Martedì 21 ottobre 2014

Servizio civile nazionale: aperto anche ai cittadini stranieri. Parere del Consiglio di Stato

a cura di: TuttoCamere.it
Gli Stati membri non possono prevedere per i cittadini stranieri - siano essi comunitari, extracomunitari lungo soggiornanti o beneficiari di protezione internazionale - anche in ordine alla formazione professionale, un trattamento diverso rispetto a quello stabilito per i cittadini nazionali.

Pertanto, alla luce della normativa attuale e nelle more dell’auspicabile sollecito adeguamento della normativa concernente il servizio civile, il Dipartimento della Gioventù del Servizio Civile Nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, in vista dell’adozione di bandi straordinari, devono disapplicare l’articolo 3, comma 1, del D.Lgs. n. 77 del 2002, che limita l’accesso al servizio civile ai cittadini italiani, per il contrasto con la normativa comunitaria, consentendo anche ai cittadini stranieri di accedere al servizio civile.

E’ questo quanto viene affermato dal Consiglio di Stato con il Parere n. 1091/2014, richiesto dall’Ufficio legislativo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, su sollecitazione del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale e depositato il 9 ottobre 2014.

Il Consiglio di Stato è del parere che il requisito di cittadinanza debba essere disapplicato perchè in contrasto con le disposizioni del diritto dell’Unione europea e che, pertanto, anche ai cittadini stranieri debba essere consentito di partecipare ai bandi, perlomeno con riferimento a quelle categorie “protette” dal diritto dell’Unione europea, ovverosia i cittadini di altri Stati membri dell’Unione europea e i loro familiari, i cittadini di Stati terzi lungosoggiornanti, i titolari dello status di rifugiato e della protezione sussidiaria. Questo in virtù del principio della diretta applicazione delle norme del diritto UE e del loro primato su norme interne nazionali eventualmente incompatibili con le prime.
Nel suo parere, il Consiglio di Stato, ripercorre l’evoluzione nel tempo del servizio civile sottolineando come attualmente l’istituto si configuri in maniera autonoma e diversa dal servizio militare, ed il cui fondamento costituzionale si ricolleghi prevalentemente ai doveri di solidarietà sociale e di concorso al progresso materiale e spirituale della società previsti dagli artt. 2 e 4 Cost. gravanti non solo sui cittadini italiani, ma anche su quelli stranieri residenti regolarmente nel nostro Paese.
(Fonte: ASGI)

Per saperne di più e per scaricare il testo del parere del Consiglio di Stato e del comunicato stampa congiunto della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento di Gioventù e del Servizio Civile Nazionale e del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali, clicca qui.


Fonte: http://www.tuttocamere.it
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report