Giovedì 30 dicembre 2010

Scadenze area fiscale

LOCAZIONI-IMPOSTA DI REGISTRO (pro-memoria-scadenza di riferimento: 30 giorni dalla sottoscrizione del contratto o dalla data della decorrenza del rinnovo)

I titolari dei contratti di locazione e di affitto riguardanti beni immobili devono procedere ad eseguire:
- la registrazione (dopo aver effettuato il preventivo pagamento dell’imposta di registro) dei nuovi contratti di locazione degli immobili stipulati nel termine massimo dei trenta giorni precedenti (indipendentemente dall’ammontare del canone);
nonché il pagamento dell’imposta di registro dovuta per:
- le annualità di contratti pluriennali relativi ad immobili urbani (successive alla prima) aventi inizio dal giorno 1 del mese in corso;
- le risoluzioni, le cessioni e le proroghe anche tacite aventi decorrenza dall’inizio del mese in corso;
mediante versamento presso gli istituti e le aziende di credito o gli uffici e le agenzie postali o i concessionari della riscossione con l’utilizzo del modello F23, indicando i codici tributo:
- 115T - imposta di registro per i contratti di locazione fabbricati-prima annualità;
- 112T - imposta di registro per contratti di locazione fabbricati-annualità successive;
- 107T - imposta di registro per contratti di locazione fabbricati-intero periodo;
- 114T - imposta di registro per proroghe (contratti di locazione e affitti);
- 108T - imposta di registro per affitto fondi rustici;
tenendo presente che la causale da rilevare è “RP - Registrazione di atti pubblici o privati - imposta principale”.
L’entità dell’imposta dovuta si differenzia in base al tipo di immobile ed è pari a:
- per gli immobili ad uso abitativo, 2% del canone annuo moltiplicato per il numero delle annualità;
- per gli immobili strumentali, tenendo presente che a seguito del D.L. n. 223/2006, tutti i contratti di locazione (anche finanziaria e di affitto) aventi per oggetto immobili strumentali per natura, devono essere registrati in termine fisso e per essi è necessario pagare l’imposta di registro nella misura proporzionale dell’1%, indipendentemente dal regime di esenzione o di imponibilità dell’Iva. L’aliquota dell’1% si riferisce, in modo specifico, alle locazioni di immobili strumentali per natura effettuate da locatori che agiscono in qualità di soggetti Iva. Se il locatore non è soggetto all’imposizione dell’Iva, la locazione è comunque assoggettata all’imposta di registro con l’aliquota del 2% prevista in via ordinaria per le locazioni;
- per i fondi rustici, i contratti di affitto, oltre che in via ordinaria, possono essere registrati presentando, entro il mese di febbraio, una denuncia riepilogativa dei contratti posti in essere nel corso dell’anno precedente. In questo caso l’imposta si applica (con l’aliquota dello 0,50%) alle somme dei corrispettivi (moltiplicati per il numero delle annualità) dichiarati nella denuncia e non può essere inferiore alla misura fissa di 67 euro.
Aggiungi al tuo Google Calendar
Altri utenti hanno acquistato

Le ultime notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS