Venerdì 23 ottobre 2009

Per i cittadini extracomunitari irregolari non sempre e' d’obbligo l’espulsione

a cura di: eDotto S.r.l.
La Corte Ue, in materia di applicazione dell’art. 23 della Convenzione di applicazione dell’Accordo di Schengen e del manuale comune (CAAS) relativo alla situazione di un cittadino di paese terzo che si trova in una posizione irregolare in uno Stato membro, ha stabilito che tale Stato non deve forzatamente procedere all’espulsione dello straniero. I giudici europei, nelle Cause riunite C-261/08 e C-348/08 del 22 ottobre 2009, ritengono che quando la normativa comunitaria dispone che lo straniero irregolare, in determinati casi, venga espulso, cio' vada applicato in relazione a quanto fissato nel diritto nazionale. Pertanto, in merito all’espulsione di un cittadino di un paese terzo che si trova in situazione irregolare nel territorio di uno Stato membro perche' non soddisfa le condizioni di soggiorno di breve durata, occorre rifarsi alle norme nazionali. Queste possono prevedere l’irrogazione di un’ammenda accompagnata dall’intimazione a lasciare il territorio entro un termine perentorio, al termine del quale se non si avra' ottemperato, si procedera' con l’espulsione immediata.
Fonte: Il Sole 24 Ore, p. 37 – L
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web