Circolare INPS n. 148 del 24.08.2000

Liquidazione della pensione nei confronti dei lavoratori che optano per il sistema contributivo
Circolare INPS n. 148 del 24.08.2000

SOMMARIO:
Condizioni per l'esercizio dell'opzione. Determinazione del montante contributivo maturato alla data del 31 dicembre 1995. Determinazione del montante contributivo per i periodi maturati successivamente al 31 dicembre 1995. Importo annuo del trattamento pensionistico. Pensione di vecchiaia nel sistema contributivo. Regime di cumulo della pensione di vecchiaia nel sistema contributivo con i redditi da lavoro. Allegato 1: Decreto legislativo 30 aprile 1997, n. 180, come modificato dalle disposizioni correttive di cui al decreto legislativo 23 giugno 1998, n.278. Allegato 2: Serie storica dell'importo del massimale contributivo dall'anno 1946 all'anno 2000 Allegato 3: Coefficienti di rivalutazione di cui alla Legge n. 335 dell' 8 agosto 1995 Allegato 4: Coefficienti di trasformazione

1 - PREMESSA
L'articolo 1, comma, 23, della legge 8 agosto 1995, n. 335, prevede che ai lavoratori iscritti nell’assicurazione generale obbligatoria e nelle forme sostitutive ed esclusive della stessa con meno di 18 anni di contribuzione al 31.12.1995 ovvero con almeno 18 anni di contribuzione alla predetta data, è data facoltà di optare per la liquidazione del trattamento pensionistico esclusivamente con le regole del sistema contributivo.
L’articolo 2 del decreto legislativo 30 aprile 1997, n. 180, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 145 del 24 giugno 1997, così come modificato dall’articolo 1 del decreto legislativo 29 giugno 1998, n.278, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 188 del 13 agosto 1998, disciplina la facoltà di opzione introdotta dal richiamato articolo 1, comma 23, della legge n. 335.

2 - CONDIZIONI PER L'ESERCIZIO DELL'OPZIONE
La facoltà di opzione è subordinata alla condizione che l'interessato possa far valere un'anzianità contributiva pari o superiore a 15 anni, di cui almeno 5 nel sistema contributivo.
Considerato che il sistema contributivo è stato introdotto dal 1° gennaio 1996, l'opzione potrà pertanto esercitata non prima del 1° gennaio 2001.
Dalla predetta data l’opzione può essere esercitata in qualsiasi momento, fermo restando che il massimale annuo della base contributiva e pensionabile opera con effetto sui periodi contributivi e sulle quote di pensione successivi alla data di esercizio dell’opzione stessa (articolo 2, comma 18, della legge n. 335).
Ai fini dell'esercizio della facoltà in parola sono utili i periodi di contribuzione obbligatoria, figurativa, volontaria e da riscatto, purché diano luogo ad un'anzianità contributiva complessiva non inferiore a 15 anni e purché almeno 5 anni di anzianità contributiva si collochino dopo il 1995.

3 - DETERMINAZIONE DEL MONTANTE CONTRIBUTIVO
In applicazione delle disposizioni contenute nei decreti legislativi n. 180 del 1997 e n. 278 del 1998 (allegato 1), il montante individuale dei contributi di cui all’articolo 1, comma 6, della citata legge n. 335 del 1995 è determinato dalla somma di due quote:
a) la prima, per i periodi contributivi maturati fino al 31 dicembre 1995;
b) la seconda, per i periodi contributivi maturati successivamente al 31 dicembre 1995.

3.1 - DETERMINAZIONE DEL MONTANTE CONTRIBUTIVO MATURATO ALLA DATA DEL 31 DICEMBRE 1995
Ai fini della determinazione del montante contributivo in parola occorre:
- individuare la base imponibile annua (cioè la retribuzione imponibile annua, per gli iscritti alle gestioni pensionistiche dei lavoratori dipendenti; il reddito imponibile annuo per gli iscritti alle gestioni previdenziali dei lavoratori autonomi) nel periodo di riferimento per il calcolo della media della contribuzione annua costituito dagli ultimi anni di anzianità contributiva precedenti la data del 31 dicembre 1995, nel limite massimo di dieci annualità (520 settimane) corrispondenti ai periodi di contribuzione (effettiva, volontaria, figurativa, da riscatto, da ricongiunzione) fatti valere dall’assicurato in ciascun anno. La predetta base imponibile non può, comunque, eccedere l’importo del massimale di cui all’articolo 2, comma 18, della legge n. 335 del 1995 rapportato all’anno considerato sulla base dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, così come calcolato dall'ISTAT (v. tabella, allegato 2);
- calcolare l’ammontare dei contributi di ciascun anno moltiplicando la base imponibile annua per l’aliquota contributiva (quindi l’aliquota di computo coincide con quella contributiva) vigente nell’anno interessato. Per i lavoratori dipendenti iscritti a Fondi sostitutivi dell'AGO l’aliquota non può superare quella in vigore per il Fondo pensioni lavoratori dipendenti. Si precisa che negli anni in cui l’aliquota IVS è variata nel corso dell’anno si dovrà procedere alla determinazione dell’aliquota ponderata. Per i lavoratori autonomi, per i periodi precedenti il 1° luglio 1990, si applicano le aliquote contributive vigenti a tale data.
- calcolare il montante contributivo fino al 31 dicembre 1995 rivalutando l’ammontare dei contributi di ciascun anno su base composta fino al 31 dicembre 1995 mediante il tasso annuo di capitalizzazione risultante dalla variazione media quinquennale del prodotto interno lordo nominale (PIL), appositamente calcolato dall’ISTAT con riferimento al quinquennio precedente l’anno da rivalutare (allegato 3);
- determinare il montante medio dividendo il montante complessivo come determinato sopra alla data del 31 dicembre 1995 per il numero degli anni presi in considerazione;
- calcolare il montante al 31 dicembre 1995 moltiplicando il montante medio per il numero degli anni di contribuzione maturati dall’inizio dell’assicurazione fino al 31 dicembre 1995. L’importo così ottenuto costituisce la quota di montante individuale dei contributi per i periodi maturati fino al 31 dicembre 1995 e da rivalutare fino alla data di decorrenza della pensione.

3.2 - DETERMINAZIONE DEL MONTANTE CONTRIBUTIVO PER I PERIODI MATURATI SUCCESSIVAMENTE AL 31 DICEMBRE 1995
Ai fini della determinazione del montante individuale contributivo per i periodi successivi al 1995 trovano applicazione le regole vigenti nel sistema contributivo di cui all’articolo 1, comma 6, della legge n. 335.
Pertanto occorre:
- individuare la base imponibile annua (cioè la retribuzione annua, per gli iscritti alle gestioni pensionistiche dei lavoratori dipendenti; il reddito annuo, per gli iscritti alle gestioni previdenziali dei lavoratori autonomi) corrispondente ai periodi di contribuzione (effettiva, volontaria, figurativa, da riscatto, da ricongiunzione) fatti valere dall’assicurato in ciascun anno;
- calcolare l’ammontare dei contributi di ciascun anno moltiplicando la base imponibile annua per l’aliquota di computo del 33 per cento, per i periodi di contribuzione da lavoro dipendente, ovvero, per l’aliquota di computo del 20 per cento, per i periodi di contribuzione da lavoro autonomo.
- determinare il montante individuale dei contributi sommando l’ammontare dei contributi di ciascun anno, rivalutato annualmente sulla base del tasso annuo di capitalizzazione risultante dalla variazione media quinquennale del prodotto intero lordo nominale(PIL), appositamente calcolata dall’ISTAT con riferimento al quinquennio precedente l’anno da rivalutare. Ai fini della determinazione del montante contributivo individuale per i periodi in argomento, la contribuzione di ciascun anno si rivaluta su base composta al 31 dicembre di ciascun anno, con esclusione della contribuzione dello stesso anno, al tasso di capitalizzazione.
L’importo così ottenuto costituisce la quota di montante individuale dei contributi per i periodi maturati successivamente al 31 dicembre 1995.

3.3 – IMPORTO ANNUO DEL TRATTAMENTO PENSIONISTICO.
L’importo annuo del trattamento pensionistico è determinato applicando al montante contributivo come sopra determinato il coefficiente di trasformazione relativo all’età dell’assicurato alla data di decorrenza della pensione, a partire dall’età di 57 anni (tabella A allegata alla legge 335, allegato 4).
Per tenere conto delle frazioni di anno rispetto all’età dell’assicurato alla decorrenza della pensione, il coefficiente di trasformazione deve essere incrementato di tanti dodicesimi della differenza tra il coefficiente previsto per l’età immediatamente superiore a quella dell’assicurato e il coefficiente previsto per l’età inferiore, per quanti sono i mesi interi trascorsi tra la data di compimento dell’età e la decorrenza della pensione. Ipotizzando, ad esempio, un assicurato di età pari a 58 anni e 6 mesi alla data di decorrenza della pensione ed essendo il coefficiente di trasformazione relativo all’età di 59 anni pari a 5,006 e quello relativo all’età di 58 anni pari a 4,860 per cento, il coefficiente di trasformazione da applicare sarà pertanto pari a 4,860 + (6/12 x 0,146)= 4,933 per cento. A tali fini non si tiene conto delle frazioni di mese (circolare n.180 del 14 settembre 1996).

4 - PENSIONE DI VECCHIAIA NEL SISTEMA CONTRIBUTIVO
Per i lavoratori i cui trattamenti pensionistici sono liquidati esclusivamente con il sistema contributivo, cioè per i lavoratori assicurati dal 1° gennaio 1996 ovvero per i lavoratori che hanno esercitato l'opzione, le pensioni di vecchiaia, di vecchiaia anticipata e di anzianità sono sostituiti da un'unica prestazione denominata "pensione di vecchiaia" (articolo 1, comma 19, della legge n. 335).
Per il diritto alla pensione di vecchiaia sono previsti i seguenti requisiti:
- cessazione del rapporto di lavoro;
- età non inferiore a 57 anni di età;
- 5 anni di contribuzione effettiva;
- importo non inferiore a 1,2 volte l'importo dell'assegno sociale per i richiedenti che hanno meno di 65 anni di età (articolo 1, comma 20, della legge n. 335).
In alternativa al requisito di 57 anni di età può accedere alla pensione di vecchiaia il lavoratore che faccia valere 40 anni di contribuzione. Ai fini del computo di detta anzianità non concorrono le anzianità derivanti dal riscatto di periodi di studio e dalla prosecuzione volontaria dei versamenti contributivi. e la contribuzione accreditata per i periodi di lavoro precedenti il raggiungimento del diciottesimo anno di età è moltiplicata per 1,5.
Ai fini del requisito di 5 anni di contribuzione effettiva si precisa che è utile solo la contribuzione effettivamente versata (obbligatoria, volontaria, da riscatto) con esclusione quindi di quella accreditata figurativamente a qualsiasi titolo.
Pertanto i lavoratori ammessi a fruire della pensione di vecchiaia nel sistema contributivo, in quanto lavoratori assicurati dal 1° gennaio 1996 ovvero lavoratori che hanno esercitato l'opzione, debbono far valere complessivamente almeno 5 anni di contribuzione effettiva.
Alla pensione in parola, in quanto liquidata con il sistema contributivo non si applicano le disposizioni sull'integrazione al minimo.

5 - REGIME DI CUMULO DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA NEL SISTEMA CONTRIBUTIVO CON I REDDITI DA LAVORO
Per i pensionati di età inferiore ai 63 anni di età la pensione è incumulabile totalmente con i redditi da lavoro dipendente, e nella misura del 50% della parte eccedente il trattamento minimo dell'assicurazione generale obbligatoria con i redditi da lavoro autonomo, fino a concorrenza con i redditi stessi. (articolo 1, comma 21, della legge n. 335).
Per i pensionati di età pari o superiore ai 63 anni la pensione non è cumulabile con i redditi da lavoro dipendente ed autonomo nella misura del 50% della parte eccedente il trattamento minimo dell'assicurazione generale obbligatoria, fino a concorrenza con i redditi stessi (articolo 1, comma 22, della legge n. 335).

Allegato 1

DECRETO LEGISLATIVO 30 APRILE 1997, N. 180, COME MODIFICATO DALLE DISPOSIZIONI CORRETTIVE DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO 23 GIUGNO 1998, N.278.

…Omissis…

Articolo 1
Ambito di applicazione

1.Il presente decreto disciplina la facoltà di opzione prevista dall’articolo 1, comma 23, della legge 8 agosto 1995, n. 335.

Articolo. 2
Modalità di applicazione

1. Il montante individuale dei contributi di cui all’articolo 1, comma 6, della citata legge n.335 del 1995 è determinato dalla somma di due quote:
a) la prima, per i periodi contributivi maturati fino al 31 dicembre 1995;
b) la seconda, per i periodi contributivi maturati successivamente al 31 dicembre 1995.
2. La quota di montante di cui al comma 1, lettera a), è determinata come prodotto tra il numero complessivo di anni di contribuzione maturati alla data del 31 dicembre 1995 dal soggetto interessato e la media delle contribuzioni annue, di cui al comma 3, rivalutate "su base composta fino al 31 dicembre dell’anno precedente quello di decorrenza della pensione impiegando il tasso di capitalizzazione di cui all’articolo 1" comma 9, della citata legge n. 335 del 1995, nel limite massimo del periodo di riferimento di cui al comma 5.
3. La contribuzione annua è data dal prodotto tra la retribuzione imponibile e l’aliquota contributiva vigente nel corrispondente periodo di contribuzione.
Le singole aliquote sono computabili nel limite massimo della contemporanea aliquota in vigore presso il Fondo pensioni dei lavoratori dipendenti dell’INPS. Per i dipendenti dello Stato si applicano le aliquote del predetto Fondo pensioni dei lavoratori dipendenti. Per i lavoratori autonomi iscritti presso l’INPS, per i periodi contributivi antecedenti il 1° luglio 1990 si applicano le aliquote contributive vigenti alla predetta data.
4. Per i dipendenti delle amministrazioni pubbliche, di cui all’articolo 2, comma 9, della citata legge n. 335 del 1995, la retribuzione imponibile è quella indicata al medesimo comma 9.
5. Il periodo di riferimento per il calcolo della media delle contribuzioni annue è costituito dagli ultimi anni di anzianità contributiva precedenti la data del 31 dicembre 1995, nel limite massimo di dieci annualità. Per i dipendenti di cui al comma 4 il predetto periodo di riferimento è quello stabilito dalla normativa vigente per il calcolo della retribuzione pensionabile alla stessa data del 31 dicembre 1995.
6. La retribuzione imponibile, impiegata per la definizione del valore di cui al comma 3, non può eccedere l’importo del massimale di cui all’articolo 2, comma 18, della citata legge n. 335 del 1995 rapportato all’anno considerato sulla base dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, così come calcolato dall’ISTAT.
7. Per il calcolo della quota del montante di cui al comma 1, lettera b), si applicano le regole vigenti nel sistema contributivo di cui all’articolo 1, comma 6, della citata legge n. 335 del 1995.
8. L’importo del trattamento annuo è determinato applicando al montante contributivo individuale di cui al comma 1 quanto disposto dall’articolo 1, comma 6, della citata legge n. 335 del 1995.

Allegato 2

Serie storica dell'importo del massimale contributivo
dall'anno 1946 all'anno 2000

(valori in moneta corrente)

IMPORTO

Anni

Annuo

Mensile

Settimanale

1946

2.642.000

220,167

50,808

1947

3.118.000

259,833

59,962

1948

5.054.000

421,167

97,192

1949

5.352.000

446,000

102,923

1950

5.432.000

452,667

104,462

1951

5.361.000

446,750

103,096

1952

5.881.000

490,083

113,096

1953

6.128.000

510,667

117,846

1954

6.244.000

520,333

120,077

1955

6.413.000

534,417

123,327

1956

6.593.000

549,417

126,788

1957

6.923.000

576,917

133,135

1958

7.055.000

587,917

135,673

1959

7.394.000

616,167

142,192

1960

7.364.000

613,667

141,615

1961

7.563.000

630,250

145,442

1962

7.782.000

648,500

149,654

1963

8.179.000

681,583

157,288

1964

8.792.000

732,667

169,077

1965

9.311.000

775,917

179,058

1966

9.711.000

809,250

186,750

1967

9.905.000

825,417

190,481

1968

10.103.000

841,917

194,288

1969

10.234.000

852,833

196,808

1970

10.521.000

876,750

202,327

1971

11.058.000

921,500

212,654

1972

11.611.000

967,583

223,288

1973

12.261.000

1.021,750

235,788

1974

13.536.000

1.128,000

260,308

1975

16.162.000

1.346,833

310,808

1976

18.942.000

1.578,500

364,269

1977

22.067.000

1.838,917

424,365

1978

26.061.000

2.171,750

501,173

1979

29.293.000

2.441,083

563,327

1980

33.892.000

2.824,333

651,769

1981

41.043.000

3.420,250

789,288

1982

48.718.000

4.059,833

936,885

1983

56.659.000

4.721,583

1.089,596

1984

65.158.000

5.429,833

1.253,038

1985

72.065.000

6.005,417

1.385,865

1986

78.263.000

6.521,917

1.505,058

1987

83.037.000

6.919,750

1.596,865

1988

86.857.000

7.238,083

1.670,327

1989

91.200.000

7.600,000

1.753,846

1990

97.219.000

8.101,583

1.869,596

1991

103.149.000

8.595,750

1.983,635

1992

109.751.000

9.145,917

2.110,596

1993

115.678.000

9.639,833

2.224,577

1994

120.536.000

10.044,667

2.318,000

1995

125.237.000

10.436,417

2.408,404

1996

132.000.000

11.000,000

2.538,462

1997

137.148.000

11.429,000

2.637,462

1998

139.480.000

11.623,333

2.682,308

1999

141.991.000

11.832,583

2.730,596

2000

144.263.000

12.021,917

2.774,288

Allegato 3

Coefficienti di rivalutazione di cui alla
Legge n. 335 dell' 8 agosto 1995

Anno al quale rivalutare
i montanti contributivi

Coefficienti di rivalutazione

1976

1,156004

1977

1,190509

1978

1,216775

1979

1,210426

1980

1,203363

1981

1,226929

1982

1,214364

1983

1,205767

1984

1,202694

1985

1,186164

1986

1,160219

1987

1,142703

1988

1,126341

1989

1,115314

1990

1,105217

1991

1,101013

1992

1,097075

1993

1,088611

1994

1,072990

1995

1,065726

1996

1,062054

1997

1,055871

1998

1,053597

1999

1,056503

N.B.: La rivalutazione del montante contributivo su base composta deve essere operata al 31 dicembre di ciascun anno con esclusione della contribuzione dello stesso anno ed ha effetto per le pensioni aventi decorrenza dal 1° gennaio dell'anno immediatamente successivo.

Allegato 4

COEFFICIENTI DI TRASFORMAZIONE
Tabella A allegata alla legge 8 agosto 1995, n. 335

Divisori

Età

Valori

21,1869

57

4,720%

20,5769

58

4,860%

19,9769

59

5,006%

19,3669

60

5,163%

18,7469

61

5,334%

18,1369

62

5,514%

17,5269

63

5,706%

16,9169

64

5,911%

16,2969

65

6,136%

Tasso di sconto = 1,5%

Altri utenti hanno acquistato

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali