Mercoledì 27 luglio 2011

Per gli atti conservativi del condominio all’amministratore non serve il mandato

a cura di: eDotto S.r.l.
Ai sensi dell’articolo 1130, n. 4), codice civile, in materia di poteri dell’amministratore di condominio, questi è legittimato a compiere atti conservativi delle parti comuni dell’edificio, potendo agire in giudizio sia contro i condomini sia contro i terzi. In tale evenienza non è richiesto il mandato dei condomini.

E’ vero che tale potere, come ha più volte sostenuto la Corte di cassazione, è limitato ad atti materiali e giudiziari necessari per la salvaguardia dell’integrità dell’immobile.

Con sentenza n. 16230 del 25 luglio scorso la stessa Corte di cassazione ha statuito che, nel caso di specie trattato, la realizzazione da parte del costruttore dell’edificio di un seminterrato sotto il giardino condominiale, che ha richiesto la costruzione di un tetto di copertura insistente sul giardino sovrastante, ha privato i condomini di una parte di giardino condominiale.

Pertanto l’amministratore ha agito legittimamente per tutelare l’integrità dei diritti dei condomini, in conformità ai dettami del codice civile.
Fonte: http://static.ilsole24ore.com
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS