Giovedì 8 luglio 2010

Piano governativo per lo smaltimento delle cause civili

a cura di: eDotto S.r.l.
E' stato presentato ieri 7 luglio, presso la commissione Bilancio del Senato, un emendamento governativo alla manovra correttiva contenuta nel Decreto legge 78/2010 che introduce interventi urgenti per il rilancio della competitivita' attraverso la riduzione del contenzioso civile pendente. 
Tra le principali novita', si segnala l'istituzione della figura dell'ausiliario del giudice, un soggetto individuato tra giudici onorari, avvocati, notai, docenti che collaborera' allo smaltimento delle cause individuate come “prioritarie”. In proposito, i presidenti di Tribunale e Corte d'appello dovranno presentare, ogni anno, un programma di riduzione delle controversie delineando quali cause debbano godere di priorita' nella trattazione; per queste cause il giudice potra' avvalersi dell'ausiliario il quale sara' tenuto a formulare una proposta di risoluzione entro 90 giorni dalla nomina. Le parti potranno accettare o meno le indicazioni dell'ausiliario e, in caso di rifiuto, il giudizio proseguira' davanti al magistrato, ma con possibili conseguenze per chi non ha accettato la proposta di sentenza. Ed infatti, in caso di corrispondenza tra il provvedimento che definisce il giudizio da parte del magistrato e la proposta dell'ausiliario, la parte che non ha accettato la definizione di quest'ultimo potra' essere condannata al pagamento delle spese per l'ausiliario. 
L'emendamento prevede, altresi', la possibilita' di emissione della sentenza in forma breve; solo se una parte ne faccia richiesta la sentenza potra' essere depositata con motivazione estesa. Ancora, nell'ottica di smaltire l'attivita' istruttoria in capo al giudice, viene consentito che la testimonianza venga assunta anche dinanzi al cancelliere. 
Infine, la proposta modificativa introduce dei rincari per i contributi unificati: l'importo, per le impugnazioni, viene ad aumentare della meta' mentre per il giudizio di Cassazione viene determinato nella misura fissa di 500 euro. 
I primi commenti dell'avvocatura alle norme contenute in questo emendamento sono molto duri; per Maurizio de Tilla, presidente Oua, il nuovo testo rappresenta la continuazione dell'opera di demolizione della giustizia italiana; l'Anf, a sua volta, definisce detto piano come una “vera follia”.
Fonte: http://www.senato.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS