Lunedì 12 settembre 2011

Se muore il difensore con procura l’atto e' notificato alla parte

a cura di: eDotto S.r.l.
Stante il divieto ex comma 4 dell'articolo 141 del Cpc, la Cassazione, nelle sentenze n. 16673 e n. 16674 del 2011, stabilisce la nullità della notifica dell’appello presso l'indirizzo del procuratore morto.

Sull’avviso di ricevimento all’indirizzo del domicilio fiscale di una società una firma illeggibile, dunque, tutto da rifare per l’Amministrazione ricorsa in appello: dovrà ripetere la notifica, stavolta, direttamente alla parte (comma 3 dell'articolo 330 del codice di procedura civile).

L’appello aveva visto il Fisco vincere, ma in assenza di contraddittorio, per il fatto che il difensore fiscale, con procura ad litem rilasciata nel ricorso introduttivo, della società era morto prima che venisse consegnato presso il suo domicilio l’avviso del ricorso da parte dell’Amministrazione. Il ricevente l’avviso, a cui è stato impossibile risalire data l’illeggibilità della firma, non si era premurato di farlo recepitare alla società interessata.

Le pronunce in oggetto sono occasione per la Corte di ribadire che la notifica nulla, a differenza di quella inesistente, è sanabile o rinnovabile.
Fonte: http://www.corteconti.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS