CAF 730 - diventa un centro di raccolta - Clicca per maggiori informnazioni!

Circolare INPS n. 162 del 20.10.2003

Fondo di solidarietà per il personale già dipendente da imprese di assicurazione poste in liquidazione coatta amministrativa. Prestazioni di cui all’articolo 7 comma 5 del D.M. 28 settembre 2000, n. 351. Istruzioni contabili ed adempimenti fiscali. Variazioni al piano dei conti
Circolare INPS n. 162 del 20.10.2003

SOMMARIO: Criteri di accesso alla prestazione. Casi di esclusione. Gestione delle domande. Istruzioni contabili ed adempimenti fiscali. Variazioni al piano dei conti

Con circolare n. 13 del 23 gennaio 2003 sono state date istruzioni circa l’erogazione delle prestazioni previste dagli articoli 6 comma 1 lettere a) e b) e 7 comma 1 lettere a) e b), rinviando ad una successiva comunicazione circa le modalità di erogazione del contributo previsto al comma 5 dell’articolo 7.

LA PRESTAZIONE
La prestazione prevista dall’articolo 7 comma 5 del decreto citato in oggetto, consiste in un “contributo netto per le spese di alloggio” pari complessivamente ad Euro 9.554,45= (di cui Euro 4.131,66 per il primo anno, 3.098,74= per il secondo anno e 2.324,06= per il terzo anno).
Hanno titolo a tale contributo i dipendenti da imprese di assicurazione, già poste in liquidazione coatta amministrativa alla data di entrata in vigore del decreto, che non abbiano chiesto di fruire delle prestazioni previste dal comma 1 lettere a) e b) del medesimo articolo 7.

REQUISITI
I requisiti soggettivi per avere diritto a questa prestazione sono:
a) aver cessato il rapporto di lavoro con la società in l.c.a.;
b) essere stati assunti da un’altra impresa di assicurazione;
c) svolgere l’attività lavorativa in una città diversa da quella in cui veniva svolto il lavoro alle dipendenze della società in l.c.a.;
d) aver effettivamente trasferito la propria residenza;

CASI DI ESCLUSIONE
Come previsto anche per le altre prestazioni sono esclusi:
1. i dirigenti (art. 2);
2. i lavoratori assunti con contratto a tempo determinato (art. 9 lett. a);
3. i lavoratori assunti nei dodici mesi precedenti la data del provvedimento di liquidazione coatta amministrativa (art. 9 lett. b);
4. i lavoratori che alla data di cessazione del rapporto di lavoro sono in possesso dei requisiti per la fruizione della pensione di vecchiaia o di anzianità a carico dell’assicurazione generale obbligatoria (art. 9 lett. c).

TERMINI E MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA
La richiesta di intervento può essere fatta nell’arco temporale di durata del Fondo stesso e comunque nel termine prescrizionale massimo di cinque anni decorrenti dalla data di inizio della nuova attività lavorativa con riferimento alla quale viene avanzata la domanda, tramite raccomandata indirizzata al Commissario liquidatore, il quale provvederà a consegnare al lavoratore il modello Liq.agg.va/TFR e la dichiarazione di responsabilità (all.1) attestante la sussistenza dei requisiti previsti per la concessione della prestazione in parola.
Tale documentazione dovrà essere inviata all’INPS – D.C. PRESTAZIONI A SOSTEGNO DEL REDDITO.

GESTIONE DELLE DOMANDE
Le domande vengono gestite secondo le modalità indicate nella circolare 23 gennaio 2003, n. 13. La prestazione viene pagata in tre annualità consecutive, sempre che continuino a persistere i necessari requisiti

ISTRUZIONI CONTABILI ED ADEMPIMENTI FISCALI
Ai fini della rilevazione contabile della prestazione di cui si tratta sono stati istituiti i seguenti conti:
IAR 10/128 - per la rilevazione del debito nei confronti dei beneficiari;
IAR 30/114 - per l'imputazione della prestazione suddetta.
Sulla base della documentazione prodotta a seguito della liquidazione della prestazione medesima deve essere predisposto, da parte del competente Ufficio amministrativo della Sede di Roma Centro, apposito biglietto contabile fuori cassa di mod. SC 3 con le seguenti registrazioni in P.D.:
IAR 30/114 a IAR 10/128
(importo prestazione) (debito a favore dei beneficiari)
GPA 2./…
(ritenute erariali)
Ovviamente al momento del pagamento delle prestazioni a favore dei beneficiari gli importi relativi devono essere imputati in DARE del conto IAR 10/128.
Eventuali somme non riscosse dai beneficiari dovranno essere evidenziate, nell'ambito del partitario del conto GPA 10/031, con il codice di bilancio 03073 "Somme non riscosse dai beneficiari - Prestazioni IAR - Art. 7, c. 5, D.I. 351/2000”.
Gli importi relativi alle partite in argomento che al termine dell'esercizio risultino ancora da definire devono essere imputati al conto IAR 10/133.
Per l’imputazione contabile di eventuali recuperi per prestazioni indebite è stato istituito il conto IAR 24/133, mentre per la rilevazione del relativo credito deve essere imputato il conto IAR 00/030 già esistente.
Il suddetto conto IAR 00/030 sarà imputato alla fine dell'esercizio sulla base della ripartizione del saldo del conto GPA 00/032 eseguita dalla procedura "recupero crediti per prestazioni", nella quale, il recupero stesso, viene evidenziato con il codice di bilancio 01090 "Prestazioni indebite IAR - Art. 7, c. 5, D.I. 351/2000”.
Tale codice di bilancio, con la denominazione sopra riportata, deve essere utilizzato anche per evidenziare, nell’ambito del partitario del conto GPA 00/069, i crediti per prestazioni divenuti inesigibili.
I saldi dei conti IAR 10/128 e IAR 10/133 risultanti al termine dell’esercizio devono essere ripresi in carico nel nuovo esercizio in contropartita del conto IAR 55/151.
Per quanto riguarda il regime fiscale applicabile alla prestazione in argomento, si ritiene che le somme rientrino fra i redditi di lavoro dipendente. L'imposta deve essere determinata con l'ordinario regime di tassazione, mediante l'applicazione delle aliquote progressive per scaglioni di reddito, non trovando elementi che giustifichino la tassazione separata.
Pur trattandosi di un contributo alle spese di prima sistemazione, la prestazione costituisce reddito per l'intero importo, non essendo applicabile il trattamento agevolato previsto all'art. 48 del TUIR, alla luce della risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 95 del 23/4/2003, in quanto non corrisposta in vigenza di un rapporto di lavoro già instaurato.
Naturalmente, ai fini del riversamento all’erario, le ritenute operate devono essere comunicate alla Direzione Generale secondo le vigenti disposizioni.
Nell'allegato n. 2 si riportano i citati conti IAR 10/128, IAR 10/133, IAR 24/133 e IAR 30/114, di nuova istituzione.

Allegato 1

DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITA’

Il/La sottoscritto/a _____________________________________________________ nato/a a _______________________________ (___) il ______________________ C.F. ____________________________________ , al fine di ottenere la liquidazione della prestazione di cui all’articolo 7 comma 5 del DM 351/2000, sotto la propria responsabilità dichiara:

1) di essere stato/a dipendente dal ___________________[1] al _____________della società ______________________________________ posta in liquidazione coatta amministrativa il _________________ e di aver prestato lavoro presso la sede ubicata nella città[2] __________________ (____);

2) di essere stato/a assunto/a in data ____________________ dalla società[3] _________________________________(m. _____________________________) e di svolgere l’attività lavorativa nel comune di _____________________ (___);

3) di aver trasferito la propria residenza in data _________________ dal comune di ______________________ (__) al comune di _______________________ (__) al seguente indirizzo:
Via _________________________Frazione ___________________________ CAP _______ ;

4) di avere un contratto di lavoro di durata almeno triennale;

5) di essere a conoscenza che tale prestazione è alternativa a quelle previste al comma 1 lett. a) e b) dello stesso art. 7 del DM 351/2000.

Il/La sottoscritto/a _________________________, consapevole che la prestazione erogata si riferisce al triennio successivo alla data di assunzione presso l’azienda di cui al punto 2), si impegna a comunicare al Comitato Amministratore del Fondo di Solidarietà a favore dei dipendenti da Imprese di Assicurazioni in Liquidazione Coatta Amministrativa eventuali variazioni - rispetto a quanto dichiarato ai punti 2), 3) e 4) - che dovessero intervenire in tale periodo.

Data Firma

Allegato 2

VARIAZIONI AL PIANO DEI CONTI
(omesso)

____________________
[1] Indicare la data di assunzione presso l’azienda prima del provvedimento di messa in l.c.a. della stessa.
[2] Indicare ultima sede di lavoro.
[3] Per poter beneficiare della prestazione di cui all’art. 7 c. 5 del DI 351/2000 deve trattarsi di impresa di assicurazione

Altri utenti hanno acquistato

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web