Lunedì 6 giugno 2011

Non e' pratica parassitaria comprare parole sul motore di ricerca

a cura di: eDotto S.r.l.
Il Giurì di autodisciplina pubblicitaria, nella pronuncia n. 17/2011, ha escluso che l'acquisto di parole chiave all'interno di un motore di ricerca possa essere in contrasto con l'art. 13.2 del Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Nei fatti è accaduto che due imprese che esercitano attività di vendita di prodotti assicurativi hanno acquistato da Google le parole chiave (chiarezza.it e www.chiarezza.it): facendo ciò, secondo un'altra società attiva nel settore dell'intermediazione assicurativa, avrebbero messo in pratica una forma di agganciamento parassitario, permettendo alle due società di trarre un ingiustificato profitto in quanto le parole chiavi acquistate evocano nome propri dei prodotti e dei servizi svolti dalla società ricorrente.

Ma il Giurì ritiene che l'acquisto di parole chiave all'interno di un motore di ricerca rientra nell'attività di "comunicazione commerciale" per la visibilità che essa offre alle aziende. Inoltre non si ravvisa sfruttamento indebito visto che le parole acquistate sono di uso comune; esclusa anche la presenza di un ingiustificato profitto, che si ravvisa solo se la differenza di visibilità viene ottenuta con metodi tali da procurare un vantaggio competitivo a parità di qualità e di prezzo.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali