Giovedì 5 novembre 2009

Salvo, in ogni caso, l'acquisto del terzo in buona fede

a cura di: eDotto S.r.l.
Con sentenza n. 22755 depositata il 28 ottobre 2009, le Sezioni unite civili della Corte di cassazione hanno ribadito che, salvi gli effetti della trascrizione della domanda, il sopravvenuto accertamento della comunione legale non e' opponibile al terzo che abbia acquistato il bene in buona fede.

Nel caso esaminato dai giudici di legittimita', un uomo aveva venduto un immobile che in precedenza era stato adibito a casa coniugale nonostante entrambi i coniugi, in costanza di matrimonio, ne avessero simulato la destinazione all'attivita' professionale del marito al fine di sottrarlo, a scopo fiscale, alla comunione legale.

La ex moglie chiedeva, in particolare, che fosse dichiarata la simulazione dell'atto pubblico di acquisto originario e che fosse accertata la comune proprieta' dell'immobile in capo ad entrambi i coniugi con conseguente annullamento della successiva vendita a terzo.

La Suprema corte, dopo aver sottolineato come, legittimamente, “il coniuge non acquirente di un bene immobile puo' successivamente proporre domanda di accertamento della comunione legale anche rispetto a beni che siano stati acquistati come personali dall'altro coniuge, non risultando precluso tale accertamento dal fatto che il coniuge non acquirente fosse intervenuto nel contratto per aderirvi”, rilevando, in proposito, non la dichiarazione del coniuge al tempo dell'acquisto ma il tipo di uso effettivamente fatto del bene, ha, in ogni caso, ritenuto salvo l'acquisto dell'immobile da parte del terzo in buona fede, acquisto perfezionatosi prima della trascrizione della domanda della ex moglie.
Fonte: CORTE DI CASSAZIONE - SEZIONI UNITE CIVILI - SENTENZA N. 22755 DEL 28 OTTOBRE 2009
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS