Circolare Agenzia Entrate n. 32 del 29/03/2001

Articolo 6, comma 2, legge 14 novembre 1992, n. 438 - Quota fissa individuale annua per l'assistenza del medico di base - Rimborso dei versamenti in eccedenza o non dovuti
Circolare Agenzia Entrate n. 32 del 29/03/2001

Da più parti è stato chiesto di conoscere le modalità di restituzione della quota fissa individuale annua per l'assistenza del medico di base, prevista dall'articolo 6, comma 2, del decreto legge 19 settembre 1992, n. 384 convertito, con modificazioni, dalla legge 14 novembre 1992, n. 438, nell'ipotesi in cui la stessa quota sia stata erroneamente corrisposta in misura doppia, o comunque maggiore rispetto al dovuto.
Avuto riguardo alle modalità di calcolo del numero delle quote dovute, ai sensi dell'articolo 6, commi 2 e seguenti, della legge 14 novembre 1992, n. 438, successivamente abrogati dall'articolo 8 della legge 24 dicembre 1993, n. 537, si sono verificati, infatti, casi in cui i contribuenti hanno versato importi superiori a quanto dovuto.
In particolare, è stato chiesto se siano applicabili le modalità di restituzione previste dalle disposizioni contenute nell'articolo 33 della legge 21 novembre 2000, n. 342, recante "Misure in materia fiscale".
Come è noto l'articolo 6, comma 2, del decreto legge 19 settembre 1992, n. 384, convertito dalla legge 14 novembre 1992, n. 438 prevedeva l'obbligo a carico di tutti i soggetti che superavano un determinato limite di reddito, del versamento della quota fissa individuale per l'assistenza medica di base.
Successivamente, con decreto del Ministro della Sanità, di concerto con i Ministri delle Finanze e del Tesoro, emanato in data 25 giugno 1993, in attuazione alla delega contenuta nel comma 4 del citato articolo 6 venivano dettate le disposizioni "per l'accertamento delle condizioni di reddito dei soggetti di cui ai commi 2 e 3 del presente articolo e per il versamento della quota fissa per l'assistenza medica di base", senza nulla prevedere in merito alle modalità di rimborso nelle ipotesi di somme erroneamente versate e non dovute in tutto o in parte.
In ordine alle somme richieste a norma del citato articolo 6 della legge n. 438 del 1992, si osserva che le stesse non hanno natura né di imposta né di tassa, ma sono piuttosto assimilabili ai contributi assistenziali obbligatori, tant'è che sono stati ammessi in deduzione in sede di determinazione dell'imponibile ai fini dell'imposta sul reddito delle persone fisiche, ai sensi dell'articolo 10, comma 1, lett. e), del Testo Unico.
Pertanto, l'obbligazione in argomento resta disciplinata dalle norme del diritto comune, con la conseguenza che per la ripetizione d'indebito si rende applicabile la disciplina prevista dall'articolo 2033 del codice civile, non essendo applicabili né le norme della riscossione, né le disposizioni di cui all'articolo 21 del decreto legislativo 31 dicembre 1992, n. 546.
Le modalità di restituzione delle somme in argomento sono stabilite all'articolo 33 della legge 342 del 2000.
In particolare, con la disposizione di cui al comma 1 del citato articolo sono stati individuati i soggetti che hanno diritto alla restituzione, ossia "... i contribuenti che hanno pagato la quota fissa individuale annua per l'assistenza medica di base...", e la misura della stessa, consistente in "...un importo pari all'80 per cento di quanto versato a tale titolo".
Con i successivi commi 2 e 3 dello stesso articolo 33 è previsto che la restituzione possa avvenire attraverso una delle seguenti modalità di restituzione:
a. per compensazione ai sensi dell'articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241;
b. tramite diminuzione delle imposte risultanti dalla dichiarazione dei redditi relativa all'anno 2000;
c. con restituzione da parte del sostituto d'imposta, previa richiesta dal produrre entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore della legge (entro il 10 dicembre 2001);
d. tramite richiesta avanzata ai sensi del Provvedimento dell'Agenzia delle Entrate n. 2001/32457 del 19 febbraio 2001, pubblicato sulla G.U. n. 45 del 23 febbraio 2001, cui si rinvia.
Con tale provvedimento i sostituti d'imposta sono stati, tra l'altro, autorizzati ad utilizzare, per la restituzione delle quote in oggetto, il monte totale delle ritenute.
Per effetto del dettato letterale della norma, che dispone la restituzione del contributo, non in misura integrale, bensì in misura pari all'80 per cento di quanto effettivamente versato a tale titolo, si ritiene che la stessa trovi applicazione anche nelle ipotesi di restituzione di somme versate in eccedenza o non dovute, fermo restando il limite stabilito dal comma 1 del citato articolo 33 della legge n. 342 del 2000.
Di conseguenza, i contribuenti che hanno effettuato versamenti eccedenti l'importo dovuto possono ottenere la restituzione di tali somme, nella misura dell'80 per cento, mediante una delle modalità previste dal citato articolo 33 della legge n. 342 del 2000 e dal provvedimento adottato dal Direttore dell'Agenzia dell'Entrate.
E' appena il caso di evidenziare che gli interessati non sono tenuti ad allegare le ricevute comprovanti il versamento indebito, in quanto del medesimo è conservata traccia nella banca dati dell'Anagrafe tributaria.

Altri utenti hanno acquistato

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report