Mercoledì 14 luglio 2010

Sinistro stradale: il Cid fa prova nei confronti sia del danneggiante che dell'assicurazione

a cura di: eDotto S.r.l.
La Corte di cassazione, con sentenza n. 16376 del 13 luglio 2010, ha accolto, con rinvio, il ricorso presentato da una coppia, parte danneggiata in un sinistro stradale, avverso la decisione con cui i giudici di merito avevano escluso che la condanna al risarcimento, oltre che al danneggiante, fosse estesa anche alla assicurazione di quest'ultimo sull'assunto della mancanza di prova ulteriore rispetto alle dichiarazioni contenute nel modello Cid. 
La Terza sezione della Cassazione ha cosi' ribaltato la decisione impugnata invitando i giudici del rinvio a procedere ad una nuova valutazione della vicenda in considerazione del principio secondo cui, nel giudizio promosso dal danneggiato nei confronti dell'assicuratore della responsabilita' civile da circolazione stradale, “le dichiarazioni confessorie rese dal responsabile del danno, proprietario del veicolo assicurato, chiamato in causa quale litisconsorte necessario, non possono dar luogo a un differenziato giudizio di responsabilita', con riferimento al rapporto tra responsabile e danneggiato, da un lato, e a quello tra danneggiato ed assicuratore dall'altro”. Tali dichiarazioni – continua la Corte – dovranno essere “liberamente apprezzate dal giudice”, nonche' “oggetto di una valutazione unitaria nei confronti di tutti e ciascuno dei litisconsorti”. 
Per quel che riguarda le dinamiche del sinistro, la Corte di legittimita' precisa che, nel caso - come quello di specie - di collisione di un veicolo con quello che precede (tamponamento) viene a porsi a carico del conducente “una presunzione de facto di inosservanza della distanza di sicurezza, con la conseguenza che, non potendosi applicare la presunzione di pari colpa di cui all'articolo 2054, comma secondo, Codice civile, egli resta gravato dall'onere di dare la prova liberatoria, dimostrando che il mancato tempestivo arresto dell'automezzo e la conseguente collisione sono stati determinati da cause in tutto o in parte a lui non imputabili”.
Fonte: Il Sole 24 Ore – Norme e Tributi, p. 37 - La condanna al guidatore si estende alla compagnia
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali