Lunedì 6 settembre 2010

Si' al compenso del professionista se la modifica illecita e' espressamente richiesta dal committente

a cura di: eDotto S.r.l.
I giudici di Cassazione, con sentenza n. 18747 del 19 agosto, hanno respinto il ricorso presentato da alcuni clienti di un ingegnere avverso la decisione con cui la Corte d'appello di Reggio Calabria aveva riconosciuto che il professionista avesse comunque diritto al compenso pattuito anche se il progetto posto in essere risultava violare la normativa urbanistica. Per i ricorrenti il contratto era da considerare nullo poiche' lo stesso era mosso da un motivo illecito; ne derivava il venir meno del diritto al compenso per l'ingegnere. 
Di diverso avviso la Corte di legittimita', secondo cui il diritto al pagamento del professionista non puo' venir meno nei casi in cui - come in quello di specie - sia la stessa committenza, nella propria autonomia contrattuale, a chiedere espressamente di inserire nel progetto un'opera irrealizzabile in quanto posta in violazione delle normative urbanistiche.
Fonte: CORTE DI CASSAZIONE – SENTENZA N. 18747 DEL 19 AGOSTO 2010
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web