Circolare Agenzia Entrate n. 49 del 28.12.2012

 

Mediazione tributaria Atti emessi dagli Uffici Provinciali -Territorio dellAgenzia

 


Premessa
Larticolo 39, comma 9, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 981 , come noto, ha inserito nel decreto legislativo 31 dicembre 1992, n. 546, larticolo 17-bis il quale prevede che per le controversie di valore non superiore a ventimila euro, relative ad atti emanati dallAgenzia delle entrate, chi intende proporre ricorso tenuto preliminarmente a presentare reclamo, a pena di inammissibilit del ricorso stesso. Con tale reclamo, in sintesi, si instaura una fase preliminare, finalizzata allesame, in sede amministrativa, della potenziale controversia, che potr essere risolta nel dialogo fra il contribuente e lUfficio, tenuto conto della situazione di fatto e di diritto sottesa alla singola fattispecie ed evitando gli oneri e lalea del giudizio.
Si tratta, dunque, di uno strumento deflativo del contenzioso, nel cui contesto facolt del contribuente formulare anche una proposta di mediazione, ragion per cui listituto disciplinato dallarticolo 17-bis del decreto legislativo n. 546 del 1992 viene convenzionalmente denominato "mediazione tributaria.
Con le circolari n. 9/E del 19 marzo 2012 e n. 33/E del 3 agosto 2012 sono stati forniti una serie di chiarimenti di carattere generale e di indicazioni operative in ordine al nuovo istituto deflativo in esame. Con la presente circolare, si forniscono alcune ulteriori precisazioni con specifico riferimento agli atti emessi dagli Uffici Provinciali Territorio dellAgenzia. Si evidenzia, infatti, che, per effetto delle disposizioni di cui allarticolo 23- quater del decreto legge 6 luglio 2012, n. 95, inserito dalla legge di conversione 7 agosto 2012, n. 135, a decorrere dal 1 dicembre 2012 lAgenzia del territorio stata incorporata nellAgenzia delle entrate, che dalla predetta data esercita le funzioni e i compiti facenti capo allEnte incorporato, ivi compresi i relativi rapporti giuridici attivi e passivi, anche processuali.

1. Lambito di applicazione dellistituto della mediazione tributaria agli atti emessi dagli Uffici Provinciali - Territorio
Si ricorda, innanzitutto, che la procedura di mediazione, che si instaura mediante presentazione di unistanza di reclamo, da esperire obbligatoriamente in presenza dei requisiti previsti dallarticolo 17-bis del decreto legislativo n. 546 del 1992.
Rientrano dunque nellambito di applicabilit dellistituto tutti gli atti elencati nellarticolo 19 del D.Lgs. n. 546 del 1992, purché emanati dallAgenzia delle entrate e di valore non superiore a ventimila euro.
Per quanto concerne, nello specifico, gli atti degli Uffici Provinciali Territorio, sono oggetto di mediazione, in particolare, le controversie relative a:
- avviso di accertamento del tributo;
- avviso di liquidazione del tributo;
- provvedimento che irroga le sanzioni;
- ruolo;
- rifiuto espresso o tacito della restituzione di tributi, sanzioni pecuniarie e interessi o altri accessori non dovuti;
- diniego o revoca di agevolazioni o rigetto di domande di definizione agevolata di rapporti tributari;
- ogni altro atto per il quale la legge prevede lautonoma impugnabilit. Devono invece ritenersi esclusi dalla fase di mediazione tributaria i ricorsi con cui si impugnano gli atti relativi alle operazioni catastali indicate nellarticolo 2, comma 2, del D.Lgs. n. 546 del 1992, in quanto tali atti, anche se emessi dagli Uffici Provinciali Territorio dellAgenzia e previsti dallarticolo 19, comma 1, lettera f), del suddetto decreto legislativo, sono caratterizzati da un "valore non determinabile ai sensi dellarticolo 17-bis, comma 3. Si ricorda, infatti, che, il citato comma 3 dellarticolo 17-bis del D.Lgs. n. 546 del 1992, prevede che il valore delle controversie alle quali si applica la mediazione " determinato secondo le disposizioni di cui al comma 5 dellarticolo 12 del medesimo decreto legislativo.
Per valore, dunque, deve intendersi "limporto del tributo al netto degli interessi e delle eventuali sanzioni irrogate con latto impugnato; in caso di controversie relative esclusivamente alle irrogazioni di sanzioni, il valore costituito dalla somma di queste. Al riguardo, vanno pertanto ribaditi i chiarimenti forniti al punto 1.3.2 della circolare 19 marzo 2012, n. 9/E, ove si sottolinea che "poiché lart. 17-bis richiede che la controversia sia contraddistinta da un valore espressamente individuato, restano escluse dalla fase di mediazione le fattispecie di valore indeterminabile.
Sul tema, si evidenzia anche che la circolare del Dipartimento delle Finanze n. 1/DF del 21 settembre 2011 in tema di introduzione del contributo unificato nel processo tributario ha precisato che "le controversie inerenti le operazioni catastali si configurano di valore indeterminabile.
Di contro, il contribuente deve esperire la fase della mediazione qualora oggetto di contestazione sia non solo la rendita attribuita, ma anche il tributo liquidato e/o i relativi accessori ovvero le sanzioni irrogate con il medesimo atto.
Si pensi, a titolo esemplificativo, al ricorso con il quale il contribuente impugna latto di attribuzione della rendita presunta di cui allarticolo 19, comma 10, del decreto legge 31 maggio 2010, n. 782 , al fine di contestare i correlati tributi speciali catastali, relativi accessori e sanzioni. Non possono formare oggetto di mediazione tributaria, invece, i ricorsi con cui, con limpugnazione dellavviso di liquidazione o di accertamento emesso dal Comune, si contesti anche la rendita catastale. Relativamente alle contestazioni in ordine ai tributi richiesti dallEnte Locale, infatti, difetta il requisito della riconducibilit dellatto impositivo alle attivit dellAgenzia delle Entrate. Per quanto riguarda le contestazioni in merito alla rendita, le stesse, come detto, si configurano come di valore indeterminabile e dunque alle stesse non trova comunque applicazione listituto in esame.

2. Lentrata in vigore e loperativit dellistituto della mediazione tributaria

Ai sensi dellarticolo 39, comma 11, del decreto legge n. 98 del 2011, listituto della mediazione trova applicazione con riferimento agli atti suscettibili di reclamo notificati a decorrere dal 1 aprile 2012.
In merito alloperativit di tale istituto con riferimento alle controversie nelle quali sono attualmente legittimati passivi gli Uffici Provinciali Territorio dellAgenzia, in forza delle disposizioni di cui al citato articolo 23-quater del decreto legge n. 95 del 2012, occorre operare una distinzione. Per quanto concerne gli atti emessi dagli Uffici provinciali dellAgenzia del territorio fino al 30 novembre 2012, ancorché notificati dopo il 1 dicembre 2012, si precisa che gli stessi non sono soggetti a mediazione. Tali atti, infatti, non erano "suscettibili di reclamo alla predetta data del 30 novembre 2012.
Per gli atti emessi dagli Uffici Provinciali Territorio dal 1 dicembre 2012, data a decorrere della quale lAgenzia del territorio stata incorporata nellAgenzia delle entrate, le disposizioni di cui allarticolo 17-bis del D.Lgs. n. 546 del 1992 risultano invece applicabili, in presenza degli altri requisiti previsti dalla norma. Per quanto concerne, il rifiuto tacito alla restituzione di tributi, la mediazione trover applicazione con riferimento alle fattispecie per le quali alla data del 1 dicembre 2012 non siano decorsi novanta giorni dalla data di presentazione della istanza di rimborso, in quanto con il decorso di tale termine si forma il silenzio-rifiuto che consente al contribuente di proporre ricorso giurisdizionale, ai sensi dellarticolo 21, comma 2, del D.Lgs. n. 546 del 1992. Per converso, listituto della mediazione non applicabile alle controversie riguardanti i rifiuti taciti per i quali alla data del 30 novembre 2012 sia gi decorso il termine di novanta giorni dalla presentazione della relativa istanza.

3. LUfficio competente

Ai sensi dellarticolo 17-bis, comma 5, del D.Lgs. n. 546 del 1992, "il reclamo va presentato alla Direzione provinciale o alla Direzione regionale che ha emanato latto, le quali provvedono attraverso apposite strutture diverse ed autonome da quelle che curano listruttoria degli atti reclamabili.

In caso di atti suscettibili di reclamo emanati dallUfficio Provinciale - Territorio, listanza deve essere notificata a questultimo.
Infatti, dato il nesso che sussiste tra larticolo 17-bis e il ricorso giurisdizionale, nel procedimento in esame deve ritenersi applicabile, sebbene non espressamente richiamato, larticolo 10 del D.Lgs. n. 546 del 1992 ove dispone che
parte nel processo tributario (e quindi competente a ricevere listanza di mediazione) "lufficio che ha emanato latto impugnato o non ha emanato latto richiesto.
Al fine della trattazione delle istanze, le "strutture diverse ed autonome da quelle che curano listruttoria degli atti reclamabili sono individuate nellambito delle strutture di sta , alle dirette dipendenze del Direttore dellUfficio provinciale -Territorio.


1: Convertito con modificazioni dalla legge 15 luglio 2011, n. 111.
2: Convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010 n. 122

Altri utenti hanno acquistato

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report