Martedì 24 aprile 2012

Per la configurazione del reato di accesso abusivo al sistema informatico non rilevano le finalita' dell’ingresso

a cura di: eDotto S.r.l.
Risponde del reato di accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico protetto, chi, pur essendo abilitato, ponga in essere una condotta di accesso o di mantenimento nel sistema, violando “le condizioni ed i limiti risultanti dal complesso delle prescrizioni impartite dal titolare del sistema per delimitarne oggettivamente l’accesso”.

In tale contesto, non hanno rilievo, per la configurazione del reato, gli scopi e le finalità che soggettivamente hanno motivato l’ingresso nel sistema.

E’ il principio di diritto espresso dalle Sezioni unite di Cassazione con sentenza n. 4694/12 ed integralmente ribadito dalla Corte di cassazione, Quinta sezione penale, nel testo della sentenza n. 15054 del 18 aprile 2012 pronunciata nell’ambito di un procedimento penale a carico di un dirigente dell’Agenzia delle entrate accusato di accesso abusivo al sistema informatico per il rilascio di codici fiscali fittizi e di false certificazioni.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS