Martedì 18 maggio 2010

Traduzioni nei processi: e' sufficiente una lingua nota

a cura di: eDotto S.r.l.
Nel testo della sentenza n. 18469 del 17 maggio 2010, la Cassazione - Sesta sezione penale - ha spiegato come, nel nostro ordinamento, lo straniero sottoposto a processo che non comprenda l'italiano abbia diritto ad un interprete che parli una lingua a lui conosciuta e comprensibile, ma non per forza ad un interprete di madrelingua.

Non solo. La sentenza – precisa la Corte - non e' da ricomprendere nella categoria di atti rispetto ai quali la legge processuale assicura all'imputato straniero “alloglotta” il diritto alla nomina di un interprete per la traduzione nella lingua a lui conosciuta. La mancata traduzione, infatti, non e' una causa di nullita' della sentenza, potendo solo determinare l'eventuale differimento del decorso dei termini per l'impugnazione al momento in cui l'imputato abbia cognizione del contenuto della sentenza stessa.

Sulla base di tali considerazioni, la Corte ha respinto il ricorso presentato da un immigrato bulgaro che lamentava la mancata messa a disposizione di un interprete madrelingua. Lo stesso, in particolare, nel procedimento a cui era stato sottoposto ,era stato affiancato da un interprete inglese che lui, comunque, ben capiva.
Fonte: ItaliaOggi, p. 20 – Niente interpreti madrelingua
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web