Mercoledì 20 gennaio 2010

Se non c'e' l'appropriazione del denaro non si ha peculato

a cura di: eDotto S.r.l.
Sindaco e comandante dei vigili erano stati condannati, in primo grado, per il reato di peculato dopo che gli stessi, senza averne titolo, avevano versato le somme ottenute da alcune multe in un conto del Comune mentre, nel frattempo, erano in attesa dell'attivazione di quello creato per il consorzio fra i Comuni vicini. Mancava, tuttavia, uno dei presupposti per la rinvenibilita' del reato di peculato: l'appropriazione del denaro da parte loro. Per questo i due hanno fatto ricorso in Cassazione e lo hanno vinto.

I giudici di legittimita', in particolare, nel testo della sentenza n. 1938 del 15 gennaio 2010 con cui si sono pronunciati sulla vicenda, hanno precisato come l'atto posto in essere dai due imputati non aveva prodotto alcun volontario arricchimento. “L'accantonamento delle somme e la restituzione ai trasgressori - spiega la Corte - adottate con atti costituenti legittimo esercizio di una funzione, non avrebbero potuto configurare il delitto di peculato, il cui elemento materiale e' l'appropriazione di danaro, del quale il pubblico ufficiale abbia avuto la disponibilita' in ragione della pubblica funzione esercitata”.
Fonte: ItaliaOggi, p. 21 – Senza disponibilita` no peculato – Alberici
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS