Martedì 7 luglio 2015

Sanzioni: l'esimente va richiesta, non applicata d'ufficio dal giudice

a cura di: AteneoWeb S.r.l.
La generica istanza di valutazione della non debenza delle penalità non ha valore nel processo tributario, in cui l'oggetto in causa è circoscritto alle ragioni della pretesa fiscale.

Il giudice tributario non può, d'ufficio, dichiarare inapplicabili le sanzioni non penali in assenza di un'espressa richiesta in tal senso avanzata dal ricorrente; l'onere di allegare l'eventuale sussistenza delle "obiettive condizioni di incertezza" di cui all'articolo 8 del Dlgs 546/1992, grava, difatti, sul contribuente.
È questo il principio desumibile dalla sentenza n. 12768 della suprema Corte, dello scorso 19 giugno, avallata da altre pronunce della giurisprudenza di legittimità.

La controversia ha avuto origine in seguito alla notifica, nei confronti di una Srl, di una cartella di pagamento a mezzo della quale veniva richiesto il pagamento di somme dovute a titolo di maggiori imposte per due annualità (Iva, Irpeg, Irap, 2002-2003), oltre che di sanzioni pecuniarie.


Fonte: http://www.nuovofiscooggi.it
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report