Venerdì 16 marzo 2012

Ok alla musica diffusa nello studio

a cura di: eDotto S.r.l.
Con sentenza pronunciata il 15 marzo 2012, relativamente alla causa C-135/2010 promossa da un dentista italiano, la Corte di giustizia dell’Unione europea ha escluso che il professionista che diffonda, nel proprio studio, della musica come sottofondo, debba considerarsi soggetto ad un compenso in favore dei produttori fonografici della musica medesima.

Anche se, nella specie, la musica viene diffusa a più persone, i clienti dello studio non possono considerarsi alla stregua di un pubblico, quale entità costituita - in base al diritto Ue - da un numero considerevole di persone. Del resto – sottolineano i giudici europei – è da escludere che la diffusione dei fonogrammi sia caratterizzata da uno scopo lucrativo, non essendo certamente collegata alla prassi delle cure dentistiche.

Ad una diversa conclusione, tuttavia, la Corte di giustizia è giunta in un caso in cui la musica era stata diffusa in albergo. Con riferimento alla causa C-162/2010 i giudici europei hanno infatti ritenuto determinante, al fine del riconoscimento del diritto ad un equo compenso per l'utilizzo di fonogrammi nelle camere delle strutture alberghiere, il carattere lucrativo dell'attività di diffusione in quanto l'offerta del servizio influiva, di fatto, sulla classificazione della categoria dell'albergo e sul prezzo delle camere.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web