Giovedì 12 maggio 2011

Sequestro sui beni cointestati solo se c'e' la disponibilita' da parte dell'indagato

a cura di: eDotto S.r.l.
La Terza sezione penale di Cassazione, con la sentenza n. 18527 dell'11 maggio 2011, ha annullato, con rinvio, l'ordinanza con cui il Tribunale di Roma aveva confermato il sequestro preventivo per equivalente disposto dal Gip nei confronti di un appartamento cointestato ad un soggetto indagato per associazione per delinquere e dichiarazione fraudolenta mediante utilizzazione di fatture false.

La misura cautelare era stata disposta dal giudice sul presupposto che l'immobile fosse nella disponibilità del contribuente indagato e ciò nonostante sullo stesso, in comproprietà tra l'indagato e sua moglie, era stato costituito un fondo patrimoniale.

La Corte di legittimità, pur confermando come in linea astratta siano assoggettabili a sequestro anche i beni cointestati con terzi estranei ove essi siano nella disponibilità dell'indagato, ha altresì sottolineato che, nella specie, il Tribunale aveva errato nel dedurre la disponibilità del bene in capo all'uomo solo sulla base della semplice intestazione (al 50%) dell'immobile e ciò nonostante le prove addotte dalla difesa circa la donazione della parte del bene dal marito alla moglie e la costituzione del fondo.
Altri utenti hanno acquistato

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS