CAF 730 - diventa un centro di raccolta - Clicca per maggiori informnazioni!
Martedì 13 ottobre 2009

Segreto d'ufficio solo per atti tipici

a cura di: eDotto S.r.l.
La Cassazione, con la sentenza n. 39706 del 12 ottobre 2009, ha respinto il ricorso presentato dal Procuratore generale presso la Corte d'appello di Bologna contro la decisione con cui il Gip del Tribunale del luogo aveva deciso di non doversi procedere nei confronti di un consigliere comunale che era stato accusato del reato di rivelazione di segreto d'ufficio in quanto aveva divulgato documenti e comunicazioni di natura riservata. I giudici di legittimita', allineandosi alla posizione del Gip, hanno sottolineato come, ai fini della configurabilita' del reato di specie, il dovere di segreto deve essere imposto al pubblico ufficiale o all'incaricato di pubblico servizio da una legge, da un regolamento, ovvero dalla natura stessa della notizia che puo' recare danno alla P.a. Ora, nel caso esaminato il consigliere aveva legittimamente ottenuto la disponibilita' dei documenti in ragione del diritto d'accesso connesso alla sua funzione. Lo stesso, poi, in assenza di una specifica normativa che la qualificasse come segreta, aveva ritenuto la documentazione reperita svincolata da ogni segretezza e per questo l'aveva diffusa.

In ogni caso, la Corte ha altresi' ricordato come “la legge n. 241 del 1990 abbia rivoluzionato la disciplina degli atti e dell'accesso agli stessi, sancendo in definitiva il principio che tutto cio' che non e' segreto e' accessibile. Essa contiene soltanto la regolamentazione del diritto di accesso e non anche di un parallelo obbligo di segretezza, regolando tale diritto unicamente sulla base all'interesse del richiedente, ovvero dalla giustificazione addotta dallo stesso”.
Fonte: ItaliaOggi, p. 35 – Segreto d'ufficio all'angolo – Alberici
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS