Attivazione Siti Web per Professionisti - commercialisti, legali, consulenti del lavoro - Clicca per maggiori informnazioni!

Circolare INPS n. 100 del 22.05.2000

Decreto legislativo 25 febbraio 2000, n. 61. Abrogazione dell’art. 5 della legge n. 863/1984. Retribuzioni convenzionali. Lavoranti a domicilio
Circolare INPS n. 100 del 22.05.2000

SOMMARIO: Determinazione dal periodo di paga in corso nel mese di aprile 2000 del limite minimo di retribuzione giornaliera per alcune categorie di lavoratori.

L'art. 5, c. 19 della legge 19/12/1984, n. 863, modificando, riguardo ai salari convenzionali, l'art. 7, c. 1, della legge 11/11/1983, n. 638, determinava un parametro di retribuzione minima giornaliera al di sotto del quale non potevano scendere le retribuzioni convenzionali. Come noto, tale limite minimo non poteva essere inferiore al 5% dell'importo del trattamento minimo mensile di pensione a carico del Fondo pensioni lavoratori dipendenti in vigore al 1 gennaio di ciascun anno.
Il D.lgs. n. 61/2000, di riordino del lavoro a tempo parziale, abrogando l’art. 5 della legge n. 863/1984, ha posto il problema dell’individuazione della retribuzione minima da assumere per il calcolo dei contributi previdenziali e assistenziali per le categorie di lavoratori per le quali sono stabiliti salari medi convenzionali, in particolare:
1. i lavoratori soci di società e di enti cooperativi, anche di fatto, e loro organismi associati soggetti alle norme di cui al DPR 30/4/1970, n. 602;
2. gli equipaggi delle navi da pesca soggetti alla legge 26/7/1984, n. 413;
3. i soci delle cooperative della piccola pesca di cui alla legge 13/3/1958, n. 250;
4. i pescatori della piccola pesca marittima e delle acque interne di cui alla legge n. 250/1958;
5. i lavoratori a domicilio;
6. i soci delle cooperative sociali.
Ai fini della determinazione dell’imponibile contributivo, occorre premettere che, dal 1/1/1989, coesistono due diverse normative legittimamente compatibili: la retribuzione minima imponibile di cui all'art. 1, c. 1, del D.L. 9/10/1989, n. 338, convertito dalla legge 7/12/1989, n. 389, ed i minimali di retribuzione giornaliera determinati a mente del D.L. 29/7/1981, n. 402, convertito dalla legge 26/9/1981, n. 537, annualmente aggiornati. Quest’ultima disposizione è stata modificata dall'art. 7 della legge 11/11/1983, n. 638, a sua volta modificata dall'art. 1, c. 2, del D.L. n. 338/1989.
Ciò premesso, sull'argomento è intervenuto il Ministero del lavoro e della previdenza sociale con la circolare n. 23 del 12/4/2000 (all. 1), affermando che l’espressa abrogazione dell’art. 5, c. 19, della legge n. 863/1984, operata dal D.Lgs. n. 61/2000, non si estende automaticamente all’art.1, c. 3 del D.L. n. 402/1981, convertito in legge n. 537/1981.
Lo stesso Ministero precisa, ulteriormente, che non può trovare applicazione il disposto di cui all’art. 1, c. 2, secondo periodo, del D.L. n. 338/1989, convertito in legge n. 389/1989, trattandosi di norma generale prevista per i lavoratori dipendenti, applicabile a categorie speciali solo in mancanza di apposita disciplina.
Resta dunque fermo il principio per cui ai fini dell’individuazione del limite minimo di retribuzione giornaliera per le categorie di lavoratori in argomento occorre riferirsi a quanto disposto dall’art. 1, c. 3 del D.L. n. 402/1981, convertito in legge n. 537/1981, il quale fissa, per tutte le contribuzioni dovute in materia di previdenza e assistenza sociale, una retribuzione minima, di L. 10.000, rivalutabili ai sensi dell’art. 22 della legge 3/6/1975, n. 160, in relazione all'aumento dell'indice medio del costo della vita calcolato dall'Istat, con arrotondamento alle 10 lire per eccesso.
Questo comporta che il limite minimo di retribuzione giornaliera per le categorie di lavoratori in argomento, a decorrere dal periodo di paga in corso nel mese di aprile 2000, è pari a L. 38.070 (E. 19,66).
Con particolare riguardo ai lavoratori soci delle cooperative sociali, il Ministero precisa, altresì, che anche alle cooperative sociali è applicabile in via estensiva l’art. 1, c. 3, del D.L. n. 402/1981.

1. Lavoratori soci di cooperative rientranti nel campo di applicazione del DPR n. 602/1970.
Per i lavoratori soci di cooperative rientranti nel campo di applicazione del DPR n. 602/1970, ai soli fini del versamento dei contributi dovuti per l'IVS, fatte salve le determinazioni di miglior favore adottate, con decreto ministeriale, ai sensi dell'art. 6 del DPR n. 602/1970, l'imponibile giornaliero convenzionale ex art. 4 del DPR n. 602/1970 è confermato in Lire 48.110 (E. 24,85) giornaliere.
L'importo risulta, infatti, superiore al limite di cui all’art.1, c. 3 del D.L. n. 402/1981, convertito in legge n. 537/1981.
L'imponibile giornaliero ex art. 4 del DPR n. 602/1970, ai fini del versamento dei contributi di previdenza ed assistenza diversi dall'IVS è confermato in L. 38.200 (E. 19,73) giornaliere.
L'importo risulta, infatti, superiore al limite di cui all’art.1, c. 3 del D.L. n. 402/1981, convertito in legge n. 537/1981.

2. Equipaggi delle navi da pesca (legge n. 413/1984).
Per gli equipaggi delle navi da pesca soggetti alla legge n. 413/1984, le retribuzioni convenzionali da assumere come base per il calcolo dei contributi di previdenza ed assistenza sono quelle stabilite, per l'anno 2000, dalle organizzazioni sindacali di categoria in base al meccanismo del "rinnovo biennale intermedio" del CCNL.
Tali retribuzioni risultano, infatti, superiori ai minimali di legge previsti per lo specifico settore (circolare n. 17 del 28/1/2000).

3. Soci delle cooperative della piccola pesca (legge n. 250/1958).
Per i pescatori della piccola pesca marittima e delle acque interne associati in cooperativa, di cui alla legge n. 250/1958, la retribuzione convenzionale mensile è confermata in L. 952.000 (E. 491,67) mensili (L. 38.070 x 25 gg.). Si veda al riguardo la circolare n. 17/2000.

4. Pescatori della piccola pesca marittima e delle acque interne (legge n. 250/1958).
Per i pescatori della piccola pesca marittima e delle acque interne, soggetti alla legge. n. 250/1958, la retribuzione convenzionale mensile è confermata nella misura di L. 952.000 (E. 491,67) mensili (L. 38.070 x 25 gg.). Vedi al riguardo la circolare n. 30 del 10/2/2000

5. Lavoranti a domicilio.

Per i lavoranti a domicilio, il minimale contributivo è confermato in L. 38.070 (E. 19,66).
Al riguardo si precisa che anche per i lavoranti a domicilio valgono le disposizioni del D.L. 9/10/1989, n. 338, convertito nella legge 7/12/1989, n. 389 in materia di retribuzione minima imponibile (art. 1, c. 1). I lavoratori a domicilio devono, infatti, essere retribuiti a tariffa di cottimo pieno risultante dalla contrattazione collettiva (art. 8 della legge 18 dicembre 1973, n. 877).
Qualora i contratti collettivi non dispongano in ordine alla tariffa di cottimo pieno, continua l'art. 8, secondo comma, questa viene determinata da una commissione a livello regionale composta da otto membri in rappresentanza paritetica dei datori di lavoro e dei lavoratori, nominata dal Direttore dell'ufficio regionale del lavoro e presieduta dal Capo dell'ispettorato regionale del lavoro.
Ove, continua ancora la norma, la tariffa e le indennità accessorie non vengano determinate in un congruo termine, le medesime sono stabilite con decreto dal Direttore dell'ufficio regionale del lavoro in relazione alla qualità del lavoro richiesto, tenendo presenti le retribuzioni orarie fissate dai contratti collettivi osservati dal committente o dai contratti collettivi riguardanti lavorazioni similari.
Ove non risultano fissate le tariffe di cottimo pieno di cui al ripetuto art. 8 della legge n. 877/1973, si può, comunque, considerare assolto l'obbligo contributivo da parte dei datori di lavoro che versino i contributi sulla base delle retribuzioni di fatto corrisposte, nel rispetto comunque dei limiti retributivi minimi fissati ai sensi dell'art. 7 della legge 11 novembre 1983, n. 638, modificato dall'art. 1, comma 2, del Dl n. 338/1989, convertito nella legge n. 389/1989 (circolare 27 maggio 1996 n. 114).
Detto limite, per l'anno 2000, è pari a L. 68.552 (E. 35,40).
Si veda al riguardo anche la circolare n. 17/2000.

6. Lavoratori soci di cooperative sociali.
Per i lavoratori soci delle cooperative sociali, il minimale contributivo, fatte salve le determinazioni di miglior favore adottate, con decreto ministeriale, ai sensi dell'art. 35 del DPR n. 797/1955, è fissato, dal periodo di paga in corso nel mese di aprile 2000, in L. 38.070 (E. 19,66) giornaliere, importo previsto dall’art. 1, c. 3, del D.L. n. 402/1981.

7. Limite per l'accredito dei contributi obbligatori e figurativi.
Il limite minimo di retribuzione settimanale per l’accredito dei contributi obbligatori e figurativi previsto dall’art. 7, c. 1 della legge 11 novembre 1983, n. 638, come modificato dall’art. 1, c. 2 della legge n. 389/1989, è fissato nella misura del 40% dell’importo mensile delle pensioni a carico del Fondo pensioni lavoratori dipendenti, in vigore al 1 gennaio dell’anno considerato. Vedi al riguardo la circolare n. 17 del 28/1/2000.

Allegato 1 (Circ. Min. Lav. n. 23/2000)

Altri utenti hanno acquistato

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali