Martedì 28 maggio 2013

Rinuncia al compenso da comportamento concludente del professionista

a cura di: eDotto S.r.l.
La rinuncia al compenso da parte del professionista può essere espressa anche attraverso un comportamento concludente. E' quindi possibile che detta rinuncia possa desumersi in considerazione del lungo tempo trascorso senza ottenere il compenso, e dell’insussistenza di un’intesa con il cliente sulla retribuzione sia in fase genetica che successivamente. Il professionista, infatti, potrebbe prestare la propria attività anche a titolo gratuito e per i motivi più vari.

E' il principio sancito dalla Prima sezione civile di Cassazione nel testo della sentenza n. 13094 depositata il 27 maggio 2013 e pronunciata con riferimento alla controversia che ha visto coinvolto un ingegnere il quale, dopo aver prestato alcune attività per conto di una società, era rimasto inerte per molti anni, senza chiedere alcun compenso.

Solo dopo che la società era stata sottoposta al fallimento, il professionista si era attivato al fine di vedersi riconoscere un diritto di credito, credito che, tuttavia, oltre a non risultare fondato su un contratto non era nemmeno indicato nel bilancio della società. Peraltro, non risultava neanche che il professionista ne avesse mai reclamato per iscritto il pagamento.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report