere le integrazioni e le modifiche necessarie al fine del conseguimento degli obiettivi di cui al presente articolo, tenuto conto, ai fini dell'aggiornamento dei piani di risanamento, dello stato di avanzamento degli stessi;

d) assicura il rispetto del cronoprogramma delle azioni di risanamento previsto dai piani approvati;

e) pu adottare, sentiti i Ministeri interessati, atti e provvedimenti anche in via sostitutiva per assicurare la coerenza delle azioni di risanamento con i piani approvati, previa diffida a provvedere entro un termine non superiore a quindici giorni.

4. Il Ministero dei beni e delle attivit culturali e del turismo assicura, senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica, le risorse umane e strumentali necessarie per lo svolgimento dei compiti del commissario straordinario.

5. Con il decreto di cui al comma 3 stabilito il compenso per il commissario straordinario, nel limite massimo di cui all'articolo 15, comma 3, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111, a valere sulle risorse di bilancio delle fondazioni ammesse alla procedura di cui al comma 1, nonché la durata dell'incarico.

6. istituito nello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze un fondo di rotazione con dotazione pari a 75 milioni di euro per l'anno 2014 per la concessione a favore delle fondazioni di cui al comma 1 di finanziamenti di durata fino a un massimo di trenta anni.

7. Al fine dell'erogazione delle risorse di cui al comma 6, il commissario straordinario predispone un contratto tipo, approvato dal Ministero dell'economia e delle finanze, nel quale sono, tra l'altro, indicati il tasso di interesse sui finanziamenti, le misure di copertura annuale del rimborso del finanziamento, le modalit di erogazione e di restituzione delle predette somme, prevedendo, altres, qualora l'ente non adempia nei termini ivi stabiliti al versamento delle rate di ammortamento dovute, sia le modalit di recupero delle medesime somme, sia l'applicazione di interessi moratori. L'erogazione delle somme subordinata alla sottoscrizione, da parte di ciascuna delle fondazioni di cui al comma 1, di contratti conformi al contratto tipo. Agli oneri derivanti dal presente comma, pari a 3 milioni di euro a decorrere dall'anno 2015, si provvede ai sensi dell'articolo 15.

8. Agli oneri derivanti dall'istituzione del fondo di cui al comma 6, si provvede mediante corrispondente riduzione dell'autorizzazione di spesa di cui all'articolo 1, comma 10, del decreto-legge 8 aprile 2013, n. 35, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 giugno 2013, n. 64, utilizzando la dotazione per l'anno 2014 della "Sezione per assicurare la liquidit per pagamenti dei debiti certi, liquidi ed esigibili degli enti locali".

9. Nelle more del perfezionamento del piano di risanamento, per l'anno 2013 una quota fino a 25 milioni di euro pu essere anticipata dal Ministero dei beni e delle attivit culturali e del turismo su indicazione del Commissario straordinario, a valere sulle disponibilit giacenti, alla data di entrata in vigore del presente decreto, sulle contabilit speciali aperte ai sensi dell'articolo 3, comma 8, del decreto-legge 25 marzo 1997, n. 67, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 maggio 1997, n. 135, e successive modificazioni, per la gestione dei fondi assegnati in applicazione dei piani di spesa approvati ai sensi dell'articolo 7 del decreto-legge 20 maggio 1993, n. 149, convertito, con modificazioni, dalla legge 19 luglio 1993, n. 237, intestate ai capi degli Istituti del Ministero dei beni e delle attivit culturali e del turismo, nonché a valere sulle somme giacenti presso i conti di tesoreria unica degli Istituti dotati di autonomia speciale di cui all'articolo 15, comma 3, del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 26 novembre 2007, n. 233, e successive modificazioni, a favore delle fondazioni di cui al comma 1 che versano in una situazione di carenza di liquidit tale da pregiudicare la gestione anche ordinaria della fondazione, alle seguenti condizioni:

a) che la fondazione interessata, entro 30 giorni dalla nomina del Commissario straordinario, comunichi al Ministero dei beni e delle attivit culturali e del turismo e al Ministero dell'economia e delle finanze l'avvio della negoziazione per la ristrutturazione del debito della fondazione che prevede uno stralcio del valore nominale complessivo del debito stesso, comprensivo degli interessi maturati e degli eventuali interessi di mora, esistente al 31 dicembre 2012, nella misura sufficiente ad assicurare, unitamente alle altre misure di cui al comma 1, la sostenibilit finanziaria del piano di risanamento, gli equilibri strutturali del bilancio della fondazione, sia sotto il profilo patrimoniale che economico-finanziario, nonché l'avvio delle procedure per la riduzione della dotazione organica del personale tecnico e amministrativo nei termini di cui al comma 1, lettera c);

b) la conclusione dell'accordo di ristrutturazione di cui alla lettera a), da inserire nel piano di risanamento di cui al comma 1, entro il termine previsto da tale comma per la presentazione del piano.

10. Il mancato verificarsi delle condizioni previste dal comma 9, lettere a) e b), determina l'effetto di cui al comma 14. Le anticipazioni finanziarie concesse ai sensi del comma 9 sono rimborsate secondo quanto previsto dai commi 6 e 7.

11. Al fine di sostenere gli enti che operano nel settore dei beni e delle attivit culturali, a valere sulle giacenze di cui al comma 9 sono versati all'entrata del bilancio dello Stato ulteriori importi pari a 3,5 milioni di euro per gli anni 2013 e 2014, per la successiva riassegnazione ai pertinenti capitoli dello stato di previsione del Ministero dei beni e delle attivit culturali e del turismo.

12. Resta fermo l'obbligo di completamento dei versamenti di cui all'articolo 4, comma 85, della legge 12 novembre 2011, n. 183, secondo una modulazione temporale pari a 2 milioni di euro per l'anno 2013 e a 8,6 milioni di euro annui per il periodo 2014-2018.

13. Per il personale eventualmente risultante in eccedenza all'esito della rideterminazione delle dotazioni organiche di cui al comma 1, le fondazioni di cui al medesimo comma, fermo restando per la durata del soprannumero il divieto di assunzioni di personale, applicano l'articolo 72, comma 11, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133. In caso di ulteriori eccedenze, con uno o pi decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dei beni e delle attivit culturali e del turismo, di concerto con il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione e con il Ministro dell'economia e delle finanze, previa informativa alle organizzazioni sindacali, sono disposti apposita procedura selettiva di idoneit e il successivo trasferimento del personale amministrativo e tecnico dipendente a tempo indeterminato alla data di entrata in vigore del presente decreto nella societ Ales S.p.A., nell'ambito delle vacanze di organico e nei limiti delle facolt assunzionali di tale societ e senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica.

14. Le fondazioni di cui al comma 1, per le quali non sia stato presentato o non sia approvato un piano di risanamento entro il termine di cui ai commi 1 e 2, ovvero che non raggiungano entro l'esercizio 2016 condizioni di equilibrio strutturale del bilancio, sia sotto il profilo patrimoniale che economico-finanziario, del conto economico sono poste in liquidazione coatta amministrativa.


Altri utenti hanno acquistato

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web