Mercoledì 3 marzo 2010

Responsabilita' penale per l'imprenditore che non giustifica la mancanza di cespiti

a cura di: eDotto S.r.l.
La Corte di cassazione, con la sentenza n. 8262 del 2 marzo 2010, ha rigettato il ricorso presentato da un imprenditore avverso la decisione con cui era stato condannato, dai giudici di merito, per bancarotta fraudolenta patrimoniale in quanto non aveva giustificato la mancanza di alcuni beni dell'azienda dall'asse attivo concorsuale. L'imprenditore – si legge nella sentenza - “e' posto in posizione di garanzia per la tutela del patrimonio d'impresa, cespite destinato alla soddisfazione delle pretese creditorie, ai sensi dell'articolo 2740 Codice civile”. Ne consegue la sua responsabilita' in caso di mancato rinvenimento - all'atto della dichiarazione di fallimento - di beni e valori societari costituenti l'asse attivo, qualora tale mancanza “non sia da questi giustificata o non sia indicata la destinazione assegnata agli stessi”.
Fonte: ItaliaOggi, p. 24 – Beni fuori asse? C'e` bancarotta - Alberici
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali