Martedì 20 aprile 2010

Usura: anche la commissione di massimo scoperto va considerata nel computo del tasso effettivo globale

a cura di: eDotto S.r.l.
La Cassazione, Seconda sezione penale, con sentenza n. 12028 del 19 aprile 2010, ha respinto i ricorsi presentati da alcuni funzionari di banca nei cui confronti il Gup del Tribunale di Ascoli piceno aveva dichiarato non doversi procedere, con riferimento al reato di concorso in usura, utilizzando la formula “perche' il fatto non costituisce reato” anziche' “perche' il fatto non sussiste”.

La vicenda in esame prendeva le mosse da due posizioni di conto corrente accese presso la banca in questione da parte di una Srl, sulle quali risultavano praticati, nel periodo compreso fra il 2° semestre 1998 ed il 3° trimestre 2003, tassi di interesse superiori al tasso soglia indicato dai Decreti ministeriali emanati in attuazione della Legge 7 marzo 1996, n. 108 che aveva novellato l'articolo 644 del Codice penale. In particolare, era stato contestato un concorso in usura in considerazione del fatto che il superamento del tasso di soglia era avvenuto applicando in maniera abnorme la commissione massimo scoperto, attraverso una interpretazione strumentale della circolare della Banca d'Italia del 30/9/1996 e delle successive, che non tengono conto della commissione di massimo scoperto ai fini del calcolo del tasso effettivo globale medio.

Il Gup, chiamato a pronunciarsi sulla vicenda, aveva ritenuto integrato l'elemento obiettivo del reato di usura rilevando, tuttavia, la carenza dell'elemento soggettivo in capo ai funzionari in quanto gli stessi avevano agito senza la coscienza e volonta' di porre in essere una condotta usuraria. Dette conclusioni sono state ritenute corrette dai giudici di legittimita', i quali hanno ribadito che l'articolo 644  del Codice penale, comma 4, deve interpretato nel senso che la commissione di massimo scoperto rientra fra gli oneri che devono essere presi in considerazione per il calcolo del tasso effettivo globale riferito ai rapporti bancari come quelli oggetto del giudizio di specie.
Fonte: CASSAZIONE PENALE – SENTENZA N. 12028 DEL 19 FEBBRAIO 2010
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS