Martedì 17 aprile 2012

Stalking. Il divieto di avvicinamento non richiede la predeterminazione dei luoghi interdetti

a cura di: eDotto S.r.l.
La Corte di cassazione, con la sentenza n. 13568 depositata l’11 aprile 2012, si è pronunciata in materia di stalking e, in particolare, con riferimento alla misura cautelare del divieto di avvicinamento alla persona offesa disposta nei confronti dell’indagato.

Secondo gli ermellini, una volta riconosciuta la sussistenza di esigenze cautelari tali da imporre all’accusato il divieto di avvicinarsi alla persona offesa, non è necessaria una specifica predeterminazione dei luoghi di abituale frequentazione della vittima ed interdetti all’indagato.  

Le prescrizioni sancite a carico dell’indagato, anche nel generico riferimento al divieto di avvicinarsi alla persona offesa ed ai luoghi in cui la stessa in concreto si trovi, mantengono un contenuto coercitivo “sufficientemente definito nell’essenziale imposizione di evitare contatti ravvicinati con la vittima, la presenza della quale in un certo luogo è sufficiente ad indicare lo stesso come precluso all’accesso dell’indagato”.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web