Circolare INPS n. 172 del 30.12.2011

D.L. n.78 del 2010 convertito in Legge n. 122 del 2010. Determinazioni presidenziali n. 75 del 30 luglio 2010 e n. 277 del 24 giugno 2011. Circolare n. 110 del 30 agosto 2011. Nuove modalità di presentazione della domanda di trattamento di disoccupazione in favore dei lavoratori rimpatriati e della domanda di trattamento di disoccupazione ai lavoratori frontalieri italiani in Svizzera dal 01/01/2012. Utilizzo del canale telematico
Circolare INPS n. 172 del 30.12.2011

SOMMARIO: 1. Premessa 2. Presentazione, direttamente dal cittadino tramite WEB, della domanda di trattamento di disoccupazione in favore dei lavoratori rimpatriati e della domanda di trattamento di disoccupazione ai lavoratori frontalieri italiani in Svizzera 3. Presentazione, tramite Patronato, della domanda di trattamento di disoccupazione in favore dei lavoratori rimpatriati e della domanda di trattamento di disoccupazione ai lavoratori frontalieri italiani in Svizzera 4. Presentazione, tramite Contact Center, della domanda di trattamento di disoccupazione in favore dei lavoratori rimpatriati e della domanda di trattamento di disoccupazione ai lavoratori frontalieri italiani in Svizzera 5. Istruzioni procedurali 6. Monitoraggio delle domande

1. Premessa.
Si fa seguito alle circolari n. 169 del 31.12.2010 e n. 110 del 30 agosto 2011 attuative rispettivamente delle determinazioni del Presidente dell’Istituto n° 75 del 30 luglio 2010 e n° 277 del 24 giugno 2011 che dispongono l’estensione e il potenziamento dei servizi telematici offerti dall’INPS ai cittadini e che prevedono, pur con la necessaria gradualità in ragione della complessità del processo, l’utilizzo esclusivo del canale telematico per la presentazione delle domande di prestazioni e di servizi.
In relazione a quanto sopra, secondo il cronoprogramma allegato alla Circolare INPS n. 110 del2011, a partire dal 1° gennaio 2012, la presentazione delle domande di trattamento di disoccupazione in favore dei lavoratori rimpatriati e di trattamento di disoccupazione ai lavoratori frontalieri italiani in Svizzera, dovrà avvenire attraverso uno dei seguenti canali:
- WEB - servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino tramite PIN attraverso il portale dell’Istituto;
- contact center multicanale - n. 803164
- patronati/intermediari dell’Istituto – attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.
Si dà quindi avvio alla telematizzazione esclusiva della domanda di trattamento di disoccupazione in favore dei lavoratori rimpatriati e della domanda di trattamento di disoccupazione ai lavoratori frontalieri italiani in Svizzera.
Al fine di informare i potenziali beneficiari è previsto un periodo transitorio di tre mesi durante il quale saranno comunque garantite le consuete modalità di presentazione delle domande.
Al termine del periodo transitorio – vale a dire dall’1 aprile 2012 - i tre canali sopracitati diventeranno esclusivi ai fini della presentazione delle istanze di prestazione/servizio.
Si forniscono di seguito le istruzioni sui servizi telematizzati al cittadino in materia di trattamento di disoccupazione in favore dei lavoratori rimpatriati e del trattamento di disoccupazione ai lavoratori frontalieri italiani in Svizzera.

2. Presentazione, direttamente dal cittadino tramite WEB, della domanda di trattamento di disoccupazione in favore dei lavoratori rimpatriati e della domanda di trattamento di disoccupazione ai lavoratori frontalieri italiani in Svizzera
Il servizio è disponibile sul sito internet dell’Istituto (www.inps.it), sezione Servizi On-line, attraverso il seguente percorso: Al servizio del cittadino – Autenticazione con PIN – Invio domande di prestazioni a sostegno del reddito - Cessazione rapporto di lavoro – Rimpatriati, oppure Frontalieri Italiani in Svizzera.
L’architettura del servizio prevede il prelievo automatico delle informazioni anagrafiche necessarie all’istruttoria della prestazione utilizzando i dati già in possesso dell’Istituto. In caso di dati anagrafici incompleti il cittadino può intervenire per la correzione.
I dati riguardanti il rientro in Italia e il lavoro svolto all’estero devono invece essere forniti dall’interessato il quale è invitato a inserirli nell’apposita schermata del percorso venendo assistito da “help”, attivabili cliccando su piccole icone dal significato intuitivo.
E’ prevista anche la possibilità che il cittadino invii, unitamente alla domanda, sempre per via telematica, eventuale documentazione aggiuntiva precedentemente digitalizzata, a sua cura, tramite scanner.
In considerazione del fatto che la prestazione, per le sue caratteristiche, necessita di dati in possesso di altri soggetti (es: dello stesso richiedente la prestazione, di organismi esteri, di datori di lavoro esteri) la domanda non è definibile esclusivamente sulla base dei dati in possesso dell’Istituto. La domanda trasmessa telematicamente viene pertanto inserita negli archivi in stato “P” per consentire la verifica sia dei requisiti soggettivi che di quelli oggettivi da parte della Struttura INPS di competenza.
Si riportano i principali contenuti delle diverse sezioni informative previste nell’iter di compilazione della domanda in esame.
Si precisa che, al termine della compilazione di ogni sezione, la procedura provvede a consolidare la domanda negli archivi di sistema, in modo da consentire al richiedente la possibilità di intervenire sulla domanda stessa in momenti successivi e di inviarla all’INPS soltanto al momento della conferma finale. Fino a detta conferma, difatti, la domanda verrà considerata in bozza.

Sezione Anagrafica
Tale sezione visualizza i dati anagrafici in possesso dell’Istituto.
Il cittadino ha la possibilità di variare la residenza e/o il domicilio ove ricevere comunicazioni.
Sezione Ultimo rapporto di lavoro
I dati devono essere forniti dall’interessato e corredati eventualmente da tutta la documentazione ritenuta utile digitalizzata tramite scanner (es. modulistica rilasciata da istituzioni di sicurezza sociale estera, contratti di lavoro, etc.).
Sezione Compilazione domanda
Questa sezione consente di completare l’acquisizione della domanda e di procedere all’invio della stessa.
Sezione richiesta di Assegni al nucleo familiare
Questa sezione consentirà, dalla fine di gennaio 2012, di acquisire i dati relativi alla composizione del nucleo familiare e al reddito da esso prodotto al fine di chiedere, contestualmente alla prestazione, la corresponsione degli ANF.
Al riguardo si informa che successivamente sarà offerta la possibilità di richiedere on line gli ANF anche in data posteriore a quella di presentazione della domanda di prestazione, nel caso in cui non si sia effettuata la richiesta contestuale.
Fino a quando la funzionalità di richiesta On line degli ANF non sarà rilasciata la domanda di ANF andrà inoltrata secondo le consuete modalità alla Struttura INPS territorialmente competente o di persona o tramite posta.

Conclusione del percorso: stampa
Una volta inviata la domanda è possibile stampare:
- la ricevuta di presentazione della domanda, sulla quale vengono evidenziate le integrazioni del cittadino e le ulteriori informazioni ricavate in automatico dalla procedura;
- il modello DS21 Telematico, che andrà conservato a cura dell’utente ma non presentato all’Istituto.

3. Presentazione, tramite Patronato, della domanda di trattamento di disoccupazione in favore dei lavoratori rimpatriati e della domanda di trattamento di disoccupazione ai lavoratori frontalieri italiani in Svizzera
La presentazione della domanda relativamente al trattamento di disoccupazione per i lavoratori frontalieri italiani in Svizzera può essere effettuata tramite Patronato secondo le modalità già in uso.
Per i lavoratori rimpatriati, il rilascio dell’apposita procedura per la domanda di prestazione e degli ANF è previsto per la fine del mese di gennaio 2012 e sarà reso noto con apposita comunicazione.

4. Presentazione, tramite Contact Center, della domanda di trattamento di disoccupazione in favore dei lavoratori rimpatriati e della domanda di trattamento di disoccupazione ai lavoratori frontalieri italiani in Svizzera
Il servizio è disponibile da Contact Center multicanale telefonando al Numero Verde 803.164.
Le domande potranno essere acquisite con o senza PIN del cittadino.
L’operatore della struttura INPS territorialmente competente dovrà gestire le domande degli utenti dotati di PIN come domande da sportello virtuale del cittadino.
Nel caso in cui l’utente non sia dotato di PIN o sia dotato solamente di PIN non dispositivo, verranno acquisiti dal Contact Center i dati essenziali della domanda. Successivamente copia di questa, con gli estremi identificativi, verrà inviata a stretto giro di posta all’utente che provvederà a firmarla, eventualmente integrarla, e a farla pervenire, corredata di copia del documento d’identità, a mezzo Fax al n. 800.803.164 o per posta alla Struttura INPS competente.
L’utente dotato di PIN non dispositivo verrà invitato a convertire quest’ultimo in PIN dispositivo affinché, dalle volte successive, possa accedere più proficuamente a tutti i servizi INPS. La richiesta del PIN dispositivo potrà essere effettuata on line sul sito istituzionale www.inps.it oppure presentata direttamente presso le Strutture territoriali INPS, come già indicato nella circolare INPS n.50 del 15 marzo 2011.
Qualora l’utente, privo totalmente di PIN o comunque privo di PIN dispositivo, manifesti all’operatore di Contact Center l’intenzione di richiedere l’ANF e/o le detrazioni d’imposta per familiari a carico, allo stesso dovrà essere inviata dall’operatore la necessaria modulistica che l’utente dovrà debitamente compilare e inoltrare all’Istituto attraverso una delle due modalità sopra indicate (Fax al n. 800.803.164 o per posta alla Struttura INPS competente).
Qualora l’utente sia invece dotato di PIN dispositivo e manifesti all’operatore di Contact Center l’intenzione di richiedere l’ANF e/o le detrazioni d’imposta per familiari a carico, l’operatore del Contact Center provvederà ad acquisire anche i dati relativi a detta richiesta. Al riguardo si precisa, tuttavia, che, fino a quando la funzionalità di richiesta On line degli ANF non sarà rilasciata, dovrà procedersi secondo una delle due modalità sopra indicate previste per l’utente privo totalmente di PIN o di PIN dispositivo (Fax al n. 800.803.164 o per posta alla Struttura INPS competente).

5. Istruzioni procedurali.
L’operatore di sede provvederà al caricamento delle domande dalla procedura DSWEB prelevandole dal link “Domande via Internet” posto sulla barra delle applicazioni.
Le domande telematiche di trattamento di disoccupazione in favore dei lavoratori rimpatriati e di trattamento di disoccupazione ai lavoratori frontalieri italiani in Svizzera saranno evidenziate nella procedura con la seguente numerazione:
dal 430001 al 433000 quelle direttamente da Cittadino e da Contact Center;
dal 433001 al 439999 quelle dal Patronato.
La consultazione degli allegati alla domanda è a disposizione degli operatori di sede al link intranet Sistema Unico (nella pagina Processi – Prestazioni a sostegno del reddito), nella sezione "Domande PSR".

6. Monitoraggio delle domande.
Nella Intranet Prestazioni a sostegno del reddito - Statistiche, analogamente a quanto disponibile per l’indennità di disoccupazione ordinaria con requisiti normali, è in corso di sviluppo la funzione di monitoraggio che permetterà di effettuare sia analisi statistiche che verifiche sulla funzionalità del sistema relativamente alle domande dei trattamenti di disoccupazione per frontalieri e rimpatriati pervenute per via telematica.

Altri utenti hanno acquistato

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS