Lunedì 5 maggio 2014

Vecchio redditometro: come il nuovo, richiede prove più che circostanziate

a cura di: AteneoWeb S.r.l.
Ad esempio, con gli estratti dei conti correnti è possibile dimostrare, in termini di "durata" e non di semplice "transito", il possesso di risorse "non imponibili”.

In tema di accertamento delle imposte sui redditi, qualora l'ufficio finanziario determini sinteticamente il reddito complessivo netto in relazione alla spesa per incrementi patrimoniali, la prova documentale contraria ammessa per il contribuente non riguarda la sola disponibilità di redditi ovvero di redditi esenti o soggetti a ritenuta alla fonte, ma anche l'essere stata la spesa per incrementi patrimoniali sostenuta proprio con redditi esenti o soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d'imposta, e non già con qualsiasi altro reddito.
Questo il principio affermato dalla Cassazione nella sentenza n. 8995 del 18 aprile, in accoglimento del ricorso proposto dall'Amministrazione finanziaria.

La controversia riguarda il caso di un contribuente sottoposto al "vecchio" accertamento sintetico - disciplinato dall'articolo 38 del Dpr 600/1973, prima della riforma recata dal Dl 78/2010 - con il quale gli veniva contestato un maggior reddito (anni 1998/1999), per avere lo stesso, negli anni in questione, dichiarato redditi non compatibili con la proprietà di un'autovettura e di alcune unità immobiliari.


Fonte: http://www.nuovofiscooggi.it
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali