Lunedì 14 marzo 2016

Registro delle imprese - Le verifiche da parte dell'ufficio delle caselle PEC delle imprese iscritte

a cura di: TuttoCamere.it

A decorrere dal 29 novembre 2011, per le società, e dal 20 ottobre 2012, per le imprese individuali, vige l'obbligo di iscrivere al Registro Imprese la propria casella di Posta Elettronica Certificata (PEC).

In base alla Direttiva n. 2608 del 27 aprile 2015 - emanata dal Ministero dello Sviluppo Economico, d'intesa con il Ministero della Giustizia e in vigore dal 13 luglio 2015 - le imprese costituite in forma societaria e le imprese individuali attive non soggette a procedura concorsuale, hanno l'obbligo di:

  • munirsi di una casella di posta elettronica certificata;
  • iscrivere il relativo indirizzo nel Registro delle imprese;
  • mantenere attiva la casella di posta elettronica certificata.

La direttiva in questione stabilisce, inoltre, che l'iscrizione al Registro delle imprese dell'indirizzo di posta elettronica certificata di un'impresa è legittimamente effettuata solo se detto indirizzo è nella titolarità esclusiva della stessa in quanto ciò costituisce requisito indispensabile per garantire la validità delle comunicazioni e delle notificazioni effettuate con modalità telematica.

Prima di procedere all'iscrizione di un indirizzo di posta elettronica certificata, l'ufficio del Registro delle imprese dovrà verificare, con modalità informatiche:

a) che questo non risulti già assegnato ad altra impresa; in tal caso dovrà invitare il richiedente ad indicare un nuovo indirizzo di posta elettronica certificata entro un congruo termine, pena il rigetto della domanda d'iscrizione;
b) se la casella già assegnata è inattiva; in tal caso ne dovrà dare comunicazione alla Pubblica Amministrazione che gestisce il pubblico elenco in cui l'indirizzo è iscritto. perché adotti i provvedimenti di competenza;
c) che la relativa casella, di esclusiva titolarità dell'impresa richiedente l'iscrizione, sia attiva; in caso negativo, dovrà invitare il richiedente ad indicare un nuovo indirizzo di posta elettronica certificata entro un congruo termine, pena il rigetto della domanda d'iscrizione.

Successivamente all'iscrizione, l'ufficio del Registro delle imprese dovrà, inoltre, verificare, con modalità automatizzate e con periodicità almeno bimestrale:

a) che la casella sia attiva,
b) che uno stesso indirizzo di posta elettronica certificata non sia iscritto sulla posizione di due o più imprese e
c) che sia univocamente ed esclusivamente riconducibile alla posizione di un'unica impresa.

Per le caselle risultate inattive l'ufficio inviterà l'impresa interessata a presentare domanda di iscrizione di un nuovo indirizzo di posta elettronica certificata entro un termine non superiore a 10 giorni decorso il quale procederà alla cancellazione dell'indirizzo in questione ai sensi dell'art. 2191 del Codice civile.

Per le caselle che risulteranno attive ma iscritte sulla posizione di due o più imprese l'ufficio inviterà tutte le imprese, diverse da quella che ha iscritto per ultima l'indirizzo in questione, a presentare domanda di iscrizione di un nuovo indirizzo PEC entro un termine non superiore a 10 giorni, decorso il quale procederà alla cancellazione dell'indirizzo in questione ai sensi dell'art. 2191 del Codice civile.

Per un approfondimento dell'argomento clicca qui.


Fonte: http://www.tuttocamere.it
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS