Lunedì 22 febbraio 2016

Societa' a responsabilita' limitata semplificate - Cessione quote e modifiche dell'atto costitutivo - Obbligo di deposito dello statuto

a cura di: TuttoCamere.it
L'atto di cessione di quote sociali di società a responsabilità limitata semplificata (S.R.L.S.) a soggetto diverso da persona fisica è consentito in quanto il divieto contenuto nel comma 1, dell'art. 2463-bis C.C., riguarda la sola fase di costituzione della società. L'art 2463 bis C.C. pone, infatti, il vincolo sulla costituzione della S.R.L.S. dalle sole persone fisiche, ma non vi sono vincoli espressi per le successive modifiche.

E' questa la risposta fornita dal Ministero dello Sviluppo Economico, con il Parere del 15 febbraio 2016, Prot. 39365, emanato in risposta ad un quesito nel quale una Camera di Commercio chiedeva, a proposito delle Società a responsabilità limitata semplificate (S.R.L.S.):
a) se fosse possibile procede ad una cessione di quote a soggetti diversi dalle persone fisiche;
b) se fosse possibile addivenire, a seguito di modificazioni o di cessione di quote, ad una compagine sociale inclusiva di persone giuridiche, espressamente escluse in fase costitutiva, oppure se la limitazione della partecipazione alle persone fisiche debba intendersi come una caratteristica costante delle suddette società;
c) se fosse possibile modificare, con verbale di assemblea straordinaria, il contenuto delle clausole presenti nell'atto costitutivo standard, senza poi depositare lo statuto aggiornato, sull'assunto che quello standard sia l'atto costitutivo e non lo statuto, che di fatto non sarebbe previsto dalla normativa specifica. Per quanto riguarda il quesito di cui alle lettere a) e b), tuttavia
- osserva il Ministero - ammessa la possibilità della iscrizione della cessione di quote in questione, "si deve riflettere sulla sorte della compagine sociale sotto il profilo causale e tipologico".

Appare, infatti, del tutto evidente che l'ingresso nel capitale sociale di soggetti differenti dalle persone fisiche farebbe perdere a quella SRL le caratteristiche di "SRL semplificata", trovando applicazione, ove non vi sia un aumento di capitale che esuberi i 9999 euro, la previsione di cui all'art. 2463, comma 4 del Codice civile. Pertanto la società perderebbe lo status particolare di SRLS ed assumerebbe quello di SRL "ordinaria" cd a capitale esiguo.

Troveranno pertanto applicazione tutte le disposizioni relative alle "società ordinarie" (fatta salva l'espressa eccezione in tema di capitale sociale) e "la società dovrà modificare la propria denominazione per estrarne il lessema «semplificata» non più rispondente a realtà e foriero di erronea informazione al mercato".

Per quanto riguarda il quesito di cui alla lettera c), si rileva che effettivamente sia la legge delega, che l'attuale art. 2463-bis C.C., parlano di "atto costitutivo" e non anche di "statuto", pertanto, la modifica statutaria andrebbe a influire su elementi che non si pongono in contraddizione con la formulazione dello stesso art. 2463-bis C.C. e quindi non andrebbero a toccare lo status di SRLS.

Ma ciò non toglie - prosegue il Ministero - che, nonostante l'art. 2463 del Codice civile parli esclusivamente di "atto costitutivo", non si debba applicare quanto disposto sia dall'art. 2328 C.C, in tema di SPA, che dall'art. 2, comma 1, lett. c), della Direttiva 151/68/CEE (ora codificata nella Direttiva 2009/101/CE) dove si stabilisce, rispettivamente, che «Lo statuto contenente le norme relative al funzionamento della società, anche se forma oggetto di atto separato, costituisce parte integrante dell'atto costitutivo» e che «dopo ogni modifica dell'atto costitutivo o dello statuto,[è soggetto all'iscrizione] il testo integrale dell'atto modificato nella sua redazione aggiornata».

Per un approfondimento dell'argomento e per scaricare il testo del Parere ministeriale clicca qui.


Fonte: http://www.tuttocamere.it
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS