Lunedì 16 giugno 2008

FRODI IVA, ANCHE IL “FILTRO” E' PENALMENTE PERSEGUIBILE

a cura di: eDotto S.r.l.

Le generalizzazioni applicative degli schemi di contrasto al fenomeno delle “frodi carosello” in materia di Iva non sempre corrispondono alla situazione concreta. Nella valutazione della posizione del c.d. “buffer” (filtro), che può (o non) essere consapevole della frode, questo soggetto si inserisce così: il broker (interponente) fa acquistare i prodotti presso la company (fornitore intracomunitario) dal missing trader (un interposto), che anziché rivendere direttamente quei prodotti all’interponente, li cede al soggetto “filtro”, il quale vende i prodotti al cessionario finale, per allungare la filiera e rendere evanescente il disegno rivolto al mancato pagamento dell’Iva, con il conseguimento del doppio vantaggio della spartizione dell’Imposta non versata e dell’abbassamento del prezzo dei prodotti, con connessa concorrenza sleale a danno dei commercianti regolari. Il filtro diviene, perciò, concorrente con gli altri partecipanti al carosello, poiché ha accettato dolosamente di rivestire questo ruolo.


Fonte: Il Sole – 24 Ore, p. 6 – Frodi Iva, anche il “filtro” è penalmente perseguibile – Caraccioli
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web