Giovedì 11 dicembre 2014

Trenitalia: due procedimenti dall’Antitrust. Il sistema per l’accertamento e la repressione delle “irregolarità di viaggio” è “pratica commerciale scorretta”

a cura di: TuttoCamere.it
L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, con Provvedimento n. 25175 del 12 novembre 2014, ha inflitto a Trenitalia S.p.A. una sanzione amministrativa da un milione di euro per "pratica commerciale scorretta" sulle procedure applicate alle "irregolarità di viaggio" in caso di mancanza di biglietto da parte del viaggiatore.

Il sistema di accertamento e repressione delle irregolarità di viaggio nel trasporto ferroviario passeggeri viene considerato dall'Authority eccessivamente oneroso perché impone al trasgressore, oltre al pagamento del prezzo dovuto per il viaggio in corso (“tassa”), anche una “sovrattassa” (il cui importo va da 50 a 200 euro) e un'ulteriore somma a titolo di “sanzione” (oblazione).

Tale impianto afflittivo viene rigidamente applicato dal personale Trenitalia addetto alla controllo “anche qualora i passeggeri siano nell’impossibilità - per forza maggiore ma anche in esito a disservizio imputabile esclusivamente alla stessa azienda - di acquisto di regolare biglietto presso i canali ordinariamente predisposti (tra i quali è esclusa la vendita diretta a bordo treno) ed anche a fronte di posti comunque liberi a bordo del convoglio per la tratta in questione”.

A giudizio dell'Autorità, l'attuale regime di controllo dei titoli di viaggio mira non solo a reprimere gli abusi, ma è strumentale alla rigidità del sistema tariffario in contrasto con quanto prevede il Codice del Consumo (artt. 20, 24 e 25).

A questo procedimento per pratica commerciale scorretta si è aggiunto un altro procedimento sui tempi degli indennizzi a favore dei passeggeri aperto su segnalazione di diverse associazioni dei consumatori e di numerosi cittadini (Provvedimento n. 25176). In questo caso il procedimento si è chiuso senza accertamento di alcuna infrazione, a condizione che Trenitalia faccia seguito agli impegni presi.
Trenitalia si è, infatti, formalmente impegnata a ridurre i tempi degli indennizzi entro marzo 2015.

Tra le novità, le richieste di rimborso potranno essere presentate entro tre giorni dall'arrivo a destinazione invece dei venti giorni attuali e il diritto all'indennizzo scatterà in caso di ritardo superiore ai trenta minuti sull'orario previsto, in luogo della soglia di un'ora attualmente prevista.
È previsto un ulteriore margine di tre minuti sull'eventuale ritardo nelle stazioni dei grandi nodi ferroviari come quelle di Torino, Milano, Bologna, Firenze e Roma.
Il bonus (non in denaro) pari al 25% del prezzo del biglietto sui servizi nazionali di media e lunga percorrenza potrà essere scontato in viaggi successivi.

Per scaricare il testo del Bollettino n. 45/2014 clicca qui.
(Fonte: Antitrust - Bollettino n. 45/2014 del 24 novembre 2014)


Fonte: http://www.tuttocamere.it

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS