Lunedì 11 gennaio 2010

Scriminante al padre a cui viene impedito di vedere il figlio

a cura di: eDotto S.r.l.
Con la sentenza n. 48516 depositata il 18 dicembre 2009, la terza sezione penale della Cassazione ha annullato, con rinvio, una decisione di condanna per violenza privata impartita dai giudici di merito nei confronti di un uomo a cui la ex convivente aveva impedito di vedere il figlio. Mentre il Tribunale di Pisa lo aveva condannato a sei anni di reclusione e a risarcire la donna di 30 mila euro e la Corte d'appello di Firenze aveva ridotto la pena a poco piu' di quattro anni, la Cassazione, a cui si era rivolto l'uomo lamentando sia la mancanza di prove certe contro di lui, sia che non gli era stata applicata la scriminante prevista dall'articolo 51 del codice penale, ha ribaltato la situazione accogliendo le istanze del padre e disponendo un nuovo esame della vicenda. In particolare, i giudici di legittimita' hanno ritenuto la decisione di appello carente in ordine al rigetto della eccepita sussistenza della scriminante dell'esercizio del diritto; secondo la Corte, infatti, la condotta dell'uomo era stata causata solo dall'intento di esercitare il diritto di vedere il figlio che non gli era stato concesso di incontrare per tutto il mese precedente.
Fonte: CORTE DI CASSAZIONE - SENTENZA N. 48516 DEL 18 DICEMBRE 2009
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web